Inganno Inganno

Inganno

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Lui è uno scrittore americano di mezza età che vive a Londra, di nome Philip, lei è una donna inglese spigliata, intelligente e colta, compromessa da un matrimonio umiliante a cui, a poco più di trent'anni, è già quasi, a malincuore, rassegnata. L'azione del libro consiste nelle loro conversazioni, per lo più schermaglie amorose prima e dopo aver fatto l'amore. Questo dialogo acuto, ricco, scherzoso, inquisitorio, "che si muove" come scrive Hermione Lee "su una scala di dolore che va da un furioso sconcerto a una stoica gaiezza" è quasi l'unico ingrediente di questo libro, e l'unico di cui si senta il bisogno.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (4)
Contenuto 
 
3.3  (4)
Piacevolezza 
 
3.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Inganno 2022-02-21 16:46:05 Belmi
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    21 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Finzione o realtà?

“A pensarci bene, io non so niente di te sai? Be', qualcosina sì. Ho letto i tuoi libri. Ma non è molto. È difficile conoscere una persona stando in una sola stanza. Tanto varrebbe che ce ne stessimo rintanati in una soffitta come la famiglia di Anna Frank”.

Uno scrittore (molto somigliante a Roth) e una donna sono amanti, senza volerlo ci troviamo spettatori dei loro dialoghi durante i loro incontri. Una stanza e due persone, che lì possono sentirsi liberi di dire quello che vogliono e di farsi conoscere come credono.

“Inganno” è un libro difficile da inquadrare non per la comprensione generale del testo ma per la trama. Non siamo davanti a un romanzo ma a frammenti di dialoghi che pezzo dopo pezzo ricostruiscono la storia, ma sono davvero molte le volte che mi sono sentita un po' spaesata.

La somiglianza fra l'autore e il suo protagonista rende il libro ancora più interessante. Da qui nasce anche una domanda..quanto di loro gli autori mettono nei propri libri?

“Non accetto di essere messo in questa posizione! È troppo assurdo! Mi rifiuto! Non puoi impedirmi di scrivere ciò che scrivo per semplici e ridicoli motivi di ordine psicologico, perché io stesso non posso impedirmelo! Io scrivo ciò che scrivo nel modo in cui lo scrivo e, se e quando questo dovesse accadere, pubblicherò quello che pubblicherò nel modo in cui lo vorrò pubblicare, e non ho nessuna intenzione di cominciare adesso a preoccuparmi di cosa la gente potrà travisare o capire male!”.

Non il miglior Roth ma non sono pentita di averlo letto, mi ha fatto riflettere e gli interrogativi finali sono rimasti..chi ha ingannato chi?!?

Buona Lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Inganno 2018-02-23 09:10:01 Riccardo76
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    23 Febbraio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dialoghi che creano una storia

Un romanzo fatto di dialoghi, parole fra amanti, parole tra persone o semplicemente frammenti di vite amorose. Forse non conta chi parla, a tratti ci si perde, ma le sole parole raccontano una storia, raccontano una vita, forse raccontano e basta, ma sicuramente, tutte queste parole hanno il pregio di farci essere lì con i protagonisti, quando si incontrano, quando fanno l’amore e subito dopo, quando ci dicono qualcosa di loro, di cosa pensano, di come vedono la vita, di come si amano e di come sia complesso vivere vite parallele. La brevità del libro ti porta a finirne la lettura e questo dà un senso a tutto, o forse confonde definitivamente quello che si era pensato fino a quel momento.
Non è il libro più bello che abbia letto, ma non mi spiace di averlo letto, perché Roth mette in piedi una storia con quasi nulla, parole, dialoghi che sono ben organizzati al punto che la storia ha un suo filo logico, i personaggi sono ben definiti nonostante tutto.
Il dubbio rimane, il Philip protagonista di questa storia, scrittore a sua volta, è un genio o una persona sincera, io non l’ho capito e questo dubbio mi ha colpito. Apprezzo le storie che lasciano una sensazione di incompletezza, perché il finale e il senso di tutto rimane esclusivamente una nostra scelta e non una decisione netta dell’autore.
Pochi ingredienti sono sufficienti a creare una storia, ma per fare questo bisogna essere grandi scrittori e credo che Roth lo sia, a prescindere da questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Inganno 2017-10-25 08:04:18 Antonella76
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    25 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutto vero e tutto falso...



Se avessi dovuto scrivere un commento su questo libro prima di arrivare ad un certo capitolo (che per me è stato illuminante), probabilmente avrei scritto che questo non è il Roth che io conosco e che mi piace.
Troppo confuso, frammentato, slegato.
Alla fine invece, sento di poter dire che questo è un esperimento letterario che arriva proprio là dove voleva arrivare, ovvero a sottolineare quanto labile sia il confine tra realtà e finzione.
E quanto tutte le vite possano essere "rubate" per farne letteratura...
Abbiamo 166 pagine di soli dialoghi...e all'inizio tu non sai chi è che parla, né con chi, né perché, né dove, come, quando...
Poi realizzi di essere al cospetto di due amanti adulterini, due personaggi in pieno "stile Roth": lui professore/scrittore cinquantenne, americano ed ebreo (ma va???), lei inglese, trentenne, donna spigliata e intelligente, ma decisamente irrisolta.
Sembra di essere fra loro appena prima o subito dopo l'amplesso, quando la tensione è rallentata e loro necessitano di nutrirsi delle loro rispettive parole, delle loro storie.
Ma ad un certo punto ti perdi...
Entrano in scena donne ceche, polacche, amici profughi, mogli che scappano con uomini di colore, e sei tentato di lasciar perdere, di buttare il libro dalla finestra e non pensarci più...ma non lo fai.
Arriva quindi il capitolo in cui entra in scena la moglie dello scrittore che farà da snodo a tutto e questo ti porterà a dover ammettere che lui è proprio un geniaccio bastardo che destreggia realtà e immaginazione a suo piacimento per farci capire quanto tutto possa essere maledettamente vero e maledettamente falso allo stesso tempo, sulla carta, nei libri...ma anche nella vita.

Non è il Roth che prediligo (finora "Indignazione" regna indisturbato sul podio)...troppo autocelebrativo, troppo per "affezionati"...ecco, se questo libricino capitasse in mani vergini al "Roth pensiero" probabilmente non riuscirebbe a dire tutto quel che ha da dire e genererebbe solo una gran confusione.

Quindi bene, ma non benissimo. ????

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Solo per chi è già un "affezionato" di Roth
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Inganno 2011-06-26 09:59:33 faye valentine
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
faye valentine Opinione inserita da faye valentine    26 Giugno, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un gioco sottile e malizioso

La vita, l’amore, la morte, gli ebrei, gli inglesi, il matrimonio, il tradimento, il sesso, la malattia, le relazioni umane… tra un amplesso e l’altro, due amanti si scambiano argute opinioni su tutti questi argomenti: lui è uno scrittore americano di mezza età che vive a Londra, lei è una donna inglese trentenne, sposata, ma già insoddisfatta del suo rapporto matrimoniale e ancor più in generale della vita. Che sia autobiografico o meno (il protagonista si chiama Philip), “Inganno” ci offre uno spaccato della vita sessuale dei due amanti, senza mai raccontarcela veramente: deduciamo i particolari da piccole frasi, spezzoni di discorsi; mai scadendo nella volgarità, Roth ci fa comprendere come i dialoghi, che costituiscono il corpo essenziale del romanzo, siano discorsi fatti prima o dopo i loro amplessi amorosi. Come dicevo, si alternano numerosi temi e attraverso le parole pronunciate impariamo a conoscere i due personaggi, specialmente la donna (che è anche il personaggio che ho preferito): il suo essere sempre altalenante, di umore instabile, la sua acutezza e spiccata intelligenza la rendono palpitante e reale, nonostante esprima poche battute. E’ un personaggio affascinante e riuscitissimo, a mio parere, con una giusta dose di ambivalenza e complessità. L’autore riesce ad esprimere grandezza anche attraverso piccoli gesti apparentemente insignificanti e riesce a complicare i ruoli tessendo un gioco ambiguo e sottile.
Il romanzo è molto breve ma fa riferimento a diversi punti della produzione Rothiana: per questo consiglio di leggerlo dopo aver conosciuto un po’ più a fondo quest’autore. Io stessa ero indecisa se scrivere o meno questa recensione, proprio perché mi sono accostata da poco a questo scrittore (è il secondo libro di Roth che leggo) e mi sono dovuta documentare su alcuni aspetti per comprendere pienamente la narrazione (e sicuramente qualche cosa mi è sfuggita comunque!) …ad esempio per capire chi sia Nathan Zuckerman…
Quindi lo consiglio soprattutto agli amanti di questo autore, per me ancora tutto da scoprire, ma che sono felice di aver incontrato nel mio cammino letterario.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
già Roth
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore