Narrativa straniera Romanzi Il cottage sull'oceano
 

Il cottage sull'oceano Il cottage sull'oceano

Il cottage sull'oceano

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

In una giornata di pioggia e mare grosso Jessica arriva a Zane, un piccolo villaggio sulla costa meridionale dell'Australia. In cima all'altura, dove si trova il cottage in cui ha deciso di andare a vivere, vede lo scintillio del mare e pensa che è proprio quello che voleva quando è partita da Melbourne. C'è qualcosa di quasi confortante in quella desolazione. Sembra davvero una metafora del suo Io, l'Io di una donna che ha avuto un primo marito suicida, una figlia lontana e poco amata, un secondo marito, narcisista e distratto. Una donna che, nella quiete di quel promontorio lambito dalle maree, cerca la calma necessaria per rimettere insieme i pezzi della propria vita. Quello che Jessica, tuttavia, non sa è che la casa sul promontorio non è abitata soltanto dal mare, ma dall'inquietante memoria di una tragica passione, nelle cui trame si troverà sempre più avvinta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cottage sull'oceano 2015-10-20 06:29:27 Natalizia Dagostino
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Natalizia Dagostino Opinione inserita da Natalizia Dagostino    20 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

storia gotica e solitaria

Mi attraggono le storie gotiche, i respiri dei luoghi, i silenzi delle case, le memorie che le pareti custodiscono. Parlo, ma non sono da sola, negli spazi della mia storia, rinnovo sempre il "saluto alla casa", insegnamento antico. Temo le località addormentate, senza anime, ma, ancor più, i luoghi delle feste, quelli falsamente vivaci, briosi e in superficie; posti, solo, spaventati e confusi.

Dorothy Hewett, scomparsa nel 2002, australiana, docente di letteratura, è, con le sue lettrici, donna riflessiva e generosa, paziente e luminosa.

Ci sono solitudini organizzate che sono belle, solitudini privilegiate, di nicchia, come quella di Jessica Sorensen, cinquantacinquenne che si allontana da Melbourne per abitare il mare e decide di trovare dimora presso il cottage sull’oceano appartenuto a Miss Hannah, misteriosamente scomparsa, forse ancora viva!

Zane è un piccolo villaggio sulla costa meridionale dell’Australia e diviene presto per Jessica lo spazio spirituale del cambiamento di sé e delle relazioni: con Tom, fratello sieropositivo, con la figlia Beth e la nipote Lulu, con il primo marito, morto suicida e con il secondo, arrogante e anaffettivo.

Jessica è vecchia ed è ancora giovane, è giovane e si sente già vecchia. Come ogni persona, si porta addosso un sacco di anni, molti di più dell’età storica. Perchè il cambiamento umano origina, anche, dal tempo di ogni ambiente che ci segna e che è modificato dalla nostra esperienza vitale.

Le persone veramente solitarie, solitarie non per difesa ma per godimento, sentono gli spiriti e vivono lo spaesamento dei territori. I luoghi ci insegnano, ci cercano, ci lasciano andare oppure ci tengono stretti perché proteggono la libertà. Ci aspettano.

"Le donne sono incredibili" borbottò. "Si ricordano sempre. Tengono i registri del mondo intero". "Qualcuno deve pur farlo". p.79
“Non è certo un futuro roseo, pensò, ma sopravviverò a modo mio. C’era persino una punta di perversa eccitazione in questo. Come la casa in cui abitava, restava salda al suo posto, ad affrontare gli elementi.”p.118
"Perché eri una veggente, non come la maggior parte dei musi bianchi, che non riescono a vedere più in là dei loro bei nasi a punta. Ecco perché ti sei ammalata, non per la broncopolmonite, ma perché hai sempre negato quella parte di te, l’hai tenuta lontana e così ti ha mutilato." p.164

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri