Estate Estate

Estate

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Estate è il quarto volume della serie di Ali Smith dedicata alle stagioni: romanzi che raccontano in tempo reale le crisi del presente (dalla Brexit alla pandemia) ma attraverso una chiave universale: quella dell'incontro salvifico e generativo con l'altro. In questo caso, la famiglia Greenlaw (Grace, separata dal marito; Sacha, sedicenne coscienziosa e impegnata; Robert, tredicenne geniale ma imbevuto di retorica dell'intolleranza) decide di mettersi in viaggio insieme a una coppia appena conosciuta. Il risultato è il gioioso movimento finale di una straordinaria sinfonia sul nostro tempo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Estate 2021-11-15 16:15:19 68
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    15 Novembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tempi uguali e diversi

“ Estate”, ultimo romanzo di una tetralogia dedicata alle stagioni, inserisce una coralità di voci e microstorie in una circolarità di forma e contenuti, viaggio temporale con vista sulla contemporaneità, rappresentazione poetica e iperrealista di un momento tragicomico che ha assunto i contorni fisici e spirituali di un isolamento protratto in un contesto pandemico tuttora incerto e tremendamente vero.
Il tema fondante è la fragilità del presente, in una solitudine non autoimposta, e, di rimando, la capacità di resistere e reinventarsi, in una condizione di insufficienza e isolamento, privilegiando il nutrimento spirituale, l’ arte, la comunicazione, l’ ascolto, il linguaggio, l’ unicità, in una circolarità che origina da un individualismo sadico e fuorviante ma che restituisce storie e contenuti provvidenziali.
Il romanzo esprime voci ed età difformi, scandito da uno sguardo esterno ma non estraneo, collega microstorie a sbalzi temporali con un intento, dare voce a chi voce non ha, denunciare le manchevolezze di una politica che insegue tendenze e pubblico consenso, dimenticando i dimenticati, in un’ adolescenziale rappresentazione di se’ a partire dal buffo primo ministro britannico e dai suoi comportamenti che nulla hanno da spartire con il dramma del presente, un virus da subito sottovalutato e che non concede sconti.
Oltre un presente che si scontra con la forza del virus, e qui l’ autrice spezza una lancia a favore dell’ eroico sistema sanitario spesso dimenticato, non resta che affidarsi al nutriente potere salvifico della parola di cui i molteplici personaggi ne sono espressione suprema.
Una ragazzina a cui piacciono un sacco le parole, consapevole della follia della specie cui appartiene e che vorrebbe salvare il mondo, un intelligentissimo piccolo fan di Einstein, Robert, silenzioso fuorilegge, una madre preoccupata e sola che rivive i giorni della propria giovinezza, quando si riteneva un’ artista, un padre che si è rifatto una vita nella casa accanto, una giovane donna che sta scrivendo un testo sulle parole prima di perdere lei stessa l’ uso della parola, uno smemorato e bizzarro centenario appena uscito dalla guerra che continua a sognare fluttuando tra passato, presente e trapassato, una ex coppia che gestisce un sito web di art in nature, un eroe indesiderato rinchiuso in un campo di detenzione.
Ciascuno vive a suo modo e rimanda una realtà soggettivata, ugualmente importante, in un presente indefinito per lo più insopportabile e contraddittorio, ciascuno è collegato alla vita degli altri, la determina, la modifica, ne è parte integrante, in tempi e modi diversi, anche altrove.
Ecco, allora, brandelli di immagini che arrivano dal passato, le cose cambiano così di colpo da insegnarci che tutto è fragile e che la felicità può andarsene in un soffio, ma forse dovremmo ammettere che viviamo tutti in una prigione aperta.
Il senso, come sempre, sta nell’ avere qualcosa da dire, nell’ ascolto, nella profondità del pensiero, nella relazione con l’altro, fondata sull’ inclusione, ricordando gli errori pregressi, nell’ accogliere un’ umanità pronta a concedersi, stupire, stupirsi.
E allora ritornano i temi già noti, il delirio della Brexit, l’ omologazione alienante, il linguaggio accidioso e belligerante, la socialità banalizzante, una politica corrotta e autoreferenziale, l’ individualismo becero e narcisista, la ghettizzazione e l’ esclusione dell’ altro, l’ ignoranza becera, ma il soffio vitale dell’ esistenza rifugge limiti e confini. E ci si interroga su che cosa stiamo a fare al mondo, per fare un sacco di soldi, per avere un sacco di gente che urla il nostro nome, per difendere il nostro piccolo orticello?
La forza della memoria riporta a un passato di guerra, imprigionati in un campo di prigionia nella stessa nazione che ci aveva accolti in fuga da uno stermino annunciato, una giovane donna nata per l’arte, un genio del nostro tempo che ha calpestato il suolo britannico ( Einstein ), insieme a voci letterarie immortali ( Shakespeare e Dickens ).
Ali Smith si conferma voce fuori dal coro e acuta scrittrice contemporanea in grado di dare forma laddove regna un caos generalizzato. Il romanzo può essere letto e goduto al di fuori della tetralogia, possiede una forte connotazione politica e storica ma anche una profonda essenza letteraria e un sottile sarcasmo.
Le molteplici voci difformi ne miscelano il contenuto, quell’ umanità unita, pensante, gentile, accogliente, nata per amare.


...” ma l’ estate è così, e’ camminare lungo una strada verso il buio e verso la luce proprio allo stesso tempo. Perche’ l’ estate non è soltanto un racconto allegro, perché non può esistere nessun racconto allegro senza l’ oscurità. La più breve ed elusiva di tutte le stagioni, quella che rifugge da tutte le responsabilità, perché l’ estate fugge e non ve ne resta in mano nulla se non pezzetti, frammenti, momenti, lampo di memoria delle cosiddette, o immaginarie, estati perfette, quelle estati che non sono mai esistite “....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Estate 2021-10-15 16:38:14 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    15 Ottobre, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'estate dentro

«Se riuscisse ancora a cantare, canterebbe una canzone che dice che il tempo è più di una cosa, il tempo è vetro e sabbia, il tempo è fragile e fluido, il tempo è delicato e duro, il tempo è tagliente e smussato, il tempo è ora e antichissimo, il tempo è prima e dopo, il tempo è liscio e ruvido, e se cerchi di non essere troppo attaccato al tempo, il tempo ti ride in faccia e ti stacca la pelle.»

Con “Estate” Ali Smith porta a conclusione il suo quartetto dedicato alle stagioni. Correva l’anno 2016 quando “Autunno” fece il suo ingresso per la prima volta in libreria. E come sempre l’autrice torna a parlare di temi forti e attuali, a lei cari come a noi. Questa volta l’opera non può non risentire degli sconvolgimenti che hanno toccato la Gran Bretagna e, più precisamente, la Brexit ma anche l’epidemia Covid-19 che ha colpito tutti noi. Non mancano, ancora, tematiche care alla scrittrice quali l’immigrazione e i centri di detenzione per immigrati.
E come può svilupparsi questa estate se non con quel tepore che può essere suscitato anche semplicemente da un abbraccio da una persona cara o dall’arrivo dei rondoni? È una stagione che si colloca nei cuori e nonostante la brevità non può che essere definita e delineata quale immortale.
Ed è proprio in questo contesto che a far da sfondo non manca l’epidemia di Covid-19 che però non fa venir meno le vicende che si susseguono e che vedono molteplici protagonisti susseguirsi. In particolare in una famiglia dove i legami e gli affetti sono scanditi dal tempo che passa e da fatti del passato che si susseguono. Non sembra nemmeno di essere in un romanzo tanto sono vivide e susseguenti e sceneggiate le scene, appunto, che si scandiscono.
Conosciamo così Grace, Sacha e Robert. Rincontriamo Daniel ed Elisabeth, i vicini nella stagione autunnale, in un alternarsi per Daniel ora ultracentenario tra presente e passato. E si allacciano queste storie tra loro, questi protagonisti dello ieri e dell’oggi. Si fondono tra loro, mescolandosi e creando una nuova materia viva e pulsante.
Tanti ancora i personaggi citati, da Charli Chaplin passando per Rainer Maria Rilke, Greta Thunberg e giungendo a Albert Einstein. Presenti ancora riflessioni sul tempo della nostra attualità, presenti ancora riflessioni sul governo britannico e su quelle nuove abitudini che sono entrate a far parte.
Un titolo complesso, stratificato che ben conclude un’opera che conquista e coinvolge, che fa riflettere e non si dimentica in un caleidoscopio di colori ed emozioni.

«A Sacha si è riempito il petto di quel calore che le era capitato di sentire una volta, quando era molto piccola; all’epoca aveva chiesto a sua madre come mai questa sensazione fosse così bella e sua madre le aveva risposto: è perché hai l’estate dentro.»

Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri