Narrativa straniera Romanzi Il professore di desiderio
 

Il professore di desiderio Il professore di desiderio

Il professore di desiderio

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Da studente al college, David Kepesh si proclama «libertino fra gli eruditi, erudito fra i libertini». Non sa ancora quanto profetico - o fatale - si rivelerà questo motto. Perché seguendo Kepesh dall'ovattata vita familiare dell'infanzia fino allo sconfinato territorio selvaggio dell'opportunità erotica, da un ménage à trois a Londra ai travagli della solitudine a New York, Philip Roth crea un romanzo di suprema intelligenza, toccante e spesso esilarante, sul dilemma del piacere: dove lo cerchiamo, perché lo fuggiamo, con quanta fatica giungiamo a una tregua fra la dignità e il desiderio.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
3.3  (3)
Piacevolezza 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il professore di desiderio 2016-07-03 06:05:32 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    03 Luglio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il desiderio. Come? Perché? Quando? Dove?



Un altro Roth, un altro tuffo in una scrittura che mi trascina e mi porta con sé, ovunque abbia deciso di andare...perché Roth è un fiume in piena, mi travolge e mi stordisce con parole che hanno il potere di ipnotizzarmi, anche quando raccontano qualcosa che non mi appartiene.
Allo stesso tempo Roth riesce a dirmi cose di me che io già possiedo e provo, ma che, in realtà, non so neanche di avere fino a quando non le leggo.
Se dovessi raccontarvi di cosa parla questo libro, potrei dirvi che racconta della giovinezza e della formazione sentimental/sessuale del professore di letteratura David Kepesh, uomo libertino e succube del fascino femminile, che dopo un periodo di vita dissoluto e privo di qualunque inibizione e di un matrimonio finito male, assapora il disagio dell'impotenza, per poi essere salvato da una donna...ma non starei dicendo la verità.
Questo romanzo parla di molto molto altro.
Attraverso le esperienze di Kepesh, Roth ci racconta del dilemma del desiderio: dove lo cerchiamo, perché, quando, come...e soprattutto qual è il confine che lo separa dalla dignità, dalla ragione.
E lo fa con dialoghi e flussi di coscienza di un'intelligenza imbarazzante, che passano attraverso Tolstoj, Cechov, Kafka, come stesse bevendo un bicchiere d'acqua...e alternando ironia, sarcasmo e scavo psicologico come in una perfetta sinfonia.
In pieno stile "Roth".

"Nasciamo innocenti, patiamo atroci disillusioni prima di accedere alla saggezza, viviamo nella paura della morte e a compensare il dolore non abbiamo che frammenti di felicità".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il professore di desiderio 2013-08-19 09:33:44 Stefania83
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Stefania83 Opinione inserita da Stefania83    19 Agosto, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lettura interessante

Stile originale e brioso, lettura dinamica ed interessante nonostante la storia in sè, se spogliata del valore che le si dà leggendola, non sia particolarmente articolata o avvincente. Insomma, la trama non è particolarmente complessa e strutturata. Il filo conduttore di questo romanzo è la tensione erotica che attraversa il protagonista, vissuta non come fine a se stessa ma come canale di conoscenza interiore. La vita del protagonista ne è condizionata, così come le sue scelte e gli eventi che lo coinvolgono. Il tutto è raccontato con dei tratti di sapiente ironia, dando ai sentimenti umani che pervadono il racconto la giusta dimensione tra il grottesco, il possibile ed il reale.
Mi sento di dire che è un buon libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Come sempre, consigliato a chi ama leggere al di là dei generi e delle abitudini di lettura.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il professore di desiderio 2013-06-17 08:58:57 C.U.B.
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    17 Giugno, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I desideri del professore

David kepesh , giovane professore universitario e la sua grande passione : il fremito erotico. Questo e' infatti l'argomento itinerante del romanzo dove , dai tempi del college fino alla cattedra in lettere, dischiude al lettore il sipario della sua sessualita' e delle relazioni che lo hanno affiancato durante la vita.
Estroso attore iperattivo nelle prime esperienze sessuali , variopinte in un triangolo amoroso dalle pennellate picassiane, convola successivamente a nozze con una tanto splendida quanto sfuggente e controversa bellezza . Dopo il prevedibile divorzio la svolta: Claire, colta intelligente giovane bella, la moglie perfetta , la madre perfetta.
Ma la sindrome da peccato originale , che guizza caparbia partendo da ogni singolo neurone lassu' all'estremo nord di Kepesh fino giu' , giu' nei pressi del basso ventre non ha pieta' . Essa esorcizza ogni forma di sensata padronanza che lui potrebbe pretendere sulla sua carne, sui sentimenti, sul raziocinio in un lievitare di dubbi e riflessioni di un maschio che non riesce a trovare il giusto connubio tra amore lungimirante e sessualita'.

Scritto con uno stile brillante, affascinante, ironico e sensuale da una mente indubbiamente maschile, l'elegante favella erotica mi ha sì appagata nella forma ma nella trama mi ha velato il palato con un retrogusto di moderata perplessita'.
Sebbene il libro non sia particolarmente corposo, a lungo andare il poco assortito contenuto mi ha un tantino annoiata, ma questo e' un parere personalissimo molto legato al puro gusto, l'opera e' sicuramente di buon valore.
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Del resto e di me stesso
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Hippie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I soldi sono tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il basilico di Palazzo Galletti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri