Cani neri Cani neri

Cani neri

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Jeremy ha perso i genitori a otto anni in un incidente stradale: da allora va cercando dei sostituti, finché li trova definitivamente nelle figure di Bernard e June Tremaine, adottati per così dire attraverso il matrimonio con Jenny. Bernard e June si incontrano nella Londra degli anni Quaranta; a unirli è l'amore reciproco e la fede nell'ideale comunista. Ma per paradosso saranno proprio il loro amore testardo e la cocente disillusione del comunismo ad allontanarli nel corso degli anni. Il romanzo è appunto un tributo a questi due vecchi, rappresentanti della generazione che ha vissuto la propria giovinezza durante il secondo conflitto mondiale, e il tentativo di Jeremy di ricucire nel ricordo il loro amore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cani neri 2016-12-08 16:50:34 silvia71
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    08 Dicembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cani neri

Per chi conosce McEwan da altri titoli, la lettura di “Cani neri” non risulta propriamente dello stesso livello.
Pur approcciandolo esenti da pregiudizi di sorta e predisponendosi all'ascolto incondizionato, tuttavia si giunge al capolinea con una sensazione di non detto, di non riuscito, di vaghezza e inconcludenza.
Il tema predominante vuole essere un'analisi politica che tocca alcuni aspetti storici, dai drammi prodotti durante il regime nazista al consolidarsi delle idee marxiste fino alla caduta del muro di Berlino. Ora, citati questi argomenti “colosso”, la carne al fuoco su cui costruire un romanzo appare tanta, invece, anche se duole affermarlo, la materia non prende mai consistenza nell'intero arco narrativo, limitando la penna ad un vacuo abbozzo di eventi e situazioni.
Possibile che un autore come l'inglese sia scivolato su un errore banale come quello di costruire un' opera senza gettare le fondamenta e senza seguire il disegno di una trama ben congegnata?
Oppure McEwan temeva di appesantire la narrazione con messaggi politici troppo evidenti?

Lo definisco uno scritto anomalo, che ci priva dell'anima graffiante dell'autore, dello scandagliare nei recessi dell'animo umano, del saper disegnare personaggi dai volti comuni ma capaci di risvolti imprevisti.
Manca la tensione emotiva, il gelo che la penna sa creare.

Non può essere la lettura indicata per chi deve approcciare l'ottima penna di McEwan per la prima volta, perchè a parte il darne la misura stilistica, ne provocherebbe la delusione contenutistica distogliendo da altre opere che sicuramente meritano.

Un'occasione mancata, un bocciolo destinato a non fiorire, una trama sociale e politica tracciata con una matita che lascia un segno sbiadito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cani neri 2016-03-23 15:58:15 Cristina72
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    23 Marzo, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mancanza di ispirazione

E' un romanzo tutt'altro che riuscito, che dimostra come dalla penna di uno scrittore di tutto rispetto possano a volte uscire banalità e persino sdolcinatezze di prim'ordine.
La trama è sconclusionata, la noia incombe tra le righe, si aspetta che qualcosa accada e non accade nulla, a parte l'incontro ampiamente preannunciato della suocera del protagonista con due enormi cani neri e la sfilza di considerazioni esistenziali mescolate ad altri ricordi di gioventù che ne consegue. E' un po' la folgorazione sulla via di Damasco della donna, che rimette in discussione tutti i suoi valori comunisti, trova Dio e in un percorso lungo una ventina d'anni finisce per lasciare il marito, troppo razionalista per i suoi gusti.
L'antipatia che ispirano i personaggi (compreso l'io narrante, con le sue uscite da satollo borghese di sinistra) depone a sfavore della qualità della narrazione, dato che l'intento dello scrittore è con tutta evidenza quello di suscitare partecipazione e interesse per le idee e gli stati d'animo che via via va snocciolando. C'è una visita a Berlino, subito dopo la caduta del Muro (il protagonista accompagna il suocero ex comunista) e per par condicio c'è un tour in un campo di sterminio nazista in Polonia (in questo caso il nostro si trova in compagnia della futura moglie), viaggi che hanno tutta l'aria di appunti di viaggio di un solerte turista con un discreto talento per la scrittura.
Nelle ultime pagine, certi paesaggi bucolici del Sud della Francia, indubbiamente ben tratteggiati, presentano però l'inconveniente di cui sopra, lasciando la sensazione di una distanza siderale tra chi scrive e chi legge. Mancanza di ispirazione, probabilmente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cani neri 2012-11-01 14:48:51 Inaaza
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Inaaza Opinione inserita da Inaaza    01 Novembre, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore, dialogo ed equilibrio

Un romanzo breve ma intenso, che rappresenta l'eterna lotta tra mente e anima, materia e spirito.
Un'unità scissa da una visione, due cani neri che diventano simbolo del male e un uomo, Jeremy, che si trova a fare da ponte tra queste polarità rappresentate rispettivamente da Bernard e June, i suoi suoceri. Un libro da leggere, scritto bene, che ci fa riflettere sulla necessità di dialogo e su come ogni verità sia giusta in se stessa, ma allo stesso tempo, senza equilibrio tra le parti, sia solo una presa di posizione vana e inconcludente.
A volte l'amore non basta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altri testi dello stesso autore, Patrick McGrath
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri