Narrativa straniera Romanzi Dona Flor e i suoi due mariti
 

Dona Flor e i suoi due mariti Dona Flor e i suoi due mariti

Dona Flor e i suoi due mariti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Vitale, avvenente e scanzonata, Dona Flor vive i suoi giorni di sposa, vedova, e di nuovo sposa, nell'atmosfera magica e densa di Bahia. Dopo la morte improvvisa di Vadinho, eccezionale ballerino e amante inesausto, Flor riprende marito. E' tutto un altro tipo don Teodoro, farmacista stimato, uomo rispettabile e affettuoso. Dopo l'ebbrezza dell'eccesso, la pace dell'ordine decoroso. Finché un giorno, richiamato dal desiderio di Flor, il primo marito le appare in sogno. Sarà con le inesauribili risorse della magia che Dona Flor rimedierà alla "lontananza" di Vadinho, rendendolo vivo solo per lei, e per lei nuovamente amante e ballerino.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (4)
Contenuto 
 
4.3  (4)
Piacevolezza 
 
4.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Dona Flor e i suoi due mariti 2016-12-01 15:17:34 giuse 1754
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
giuse 1754 Opinione inserita da giuse 1754    01 Dicembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amiamo il marito fedele ma anche il partner trasgr

Vadinho è un marito impossibile: giocatore incallito, dongiovanni mai pentito, un uomo su cui non si può contare. Eppure, con la sua sensualità priva di inibizioni, sa risvegliare in Dona Flor tutti gli istinti repressi, facendole vivere amplessi gioiosi e appassionati. La moglie ne è innamorata al punto da perdonargli tutto, anche l’imperdonabile.
Vadinho muore all’improvviso, durante i riti del Carnevale baiano. Dona Flor è inconsolabile, a dispetto del sollievo della madre Donna Rozilda e delle altre comari che non si spiegano l’attaccamento della vedova a un marito tanto problematico.
Ma la vita va avanti, Dona Flor riprende le sue lezioni di cucina e finisce con l’accettare la proposta di matrimonio del morigerato farmacista Teodoro. Il dottore si rivelerà un ottimo sposo, premuroso e affidabile oltre che innamoratissimo. Ma a letto, ahi, a letto resta altrettanto morigerato, suscitando sempre più in Dona Flor la nostalgia per lo sfrenato Vadinho.
Richiamato su questo mondo dal desiderio della moglie, Vadinho ritorna a corteggiare in maniera sempre più pressante la donna, combattuta fra il desiderio di restare onesta e la voglia di cedere al primo marito. Cederà alla fine, e volentieri, barcamenandosi tra il primo e il secondo marito. Anzi, la focosa relazione con Vadinho pare giovare anche al secondo matrimonio…
Nella colorata e a tratti ridondante narrazione brasiliana di Jorge Amado, si intravede chiaramente la complessità dei rapporti umani. Siamo un po’ tutti come Dona Flor: per sentirci appagati e completi cerchiamo negli altri tanti sapori diversi, e non sto parlando solo di rapporti sentimentali. Abbiamo bisogno dell’amico d’infanzia che condivida i ricordi e di quello appena conosciuto con cui portare avanti l’ultima passione, cerchiamo il marito fedele ma anche il partner trasgressivo, le lasagne al forno e il sushi.
Perché in ognuno di noi c’è l’angelo e c’è il demone, ed entrambi vanno accontentati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Dona Flor e i suoi due mariti 2013-05-03 18:36:13 lisetta.
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
lisetta. Opinione inserita da lisetta.    03 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bella, ingombrante, voluttuosa Dona Flor

Amado ci narra questa favola, che pur iniziando con una morte, la morte di Vadinho marito di Dona Flor, è comunque un inno alla gioia di vivere. Nonostante il dolore di Dona Flor , le sue lacrime versate per quello screanzato di Vadinho, ogni pagina è intrisa di allegria e ilarità.
Bella, sensuale Dona Flor , succulenta e saporita come i piatti che cucina. Non si può non provare solidarietà con questa donna innamorata pazza di un debosciato come Vadinho: amante delle donne, del gioco e del vino, che ha vissuto tra imprese divertenti, raggiri sfacciati, pasticci e imbrogli. Una vita stressante quella condotta da quest’uomo, che lo portano alla morte a soli 31 anni.
Ma a onor del vero, Vadinho aveva anche un cuore gentile, amico di tutti e sempre pronto ad aiutare chi si trovava in difficoltà, per questo in tanti gli volevano bene. E in molti vogliono bene a Dona Flor, e non la lasciano mai sola. Tanti i personaggi che in un incessante turbinio ruotano intorno a lei, a partire dalla madre Dona Rozilda. Questa donna in realtà non è una donna “ma un mercoledì delle ceneri” in quanto in grado di sterminare il buon umore a chiunque (tranne a Vadinho). Rabbiosa e velenosa con tutti, anche con il povero marito incapace di offrire a lei e alle figlie, una vita agiata. Così la gente afferma che, questo povero uomo abbia pazientemente aspettato la prima banale malattia, pur di passare finalmente a “miglior vita".
Ci sono poi le comari con il loro continuo pettegolio: un piccolo gruppo ben nutrito di donne giovani e vecchie, perché in fondo spettegolare è un’attività che “non richiede atto di nascita”. Ecco allora Dona Romilda, Dona Amelia, Dona Norma l’amica del cuore di Dona Flor, che si fa in quattro per tutti i vicini, prestando cibo e vestiti, dispensando saggi consigli,e poi, suo marito Zè Sempeio il malato immaginario, che passa tutta la sua vita a letto convinto che la morte sia vicina. E a proposito di pettegolezzi c’è anche Dona Dinora “capostipite delle Beghine”, la più pettegola di tutte, al punto tale di avere guadagnato la fama di veggente. Sarà proprio dona Dinora a “prevedere” il secondo matrimonio di Dona Flor con un farmacista di nome Teodoro. Finalmente un uomo di animo tranquillo e modi pacati che , nonostante l’età, alla vista di Dona Flor si agita e trema tutto come fosse un ragazzino al primo amore. Un uomo dabbene quindi, (nulla a che vedere con Vadinho), nemico delle frodi e dei raggiri, amante delle leggi e delle usanze, ma soprattutto amico fedele dell’ordine e della quotidianità. Dona Flor accanto a Teodoro sembra dunque trovare la pace e la tranquillità che voleva, tutta la sua vita ora è organizzata a cadenze regolari, anche gli incontri intimi avvengono solo ed esclusivamente di “martedì e sabato con bis”. Eppure nel suo animo l’irrequietezza si fa strada, fino a rimpiangere il suo primo marito, che per amor suo torna dall’al di là e…..
Amado come uno stregone usa una scrittura intrisa di magia che fin dalla prima pagina ti fa immergere dentro i sapori, i colori e gli odori e la solarità del Brasile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Dona Flor e i suoi due mariti 2013-04-08 06:49:47 MATIK
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    08 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dona Flor e i suoi due mariti.

"La felicità non ha storia, con una vita felice non si può scrivere un romanzo."

Ho fatto molta fatica ad entrare dentro questa storia di Amado, perché la sua scrittura è farraginosa, a tratti annoiante, si dilunga troppo nell'esprimere un concetto, spesso risulta non fluente e scorrevole.
La storia racconta di dona Flor, che sposata con un primo marito "Vadinho, pazzo e tiranno, fuoco e brezza," un uomo divertente, brillante, affascinate, ma anche irresponsabile, appassionato di ogni donna e soprattutto del gioco, quando lei ha bisogno è difficile che sia presente e di aiuto, poi all'improvviso il poveretto dopo una vita di sregolatezze muore.
Dona Flor dopo il lutto stretto di circa un anno, alla fine si sposa di nuovo con Teodoro il farmacista, "premuroso marito,...si occupa della sua virtù, del suo onore, del suo rispetto umano," un uomo sempre gentile, serio, affidabile, coscienzioso, e molto metodico che la porta in una vita sempre uguale, senza scossoni e forse anche piena di noia.
"Lui il tuo volto mattutino, io sono la tua notte, l'amante di fronte al quale hai né possibilità di fuga, né forza, Siamo i tuoi due mariti, i tuoi due volti, il tuo sì e la tua negazione. Per essere felici hai bisogno di tutte e due. Quando eri sola con me avevi il mio amore ma ti mancava tutto, e quanto soffrivi! Poi avesti solo lui: avevi tutto, non ti mancava nulla, e soffrivi anche di più. Ora sì, sei dona Flor intera, come devi essere."
Il dilemma, è quello del non essere mai felici, quando riusciamo ad esser mai veramente completi e interi?, alla fine nell'ultima parte di questo libro avverrà la svolta, una svolta divertente e allegra, la risposta sarà un po' sopra le righe,! Verremo a conoscere il mondo di Bahia, con le sue donne pettegole, la cucina golosa e stuzzicante, i balli sensuali come il tango e il samba, un mondo dove i riti voodo sono all'ordine del giorno visto che la popolazione nel corso dei millenni ha subito influenze afro.
Affascinata e deliziata dal modo in cui Amado tratta l'animo femminile.....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ama viaggiare con i libri qui conoscere usi e costumi del Brasile....e Dona Flor!
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Dona Flor e i suoi due mariti 2010-11-14 21:46:21 Indigowitch
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Indigowitch Opinione inserita da Indigowitch    14 Novembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La mia forza è il tuo desiderio...

Perché un solo amore non ci basta? Sarà capitato a tutti voi di porvi questa domanda,
ora con amarezza, ora con rabbia. E la stessa domanda si pone Dona Flor, che dopo aver perso
il marito Vadinho, viveur, donnaiolo e giocatore d’azzardo, riesce a innamorarsi, solo dopo
tanta sofferenza, di un uomo completamente diverso da Vadinho, Teodoro.
Amado non pretende certo di dare una risposta a un quesito così complesso, ma si limita a darci un succulento ritratto della città di Bahia, con i suoi quartieri popolari, la misteriosa convivenza di cristianesimo e rituali magici yoruba, importati secoli prima dagli schiavi di origine nigeriana.
Dona Flor è una donna di altri tempi: semplice, buona, bella di una bellezza frutto della sublime mescolanza di etnie diverse, apparentemente timida, ma con un animo appassionato e sensuale.
Amado indaga le contraddizioni dell’animo di Flor col suo consueto tono bonario e paterno, svelandoci il suo passato, le sue lacrime per un marito scavezzacollo, i suoi tormenti d’amore.
Verremo introdotti in un mondo colorato, vivace, fatto di comari acide, giocatori d’azzardo, vicine di casa impiccione e altre calorose e solidali come solo nel sud del mondo può accadere.
Inutile dire che questo mix di magia e di quotidianità mi ha completamente conquistata.
Amado riesce a creare una storia che brulica di vita, di risate, di lacrime, di una saggezza popolare che non si dovrebbe mai dimenticare. C’è un invito implicito a non lasciarsi mai trasportare dai pregiudizi morali, dalle apparenze: si può rimpiangere un pessimo marito per quegli sprazzi di generosità e di amore che ha donato alla moglie, così come la più famosa prostituta della città può rivelarsi un'ottima madre di famiglia. Questi sono solo alcuni esempi del mondo variegato in cui si viene catapultati aprendo questo libro.
E' anche un romanzo sul desiderio, perché nella storia il desiderio di Dona Flor funge da incantesimo silenzioso e scatena forze inaspettate...Ma non vi guasto la sorpresa.
Per quanto mi riguarda è uno dei libri della mia vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore