Narrativa straniera Romanzi L'infanzia di Gesù
 

L'infanzia di Gesù L'infanzia di Gesù

L'infanzia di Gesù

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Un uomo e un bambino sbarcano in una città misteriosa, parlano una lingua che non è la loro e non ricordano nulla delle vite precedenti. L'unica cosa che l'uomo sa è che deve prendersi cura di questo bambino eccezionale - capriccioso, dolce, capace di guardare la realtà con occhi scandalosamente nuovi - e aiutarlo a ricongiungersi con la madre. L'infanzia di Gesù è il libro più misterioso e affascinante del premio Nobel J. M. Coetzee. Eppure è anche il racconto più semplice di tutti: quello dell'amore di un «padre» per un «figlio» che ha la grandezza e la forza di ridefinire il mondo.

Recensione della Redazione QLibri

 
L'infanzia di Gesù 2013-12-30 15:16:24 JUNE
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
JUNE Opinione inserita da JUNE    30 Dicembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

No Time No Space another Race of Vibrations

Una copertina raffigurante un bambino con un mantello e il suo scudo fatto di occhiali da sole scintillanti,come un piccolo eroe in incognita.

Un passato rimosso per un futuro vergine.

..e giunse una nave,due persone con un presente riscrivibile e l'unico barlume del passato in una lettera perduta..

In un luogo indefinito,misterioso,incollocabile ed in un tempo altrettanto sfuggente approdano David,ragazzino perspicace ed un uomo, Simón , che si prenderà carico di proteggerlo,di accudirlo come un padre.
In questa nuova terra aleatoria chiamata Novilla,in cui entrambi arrivano disadorni del passato,privi di ricordi,storditi dalla spoliazione della conoscenza di ciò che il tempo ha creato in loro, cercheranno di adattarsi e di ricostruirsi una nuova identità nella ricerca della madre.

La cittadina si presenta come un vero e proprio porto di mare ma nel contempo come una società radicata in una razionalizzazione dei valori che la sostiene e con una struttura organizzativa a cui tutti partecipano in maniera quasi surreale,metodica,con un etica asettica e priva di istinti,di passioni e della fragilità umana che potrebbe metterla in discussione.

Anche se in teoria cominciano una nuova vita la sensazione che aleggia é che questa nuova vita sia un limbo momentaneo,una stazione che da tempo li aspettava ma nel contempo una tappa frugale
David si presenta come un bambino che con il suo acume metterà in discussione e scompiglierà chi gli é accanto e nel suo dispotismo,a tratti scalpitante,terrà le briglie di gran parte del racconto.

Navilla,forse, é un luogo dentro di noi dove il bisogno di chiederci chi siamo è forse la più grande spinta verso una vita più intensa,la forza motrice della nostra nave,il bisogno di non accettare passivamente la realtà imposta senza poter prendere il respiro errante che meritiamo
Nel suo porto,nel nostro embrione quel bambino indisciplinato,curioso,insaziabile che non vuole accettare regole,una creatura da accudire per il futuro,per la libertà di pensiero.

Lui con il dito in bocca e il vivace mantello diviene mago del nostro l'immaginario e l'eroe coraggioso a cui vorremo appellarci per destrutturare i nostri stessi schemi e volare verso una luce più autentica per noi stessi.

E visto che il nostro ribelle paladino ha imparato a leggere con il capolavoro di Miguel de Cervantes,a me piacerebbe leggere con lui e con voi questo passaggio..

“Anche oggi? – Chiese Sancho.
- Anche oggi. – Rispose Chisciotte.
Il vento spazzava le terre brulle, sembrava quasi che ululasse i loro nomi.
I mulini iniziarono a delinearsi all’orizzonte, Chisciotte si aggiustò il catino in testa. – E andiamo un’altra volta.
- Mi perdoni vossignoria.
- Sì, Sancho?
- Ecco, io sono ignorante e non conosco troppo le cose, ma mi chiedevo… Ecco… Insomma chi ce lo fa fare?
- Cosa?
- Tutto questo: ripetere eternamente tutti i giorni lo stesso giorno.
- Ma noi non ripetiamo tutti i giorni lo stesso giorno, ieri abbiamo ripetuto ieri, oggi ripetiamo oggi e domani ripeteremo domani, è questo che facciamo tutti i giorni.
- Quello che intendevo dire è che ieri abbiamo cavalcato fin qui, voi avete visto il mulino, avete urlato ‘Un gigante’, lo avete caricato e siete stato colpito dalla pala. E questo è successo anche l’altro ieri e il giorno ancora prima e sta per succedere anche ora, non negatelo.
- Ma quello non era ieri o ieri l’altro, era… Beh oggi, ma prima.
- E’ quello che dico io, continuiamo a rivivere sempre la stessa storia, mai un cambiamento.
- Noi non viviamo una storia, viviamo una vita."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'infanzia di Gesù 2017-06-12 12:39:36 C.U.B.
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    12 Giugno, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dacci oggi il nostro pane quotidiano

Un bambino ed un uomo.
Non sono padre e figlio, non sono legati da alcun vincolo di parentela. Ma l’uomo si deve prendere cura del piccolo, aiutarlo a trovare la madre in un paese diverso, con una lingua che non e’ la loro, dove iniziare una nuova vita.
Privi di tutto con l’unica certezza del loro legame, l’ambiente circostante e’ benevolo eppure confonde, stordisce nei meandri di vicoli ordinati e anonimi dalle sembianze kafkiane.
Soli in un rifugio di lamiera nel cortile di una perentoria ma cortese signora, si nutrono di pane ed acqua, mentre il calore dei loro corpi li protegge dalla fredda umidita’ della notte. Cosi’, il ragazzino venuto da chissa’ dove, trova nella terra d’approdo una madre che lo culla e protegge come un figlio vero. Non diviene una vera madre la donna che si comporta in quanto tale?
Bello l’inizio in cui si gioca su un contenuto poco chiaro e curioso, le prime basi sono di una trama che si appresta ad essere tutta da interpretare, piu’ che da scoprire. Gli spunti di riflessione sono molti ed il titolo e’ complice nell’acuire nel lettore l’identificazione di appigli spirituali, quasi si trattasse dell’avvento di un nuovo Messia. Poi pero’ la scrittura si appesantisce concentrandosi sulla personalita’ del piccolo David. L’incalzare delle sue continue ed insaziabili domande, il carattere testardo e l’indole ostentatamente capricciosa lo hanno reso ai miei occhi un soggetto a tratti pruriginoso, compromettendo il buon esito della lettura.
Piacevole la penna scorre velocemente, almeno fino a quando il bambino non oscura anche quella mentre le pagine si appesantiscono e la sensazione e’ che il carisma dell’opera stia scivolando inesorabilmente nel vuoto.
Non e’ un testo complesso ma e’ un testo complicato, il cui arrivo a destinazione non e’ scontato. Certamente ho letto opere migliori dell’autore, buona lettura.

Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'infanzia di Gesù 2014-01-02 18:03:50 annamariabalzano43
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    02 Gennaio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'infanzia di Gesù di J.M.Coetzee

L’infanzia di Gesù, l’ultimo romanzo di J.M.Coetzee (premio Nobel 2003), è un testo enigmatico e ambiguo che offre diversi piani di lettura.
La vicenda, nella sua apparente semplicità, contiene quesiti filosofici e esistenziali ai quali è difficile dare risposte.
Simon e David, un uomo e un bambino, giungono a Novilla, un luogo non ben identificato, di cui si sa solo che i suoi abitanti, tutti profughi provenienti da una vita di cui non conservano memoria, parlano la lingua spagnola, unico elemento che li unisce e li lega. Simon assume su di sé la responsabilità del bambino che promette di proteggere fino al momento in cui non potrà riaffidarlo alla madre, che, ne è sicuro, egli riconoscerà, pur non avendola mai vista. Per mantenere il bambino, Simon si adatta a lavorare come scaricatore di granaglie al porto, cerca un alloggio, si procura pane e acqua che sembrano essere il cibo fondamentale del luogo. La vita non sembra particolarmente eccitante a Novilla, dove ogni passione e ogni pulsione sembra essere repressa e ignorata. Sarà l’incontro con Inès a convincere Simon di aver finalmente trovato la madre di David: a lei consegnerà il bambino, che inizia così una nuova vita, sviluppando da un lato alcune doti di intelligenza e dall’altro un’arroganza a tratti insopportabile. Il carattere difficile di David lo porta a essere discriminato nell’ambiente scolastico, fino a essere destinato a una scuola di correzione alla quale però Inès e Simon si rifiutano di mandarlo.
Dunque se Novilla può apparire come un luogo ideale, una sorta di isola di Utopia, d’altra parte per certi limiti, quali l’esaltazione della mediocrità, la repressione di ogni istinto e passione, la riduzione di ogni individuo all’anonimato trasformano l’utopia in distopia e sottintendono una malcelata critica a un tipo di società in cui non è presente neanche una fede o un credo religioso.
Se questo è certamente un piano di lettura, un altro non meno interessante può essere quello che riguarda il nucleo familiare che si è creato a Novilla, dove Inès il cui nome significa castità, purezza, è la madre designata, David, che con arroganza e senza amore per il prossimo dichiara :“Io sono la verità”, è il figlio e Simon, colui che si assume ogni responsabilità, è il padre putativo. In questa prospettiva alcuni dei più profondi conoscitori dell’opera complessiva di Coetzee hanno sostenuto che l’autore abbia voluto rappresentare la delusione messianica tra coloro i quali non hanno altro a cui aggrapparsi: “it’s also possible that Coetzee is gently parodying messianic delusions among people who have nothing else to sustain them.” (Joyce Carol Oates – The New York Times – Sunday Book Review – August 29, 2013).
Non meno interessante potrebbe essere vedere nell’intero racconto la parabola dei flussi migratori dei giorni d’oggi, con l’inevitabile rischio di perdita di identità fisica e culturale dell’individuo.
Con quest’opera, Coetzee lascia il lettore nel dubbio e nell’incertezza: ciò che è evidente è che “L’infanzia di Gesù” è un romanzo allegorico, la cui complessità, tuttavia, l’allontana dalla chiarezza di un Moby Dick di Melville o da un Animal Farm di Orwell. Qui tutto rimane sospeso, tutto risulta essere assurdo: non a caso i critici sottolineano quanto tutta la produzione letteraria di Coetzee abbia risentito dell’influenza di Kafka e del teatro di Beckett.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
il teatro di Beckett
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri