Narrativa straniera Romanzi Cuccette per signora
 

Cuccette per signora Cuccette per signora

Cuccette per signora

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Akhila ha quarantacinque anni, non ha un marito né figli, né una casa e una famiglia. Una mattina, però, si sveglia affamata di vita ed esperienza. Indossa una sari rossa e nera e compra un biglietto per sola andata per un paese in riva al mare. Una dopo l'altra conosce le sue compagne di viaggio: Janaki, moglie viziata e madre confusa, Margaret Shanti, insegnante di chimica sposata con un insensibile tiranno; Prabha Devi, perfetta figlia e moglie; Sheela, quattordici anni, con la sua capacità di capire ciò che le altre non possono; Marikolanthu, la cui innocenza è stata distrutta da una notte di lussuria.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
3.5  (4)
Piacevolezza 
 
3.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cuccette per signora 2020-07-09 21:53:36 Angelica
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Angelica    09 Luglio, 2020

La risposta

Probabilmente vi sarà capitato di leggere un libro, vedere un film o semplicemente ascoltare una canzone che in qualche modo si sono rivelati adatti alla situazione che stavate vivendo e avrete pensato che potesse essere una sorta di risposta alla domanda che vi frullava per la testa in quel particolare momento della vostra esistenza .
Questa premessa è necessaria per spiegare a chi può essere adatto questo libro e perché a me è piaciuto molto ,ma non sono certa che possa suscitare lo stesso entusiasmo in tutte( e uso il femminile perché faccio fatica a immaginare un uomo leggere questo libro, sebbene io abbia letto talvolta libri destinati più ad uomini e quindi non escludo che qualche maschio incuriosito magari dall' universo femminile non decida di leggerlo)
Conoscevo già da tempo l'esistenza di questo romanzo, mi era stato consigliato da una cara amica , ma forse per via del titolo ( che non mi suscitava interesse) o forse perché pensavo fosse lontano dal mio gusto letterario , ho rimandato la lettura…fino a quando in una giornata di lavoro ne ho risentito il titolo e mi si è accesa una lampadina .
Diciamo che è stato lui a venirmi a cercare( dato che lo avevo snobbato) ed ha poi aspettato il momento giusto ( quello della famosa domanda che ti gira in testa) per riapparire e …colpire!
Cuccette per signora è la storia corale di alcune donne indiane ( ma potrebbero benissimo essere donne di qualsiasi altro paese del mondo ) , essere femminili che si incontrano in treno , in uno scompartimento riservato alle donne e iniziano...a raccontarsi come si racconta di sé ad una amica o come in questo caso a delle sconosciute che non rivedrai ma più.
La protagonista del libro si chiama Akhila ed è lei che avvia la conversazione perché cerca risposta ad una domanda fondamentale per la sua vita. Così attraverso le storie delle altre passeggere, diverse tra di loro e i racconti sulle altre donne conosciute nel corso della sua vita abbiamo modo di conoscere cosa vuol dire per una donna essere madre , moglie e figlia in una società che privilegia l' uomo .
Abbiamo modo di conoscere doveri, sogni, aspettative, rinunce e di vedere come in un tutto ciò ritorna spesso il concetto di amore, quello che diventa affetto o necessità, quello talmente esclusivo che tiene fuori pure i figli, l' Amore che si consuma e diventa paura e odio per chi ci sta accanto e che ci è diventato ora estraneo, quello che ha il coraggio di esistere senza annullarsi per l' altro ed in grado di amarlo per ciò che è davvero . L’ amore che non è tale ma è solo violenza per l' altro, morte e poi odio per se stessi . Ed è su quest' ultimo punto che si avvia poi la riflessione definitiva della protagonjsta ( a mio parere ogni storia e raccontata in un preciso momento quasi come se fossero gradini da salire per capire che non vai da nessuna parte se non parti dalla base che è il rispetto per se stessi ).
Il finale è la magnifica risposta alla domanda iniziale….





Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cuccette per signora 2016-06-11 19:55:56 Mariangela
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Mariangela    11 Giugno, 2016

Recensione

La società indiana che la Nair vuole rappresentare, tradizionalista e conservatrice, esplica pesanti condizionamenti sull’identità femminile: dipendenza dalla famiglia, impossibilità di autodeterminazione, soggezione alle figure maschili sono la regola per le protagoniste di questo romanzo.

I racconti delle sei donne (tenuti assieme da un pretesto fragilissimo, un viaggio in treno nella medesima cuccetta ferroviaria) si dipanano in modo parallelo senza mai incrociarsi; i fatti narrati sono così slegati che l’opera avrebbe tratto vantaggio – e si sarebbe forse presentata in modo più onesto – se fosse stata impostata come raccolta di racconti del tutto autonomi.

L’autrice ci prospetta questo gruppo di viaggiatrici che, senza timori o reticenze, si raccontano fin nei più intimi dettagli le vicende, talvolta scabrose, della loro esistenza. Stupisce, innanzitutto, che si dia per scontata la confidenza tra donne accordata in modo così immediato e incondizionato. È più facile che questo tipo di complicità istintiva scatti tra uomini che tra rappresentanti del sesso femminile: antagonismo e diffidenza non mancano nei gruppi di soli maschi, ma in quelli di sole donne sono più spiccati e marcanti.

La narrazione risulta un po’ artefatta e forzata e lo svolgersi degli eventi, sempre a lieto fine, presenta contraddizioni in termini di tenuta logica e di tratteggio psicologico. Sono ingenuità (o furberie?) che si avvertono in particolar modo nella vicenda della moglie che ingozza il marito perché ingrassi fino ad aver bisogno di un ricovero in una clinica specializzata; la donna afferma di sapere che l’obesità gli fa regolarmente perdere mordente e cattiveria, gli ammannisce quindi, in modo subdolo e continuativo, abbondanti porzioni di cibo che ha cura di preparare personalmente. Sembra che il metodo dell’ingrasso funzioni: l’uomo, aumentando di peso, perde la sua tracotanza e si trasforma in un pingue borghese inoffensivo.

Anche la storia della donna che, dopo una sola settimana di bagni all’aperto, supera tutte le sue inibizioni e, riconciliatasi con il proprio corpo, riscopre improvvisamente i piaceri del sesso, è veramente troppo ottimista, anche a voler accordar credito alle propagandate proprietà terapeutiche del nuoto.

La narrazione delle vicende di Akila, quarantacinquenne sfruttata dalla famiglia che coraggiosamente decide dopo anni di sacrifici di cambiare vita, sembra essere più equilibrata e strutturata rispetto a quella delle altre donne. A poche pagine della fine del romanzo, però, terminato il suo viaggio in treno, la donna si concede una spensierata avventura sessuale occasionale. Quello che l’autrice non ci spiega è come possano tutti i condizionamenti accumulati durante un’esistenza di educazione repressiva improvvisamente allentarsi e lasciare spazio a tanta disinibita libertà d’azione.

Fin dal titolo l’autrice strizza l’occhio a una supposta sensibilità femminile che, grazie a Dio, è più complessa ed esigente. Questo quadretto rosa che l’autrice confeziona per blandire un pubblico di lettrici è nel complesso melenso e poco veritiero.

Mariangela

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cuccette per signora 2012-04-27 19:46:26 Pupottina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    27 Aprile, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un libro che parla al cuore di tutte le donne

Era da un po’ che non mi concedevo una lettura seria, intensa, della narrativa importante che non sia pura evasione, ma riflessione. Una di quelle letture che non terminano senza averti lasciato dentro l’anima qualcosa, quel qualcosa che hanno trasmesso.
Vi parlo di Cuccette per signora della scrittrice indiana Anita Nair. Il romanzo è stato scritto nel 2002.
La protagonista è una donna di 45 anni, Akhila: quel tipo di donna che fa quello che ci si aspetta da lei e tutto il resto si limita a sognarlo. “Perciò colleziona brandelli di speranza, come i bambini collezionano biglietti usati. La speranza per lei è intrappolata all’interno di desideri irrealizzati.” È una donna senza marito, senza figli, ma che ha un lavoro che le permette di portare avanti la famiglia e che scopre disapprovazione negli occhi della sorella Padma, quando le dice che improvvisamente deve partire in treno, diretta in un paesino in riva al mare, Kanyakumari. Akhila ha sempre sognato fughe e spazi liberi. È affamata di vita e di esperienze.
In treno, trova posto in una cuccetta per signora con altre cinque donne con le quali condividerà il viaggio e scoprirà modi di vivere alternativi al suo.
Con Akhila, nella cuccetta (così come prescriveva una legge indiana che prevedeva che le donne dovessero viaggiare solo con altre donne), ci sono: Janaki, sposata da quaranta anni, con un uomo che l’ha sempre protetta e l’ha fatta vivere come sotto una campana di vetro, e madre confusa e protettiva verso il figlio ormai grande; Margaret Shanti, insegnante di chimica, sposata con il preside della sua scuola, un uomo insensibile nei suoi confronti e al suo desiderio di maternità, di cui lei si vendica, rendendolo schiavo delle sue attenzioni fisiche fino ad ottenere ciò che vuole; Prabha Devi, una donna perfetta, una moglie, una madre, un sogno in stile newyorchese in un'India arretrata mentalmente, l’ideale di ogni uomo finché la situazione non le sfugge di mano; Sheela, una quattordicenne con la testa sulle spalle, un’innocente, con la voglia di cambiare le regole e la capacità di capire ciò che le altre donne hanno sbagliato nelle loro vite; Marikolanthu, la cui vita è cambiata da una notte di lussuria che l’ha segnata, cambiata e fatta odiare per l'umiliazione che aveva fatto subire alla sua famiglia e per la sua stessa mancanza di istinto materno. Tra queste sei donne si crea, subito e con naturalezza, una profonda intimità; si stabilisce una forte sintonia, un rapporto solidale. Anche la stessa Akhila capisce quale percorso far seguire alla sua vita.
Il fatto che queste donne siano indiane ha reso forse le loro storie più toccanti e intense, nonostante le loro vite non siano molto diverse da quelle delle donne occidentali, intrappolate nei doveri e nelle responsabilità della quotidianità, ma sempre alla ricerca di una forma di felicità, che doovrebbero poter provare tutte.
Questo romanzo è come se fosse una ben amalgamata raccolta di racconti, ognuno di una donna e di una vita diversa, ma allo stesso tempo simile, probabile, autentica.
La lettrice entra in questo universo costruito da forme di femminilità in cui in parte ci si ritrova. Ogni vita trasmette qualcosa, lascia una sua traccia, suscita un’emozione o un’amara riflessione.
Se siete pronte a questo tipo di lettura, che può interessare anche un uomo, che voglia conoscere meglio cosa si cela dietro l’universo femminile, vi consiglio di intraprenderla anche in virtù dell’emozionante fluidità con cui è stata scritta. Anita Nair è un’ottima scrittrice che sa raccontare le tradizioni della sua India moderna e la femminilità delle donne che cercano di svecchiarla, di difendersi dal mondo e dagli spazi in cui gli uomini le hanno relegate per troppo tempo.
Nel romanzo ci si chiede se le donne possano vivere senza gli uomini, se siano in grado di provvedere a loro stesse e alle loro esigenze. La domanda successiva, che con questo romanzo nasce spontaneamente, è se sono mai esistiti uomini in grado di vivere senza avere una donna al loro fianco.
È un romanzo che merita di essere letto nella sua complessità che regala esistenze fragili e anime combattive che vorrebbero cambiare la situazione delle donne.
VOTO 10+

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cuccette per signora 2011-04-15 17:10:00 eleonora.
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
eleonora. Opinione inserita da eleonora.    15 Aprile, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il viaggio

Il viaggio di sei donne che si troveranno a condividere la stessa cuccetta del treno per arrivare ognuna alla propria destinazione.
Il viaggio dentro alla vita di queste donne, che durante le ore passate insieme si racconteranno.
Donne indiane di diversa età e con un diverso vissuto, nei loro racconti è come se ognuna parlasse a voce alta a se stessa, come se il solo parlare potesse in qualche modo dare un senso alle loro vite. Ognuna a turno racconta i propri fallimenti le proprie delusioni, nei confronti di una vita che il più delle volte si sono trovate a vivere, perché non è così semplice scegliere soprattutto quando la cultura in cui si vive, è legata alla visione della figura della donna unicamente come madre, moglie e appoggio della famiglia di origine. Akhila (la protagonista) è invece una donna sola, senza marito ne figli, distaccatasi poco prima di intraprendere il viaggio dalla sua famiglia di origine, per cercare di vivere la vita secondo i suoi desideri, scrollandosi di dosso il giudizio negativo di "zitella" e il peso per non aver vissuto una vita "normale" come tutte le sue coetanee.
Nonostante i molti spunti della storia, tutto rimane come un pò sospeso e scollegato. Gli sfoghi delle donne sono, come ho accennato prima, racconti in solitaria, non esiste tra di loro un vero dibattito un vero confronto ed è un peccato!

Durante il racconto il rimando ai cibi indiani è continuo, nelle ultime pagine è stato creato un mini ricettario con alcuni piatti, un'idea molto carina dell'autrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri