Narrativa straniera Romanzi L'enigma del solitario
 

L'enigma del solitario L'enigma del solitario

L'enigma del solitario

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Se tutti noi siamo una carta in quel grande solitario chiamato vita, una carta che esce a un certo punto del gioco, quale saremmo? Un asso di fiori, una donna di cuori un fante di picche? Ma che cosa ci accadrebbe se, nel 'grande solitario', spuntasse un jolly? Forse, quello che accade al dodicenne Hans che, nel suo viaggio verso la Grecia alla ricerca della mamma, scopre un'isola molto particolare dove vivono cinquantadue nani, un naufrago fantasioso e un folletto dall'umorismo graffiante. Hans finirà per capire che l'unico modo per non essere schiacciati dal destino è trasformarsi in un jolly curioso e impertinente, sempre pronto a porre e a porsi domande su chiunque e su qualsiasi cosa lo circondi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'enigma del solitario 2014-10-23 19:32:38 kiko
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
kiko Opinione inserita da kiko    23 Ottobre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un matto diverso da tutti gli altri

Una storia nella storia, un racconto fantastico che si dirama intorno a tanti elementi che nascondono un significato profondo spingendoci ad interrogarci sul significato della vita, immaginata come un grande gioco di carte, un solitario, in cui ognuno di noi svolge un suo ruolo assegnatogli dallo stesso gioco.
Solo il Jolly, che rappresenta il filosofo attraverso le domande che riesce a porsi può stravolgere le regole del gioco.
Padre e figlio partono dalla Norvegia per un viaggio alla ricerca della moglie/madre che li ha abbandonati per andare alla ricerca di se stessa.
Questo viaggio li porterà fino ad Atene, la culla della civiltà, in compagnia di un panino con all'interno un libricino e una piccola lente, dei nani , delle carte da gioco e tanti interrogativi.
Chi siamo? Da dove veniamo?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il mondo di Sofia e gli amanti di Gaardeer in genere
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'enigma del solitario 2013-11-05 20:54:51 elina
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
elina Opinione inserita da elina    05 Novembre, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un po' nani, un po' Jolly

Il romanzo narra la storia di un bambino, Tom Hans, in viaggio verso Atene alla ricerca della madre fuggita otto anni prima per ritrovare se stessa, ad accompagnarlo è il padre, da lui chiamato “pater”, che funge da guida del viaggio e non solo, offre infatti all’autore l’opportunità, attraverso le innumerevoli pause-sigarette, di mostrare il suo pensiero e le sue riflessioni sul mondo. “Chi siamo? Da dove veniamo?” Sono sempre queste le domande cardine intorno alle quali ruotano i romanzi di Gaarder. Non a caso è scelto come protagonista un bambino, la sua mente è libera da ogni pregiudizio, è ancora in grado di meravigliarsi di fronte allo spettacolo di un panorama e di lasciarsi affascinare da un libricino trovato dentro un panino regalatogli da un panettiere lungo la strada e ancora di sorprendersi all’incontro casuale di un nano nei posti più disparati d’Europa.
L’enigma del solitario è però anche la storia (nella storia…… gioco caro a Gaarder questo delle scatole cinesi) di un marinaio che fa naufragio su un’isola magica abitata da strani animali a sei zampe e da piccoli esseri viventi, ognuno munito di un piccolo numero e di un seme delle carte da gioco. Ci sono i fiori, i cuori, i quadri e le picche, e ancora i re, i fanti e le regine. Da dove sono spuntate queste carte da gioco? C’è qualcuno in grado di rispondere a questa domanda? Ma soprattutto in grado di porsi questa domanda? Si, se dal mazzo di carte sbuca un jolly, figura chiave del libro. “Un jolly è un giullare, un piccolo essere diverso da tutti gli altri. Non è di fiori nè di quadri; non è di cuori nè di picche. Non è nè un otto nè un nove, non è nè un re e neppure un fante. Fa parte del mazzo come tutte le altre carte, ma in realtà è un corpo estraneo”.
Ognuno di noi svolge il proprio ruolo inconsapevolmente: come le carte di un mazzo, ognuno ha la propria maschera e il proprio valore non conquistato ma assegnato dal gioco stesso ed ognuno perso nel gioco dimentica di pensare e continua a lasciarsi vivere. Unico outsider il jolly, il pensante, colui che pone quesiti, l'inaspettato: lui non ha maschere, non ha un valore disegnato addosso, non ha un ruolo. Il jolly rappresenta l’uomo-filosofo (un po’ come il pater), colui che non si accontenta di essere al mondo, ma vuole scoprire il mistero, risolvere l’enigma del grande solitario a cui stiamo giocando.
Dunque un romanzo semplice in grado però di proporci domande a cui non sempre pensiamo, intontiti come i nani dalla gazzosa purpurea, una bevanda magica che li riempie di sensazioni ma spegne il loro intelletto, perché spesso anche noi preferiamo bere la nostra gazzosa purpurea e ci lasciamo andare all’abitudine, alla quotidianità, a ciò che fanno gli altri…. Ma se dal mazzo di carte sbucasse un jolly e mettesse in discussione il gran solitario che è la nostra vita, come reagiremmo? E se in ciascuno di noi ci fosse un pezzetto di jolly, pronto a sbucare quando meno ce l’aspettiamo?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'enigma del solitario 2013-07-26 03:20:06 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    26 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E tu che carta sei?

Jostein Gaarder, l’autore de “Il mondo di Sofia”, in questo romanzo affronta senza esitazioni “L'enigma del solitario” e lo fa con il sistema a lui più congeniale: quello della filosofia romanzata.
Il metodo è, ancora una volta, quello della metanarrazione: la storia dentro alla storia. Con un simbolismo talvolta esplicito, talaltra più aggrovigliato ed ermetico.

Hans Thomas è un dodicenne alla ricerca di … tutto! E’ alla ricerca della propria identità, della propria storia, dei propri genitori. Sebbene infatti compia un viaggio per rintracciare la madre Anita (che, letta al contrario e non a caso, è Atina!) in compagnia del padre (il pater, così lo chiama sempre), anche il genitore presente e compagno di viaggio è un’entità tutta da conoscere nel percorso verso la coscienza esistenziale e storica.
La madre è un’idea che sovrasta e si materializza soltanto alla fine. Anita, otto anni prima, ha abbandonato la famiglia per cercare se stessa – anche lei! Tutti alla ricerca! – ed è finita ad Atene: la città simbolo della cultura e della filosofia occidentale ("La differenza tra Socrate e tutti gli altri era che questi ultimi, pur non sapendo più di Socrate, erano soddisfatti di quel poco che sapevano. E chi si accontenta di ciò che sa non potrà mai essere un filosofo.")
Il romanzo scorre con le tappe del viaggio, durante il quale un panettiere fornisce a Hans gli strumenti per penetrare una storia surreale: quella di un uomo approdato in un luogo indefinito e improbabile, abitato da un altro naufrago dalla fervida immaginazione; quella di un'isola dove vivono cinquantadue nani (come le cinquantadue carte di un mazzo!) suddivisi in gruppi come i “semi” delle carte da gioco.
Hans così comprende che, per non essere schiacciato dal destino, deve trasformarsi in jolly: la carta più versatile, polivalente e creativa in assoluto. L’unica carta che non ha un ruolo assegnato, l’unica carta in grado di ribellarsi alle regole del gioco ("In qualsiasi momento, in qualsiasi luogo, potrebbe spuntare un minuscolo giullare coperto di campanelli. E allora, guardandoci dritto negli occhi ci ripeterà le domande: Chi siamo noi? Da dove veniamo? ").
Tramite la sceneggiata delle carte, l'autore rappresenta la vita come un enigmatico solitario orchestrato da un "illusionista che si fa beffe degli altri".

Inevitabile, per il lettore, chiedersi: ma io che carta sono nella mia vita?
Il mitomane si sentirà un asso pigliatutto, il vittimista penserà di essere il due di picche, l’ambizioso – come diceva una vecchia canzone – interpreterà il re di denari, il sentimentale reciterà il ruolo del fante di cuori, l’artista sarà la matta, l’innamorata sarà la donna di fiori o di cuori, a seconda delle preferenze, l’intruso sarà “la peppa tencia” (la famigerata donna di picche). L’importante sarà anche conservare qualche briscola. E magari non giocare con il morto. E non bluffare, come si fa nel poker. O peggio ancora, non barare: con se stessi, con gli altri.
Sarà altrettanto importante capire se si sta giocando a rubamazzetto, a una noiosa partita di bridge, a un triste solitario o alla briscola chiamata, magari con il morto (ancora lui!).
Si capisce che la simbologia delle carte m’intriga?
E voi, amici miei, che carta siete?

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... Il mondo di Sofia
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'enigma del solitario 2012-04-23 17:40:13 Picasso91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Picasso91 Opinione inserita da Picasso91    23 Aprile, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un mazzo di carte ed un'umanità' da svegliare.

Hans Thomas è il protagonista del romanzo di Jostein Gaarder, che, come già aveva dimostrato ne "Il Mondo di Sofia" è abilissimo ad arricchire le proprie opere con preziose delizie filosofiche. Hans è un bambino in viaggio con il padre - un filosofo mancato, con il vizio di alzare il gomito - alla ricerca della madre fuggita ad Atene per ritrovare sè stessa. Ma "L'enigma del solitario" è anche la storia di un naufrago in un'isola che non è esattamente come quella di Robinson Crusoe. Piuttosto è popolata da tanti nani quanto sono le carte da gioco, che si dividono i compiti in base al propria natura di picche, fiori, quadri e cuori. Ma l'isola nasconde un mistero, che sarà proprio il piccolo Hans a dover svelare. Le due vicende infatti si intrecciano e si rincorrono fino a quando Hans non comprenderà che le avventure dell'isola sono strettamente legate alla proprie.

I nani però non sono personaggi assennati, anzi a causa di una bevanda che stimola tutti i sensi hanno perso la capacità di ragionare. Dietro a queste figure prese in prestito dalle leggende popolari si nasconde l'intera umanità, talmente abituata alla realtà che finisce per ignorarla e darla per scontato. Ma fra questi c'è un jolly, un folletto solitario, l'unico a porsi quesiti su ciò che lo circonda. E anche il piccolo Hans è un jolly, che vaga sullo sfondo di un' Atene suggestiva e stimolante. Ed a Atene l'autore fa rivivere attraverso la bocca dei protagonisti anche il dramma di Socrate, l'unico jolly del proprio tempo, e quello di Edipo, vittima del tiro mancino del destino.

Jostein Gaarder non è mai eccessivo o ridondante, ma piuttosto utilizza uno stile colloquiale e semplice. Sa dosare la giusta profondità negli occhi del protagonista che si ritrova di fronte ad una storia fuori dalle righe, ma perfetta in ogni dettaglio e ad un padre che ama filosofeggiare. L'unica pecca è la poca chiarezza tra i diversi interlocutori che nella prima parte del libro si alternano a prendere la parola fino ad arrivare al protagonista del naufragio. Nonostante questa piccola imperfezione (assolutamente perdonabile) risulta comunque godibile e consigliabile a chi ama le storie semplici ma al tempo stesso ricche di significato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno di vetro
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
In silenzio si uccide
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La congiura dei suicidi
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sogno di Ryosuke
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lepanto nel cuore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Carne e sangue
Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare