L'ospite L'ospite

L'ospite

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Hundreds Hall, l'antica dimora di campagna della famiglia Ayres: varcarne i cancelli dopo trent'anni è un momento di grande trepidazione per il dottor Faraday, lui che ancora bambino, nel lontano 1919, ne aveva ammirato con occhi sgranati lo sfarzo e lo splendore. Quel passato, tuttavia, è ormai un vago ricordo: i suoi abitanti - la vedova del Colonnello Ayres e i figli Roderick e Caroline - sono, infatti, impegnati in una disperata battaglia per salvare dalla rovina se stessi e la casa. Ma proprio quest'ultima sembra gettare le ombre più funeste sul futuro: stanze che di colpo diventano trappole, pareti da cui emergono sussurri malevoli e segni inquietanti, un devastante incendio notturno... chi, o che cosa, c'è dietro questi eventi? Quale mistero grava sul destino degli Ayres? Ma, soprattutto, fino a che punto si spingerà la minaccia?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ospite 2015-10-05 20:59:56 Francesca2213
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Francesca2213 Opinione inserita da Francesca2213    05 Ottobre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La lettrice distratta

Hai mai letto un libro che quando sai di dover finire perchè mancano le ultime pagine e di dover dire addio ai personaggi tanto amati e tanto odiati,vi viene il magone,un nodo allo stomaco e vorresti entrare dentro quelle pagine e vivere lì con il protagonista,abbracciarlo e dirle che andrà tutto bene?

Se non hai mai provato questa mi dispiace per te,se l’hai provata bhe allora mi capirai.

Questo è il genere di libro che per copertina e titolo non avrei mai comprato. Si dice sempre di non giudicare un libro dalla copertina,ma chi non la fa?

L’ho comprato perchè Leda lo ha elogiato e elogiato e alla fine mi sono decisa.

Ammetto di essere stata spaventata dalla mole del libro,sembra un mattoncino,a guardarlo. Ma quando l’ho letto non mi sono resa conto di averlo finito.

Un libro che ti cattura,che ti fa entrare nel mondo del protagonista. Del mio affascinante dottore e di quella fantastica casa.

Non lo so,ma io amo questi posti un pò tetri in cui tutto è una novità.

Ho amato il mio adorato dottore Faraday,da subito me ne sono affezionata e per me era il top,sapete un bel dottore degli anni 20/30 in cui ancora le differenze di caste si notano,soprattutto nei piccoli paesini dell’inghilterra.

Il dottor Faraday sostituisce il suo superiore in una visita a Hundreds Hall. Una coincidenza? Non lo so,ma da lì inizia la storia del nostro protagonista.

Ma il vero fulcro del libro non è il dottore o i suoi abitanti,ma è proprio la casa.Casa che nasconde qualcosa o qualcuno?

Un romanzo che ti mette un pò di inquietudine dentro. Sarah Waters è riuscita a mettere insieme un pizzico di magia,di amore,di paranoia,di paura e di felicità tutto in un romanzo. E se non soffri di sbalzi di stati d’animo,preparati perchè da una pagina all’altro il tuo umore cambierà.

Parlare del romanzo senza fare spoiler è difficilissimo,perchè le parole sono importanti in questo libro,i dettagli fondamentali. Vi ho detto quello che ne penso a grandi linee,perchè prende talmente tanto che ho paura di rivelare qualcosa….

Un libro da premio,bellissimo ed emozionante. Lo consiglio a tutti. Sembra grande,ma le pagine scorrono come acqua!!

Indizi: Un casa,un dottore,una famiglia,rumori,presenze?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'ospite 2013-12-20 12:45:05 LolloP
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LolloP Opinione inserita da LolloP    20 Dicembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una casa ed i suoi inquilini...

Una ampia dimora gentilizia, Hundreds Hall, che riposa sperduta nelle remote campagne inglesi.
Una famiglia, gli Ayres, che vi abita da generazioni e oramai ridotta a vivere solo dei vaghi ricordi dei fasti passati.
Un medico la cui storia si intreccia con la villa e i suoi inquietanti abitanti.
Queste poche frasi sintetizzano questo romanzo dai tratti gotici, che ammicca all'horror dell'autrice britannica Sarah Waters.
Il racconto si avvia, con ritmo lento, dai ricordi che fanciulleschi del medico Faraday. Egli, dopo aver visitato la grande villa da bambino, vi ritorna dopo anni per curare l'unica domestica della famiglia Ayres, grande famiglia inglese ridotta alla miseria dalle due guerre mondiali, e si trova così a confrontarsi con gli immensi spazi in rovina della storica dimora.
A poco a poco il lettore si troverà a seguire il rapporto prima professionale e poi sempre più intimo che si sviluppa tra Faraday e gli Ayres, ma sull'uno e gli altri incombe minacciosa l'imponente e sempre presente villa.
I corridoi di questa, le sue innumerevoli stanze, testimoni di un lusso ormai perduto, e i suoi oggetti dimenticati, finiscono per spostarsi dallo sfondo al primissimo piano, fino a divenire i reali protagonisti della vicenda e fino a segnare in modo inquietante e grottesco le sorti dei suoi abitanti.
La " casa maledetta" è da sempre un tema ricorrente e di grande suggestione, certamente uno dei capisaldi della letteratura gotica a cui la Waters si è chiaramente ispirata. Sono numerosi i riferimenti più o meno espliciti alla " Casa degli Usher", angoscioso racconto del primo, grandissimo, autore del genere, Edgar Allan Poe.
La bravura della Waters è infatti consistita a mio parere nel costruire un intreccio in cui la realtà appare a prima vista razionale e logica, non è un caso che il narratore sia un medico, tuttavia la fiducia nell' intelletto e nella solidità della scienza finisce poi con il rivelarsi però ben più fragile di quanto si possa credere.
Proprio nei dettagli di questo mondo geometrico viene infatti ad annidarsi , a poco a poco, un ospite : il dubbio che forse non tutto ciò che accade sia spiegabile.
C'è qualcuno, o piuttosto direi Qualcosa, di perverso, che trama alle spalle degli Ayres? O è solo la mente umana, le sue invincibili debolezze e le sue paure, a far credere in ciò che non esiste?
Un vago senso di inquietudine spinge a voltare pagina dopo pagina, spinge a cercare delle risposte ed è così che si giunge a leggere l'ultima riga e nasce un ultimo interrogativo, il più importante: cosa è accaduto ad Hundreds Hall?
Brava la Waters nella ricostruzione dell'Inghilterra post bellica, brava nel tratteggiare la psiche dei personaggi che emerge limpida e forte, brava nel suggerire qualcosa e allo stesso tempo nel nascondere, forte del fatto che è proprio l'insoddisfazione a nutrire la curiosità del lettore in questo genere letterario.
Unica pecca è l'eccessiva lentezza con cui le vicende proseguono, ne risente molto la fluidità del romanzo, c'è suspense sì ma di certo non mozzafiato. Nel mio piccolo avrei forse accorciato qualche parte.
Magistrale una delle vicende finali che ha per protagonista la vedova Ayres, peccato che non si possa dire di più.
Se vi piacciono i racconti gotici fa per voi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri