Appena ieri Appena ieri

Appena ieri

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Appena ieri, romanzo di Shmuel Yosef Agnon edito da Einaudi. L'epos dell'immigrazione ebraica in Terra Promessa, la Palestina nei primi anni del Novecento. Grandi illusioni, poco lavoro, molta miseria. E più di settanta lingue che si incrociano in un territorio ancora governato dall'impero ottomano. Tra Giaffa (l'odierna Tel Aviv) e Gerusalemme si snodano le vicende di Isacco Kumer, giovane di belle speranze arrivato dalla Galizia, quelle dei suoi amici e dei suoi amori: la russa Sonia, colta ed emancipata, la splendida Shifra, figlia di un rabbino ultraortodosso. E poi c'è Balac: un cane randagio che pensa e sogna come un uomo, uno dei personaggi più belli e originali nella storia della letteratura. Il tutto raccontato in una lingua sempre inventiva e straordinariamente ironica.

Shemuel Yosef Agnon (pseudonimo di Yosef Czaczkes) nasce a Buczacz, in Galizia, nel 1888, figlio di un commerciante di pellicce. Da ragazzo studia la Bibbia, il Talmud e la letteratura tedesca. Pubblica le sue prime poesie in yiddish a soli quindici anni. Nel 1908 si trasferisce in Palestina e scrive i suoi primi romanzi in ebraico con lo pseudonimo di Agnon. Nel 1913 torna in Europa e per una decina di anni vive in Germania. Nel 1924 torna in Palestina dove trascorre il resto della sua vita diventando la figura centrale delle rinate lettere ebraiche. Appena ieri (Einaudi, 2010), da molti ritenuto il suo capolavoro, viene pubblicato nel 1947. Nel 1966 riceve, insieme a Nelly Sachs, il premio Nobel per la letteratura. Muore nel 1970. Tutti i più grandi scrittori israeliani lo ritengono il loro maestro indiscusso, citandolo e rendendogli omaggio anche nei loro romanzi. In Una storia di amore e di tenebra Oz racconta quando lo incontrò da bambino. Yehoshua inserisce la sua casa-museo nel plot della Sposa liberata, oltre ad avere scritto sulle sue opere nella raccolta di saggi Il potere terribile di una piccola colpa. Tre libri di Agnon sono stati pubblicati in Italia da Adelphi: Una storia comune, Nel fiore degli anni e La leggenda dello scriba.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Appena ieri 2010-12-04 08:08:49 Jan
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Jan Opinione inserita da Jan    04 Dicembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla Fiera dell'est...

Per due soldi un topolino mio padre comprò...
Pochi sanno che l'ormai famigerato tormentone branduardiano deriva dall'Haggadah di Pesach, uno dei rituali più tradizionali della mistica familiare ebraica.
Glielo commissionò il giovane, allora, David Zard.
Chissà se Zard si ricorda ancora del più grande, del primo, del geniale Agnon? (Si legge con la "g" forte...come Ag...staccato non).
Colui che vinse il Nobel con la Sachs, mica noccioline.
Lo zio affermato di un tizio che si chiamerà...Amos Oz...

Shmuel ci conduce in un'osmosi brillante ricavata da una crasi storica ma anche competitiva : gli chalutzim (i coloni del primo novecento che fuggono, come lui, dai pogrom galiziani)rigonfi delle teorie Herzliane...e gli altri, quelli che "attendono il Mosciah ma senza fretta...chissà cosa direbbe".
La prosa di Agnon è limpida e furente, gioiosa e mistica, autocelebrativa e ironica.
"Due sono gli ingredienti per fare un buon ebreo, diceva mio padre: leggere tanto e soprattutto essere più sfortunati di un topo in gabbia: non voglio esagerare ma io allora sono riuscito proprio bene"!
Appena ieri è un reticolo di tradizioni ashkenazite mescolate al ritmo laico del Sionismo imperante.
Ci si può trovare un cane che parla e pensa, addirittura sogna, come un essere umano: Balac, il mio personaggio preferito.
Anche questo frutto dell'autoironia ebraica: "Dal Talmud in poi chi mai ha scoperto prima di noi che il cane è un essere sublime"? Senza aver paura di stigmatizzare il classico amore ebraico per la razza canina.
Leggende, luoghi comuni e apologi si fondono nell'intreccio di un romanzo fantastico.
Da non perdere.
Il prezzo è alto, ma, credete,ne vale davvero la pena.
PS Buttate via quella caricatura usurata e malriuscita di Moni Ovadia.Giù il cappello, signori,questo è Agnon!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
Il miele e l'amarezza
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello