Narrativa straniera Romanzi L'invenzione di Morel
 

L'invenzione di Morel L'invenzione di Morel

L'invenzione di Morel

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Nell'assolato e labirintico scenario di un'isola deserta dei Tropici, un misterioso scienziato e la sua corte di amici ripercorrono un'antica illusione degli umani: sottrarsi attraverso l'Arte alla corruttibilità della Vita e divenire pura Forma. Ma l'immortalità dei personaggi passa necessariamente per la loro morte, a cui segue di poco quella del narratore, involontario testimone degli eventi. L'eternità toccherà solo al suo racconto, dove si scrive il ricordo dei fatti: "Queste righe rimarranno immutabili". Introduzione di Jorge Louis Borges.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'invenzione di Morel 2018-05-01 14:38:50 CortaZur
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
CortaZur Opinione inserita da CortaZur    01 Mag, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Visionario ma freddo.

L’invenzione di Moriel letta nell’edizione di SUR con la nuova traduzione della Lazzarato. Bellissima copertina come spesso accade con le edizioni di questa casa editrice (SUR).
Definito il libro perfetto da un’autorità come Borges, notoriamente amico fraterno di Casares, ha suscitato in me grosse aspettative e curiosità. Purtroppo devo affermare che sono rimasto deluso e alquanto insoddisfatto.
Il romanzo, o forse racconto lungo data la sua brevità, ha una trama sicuramente nuova e visionaria considerando l’epoca in cui è stato scritto; inoltre riesce a creare un immaginario vario e pieno di fantasia ma purtroppo, lascia ben poco al lettore in quanto a coinvolgimento nella storia o ad empatia verso i personaggi. Questi sono trattati tutti in maniera superficiale, senza scavare a fondo o senza nemmeno approcciare un profilo caratteriale di ognuno di essi; basti pensare alla figura del protagonista fuggiasco sul quale non si sa nulla se non del suo innamoramento e senza parlare dell’altro protagonista quello del titolo, Morel, a riguardo del quale sappiamo pochissimo e pochissimo ci verrà svelato. Probabilmente queste erano le intenzioni dell’autore, il quale in puro stile argentino, prendere alla larga un’idea per trasfigurarla in lettere e farle trovare la propria strada senza troppe costrizioni.
Non voglio raccontare molto altro altrimenti si rischia di svelare troppo la trama, dico solo che come libro in se non è il capolavoro di cui si legge in giro ma come idea e come riscontro nella finzione e nella realtà di 70 anni dopo ha avuto sicuramente successo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'invenzione di Morel 2017-02-20 07:50:10 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    20 Febbraio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Claustrofobico

Il romanzo è ben scritto e ricorda vagamente il Giro di vite come tipologia di storia. Il racconto è fanta filosofico ambientato in un'isola sperduta con un museo, una piscina e un paesaggio bello ma ostile. Un posto pieno di vipere, dove pure la piscina è piena di vipere e uccelli morti. In mezzo a tutti questi segnali di morte nascono storie d'amore anche loro morte, cioè a senso unico. L'unico modo per imprigionare l'amata sembra essere catturarne l'immagine (grazie a un'invenzione) rinunciando alla realtà della persona. La cosa affascinate è la realtà dell'immagine, più reale del reale, che trattiene persino l'anima della persona sostituendo totalmente la realtà anche se in modo ossessivo e freddo. Il romanzo lascia appunto questo senso di gelo, di distanza, di impossibilità dei rapporti umani, di mancanza totale di calore e di comunicazione. Si ha l'impressione di essere di fronte a statue che si muovono e che avranno pure un'anima ma in realtà non pare, L'impressione è di una eterna prigione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il giro di vite
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri