La foresta La foresta

La foresta

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Dopo aver perso entrambi i genitori durante un'epidemia di vaiolo, Jack Parker ha deciso di lasciare il Texas per trasferirsi in Kansas. Ma sulla strada incrocia una banda di fuorilegge che gli uccidono il nonno e rapiscono Lula, la sua sorella minore. Jack si mette allora sulle loro tracce, accompagnato da una squadra di cacciatori di taglie che più insolita non potrebbe essere: un nano colto e melanconico, dalla mira infallibile; un nero gigantesco, che si guadagna da vivere scavando fosse; una giovane prostituta dalla lingua lunga e il cuore d'oro; uno sceriffo con la faccia e il corpo coperti di cicatrici. La foresta è un viaggio in un'America del primo Novecento che somiglia molto a quella di oggi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
4.0  (6)
Contenuto 
 
2.8  (6)
Piacevolezza 
 
4.0  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La foresta 2015-05-04 19:30:16 PICCOLO P.
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
PICCOLO P. Opinione inserita da PICCOLO P.    04 Mag, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MANCA IL THRILLING

Ho iniziato questo romanzo non sapendo bene cosa aspettarmi, dato che non conoscevo l'autore. Ma fin dalle prime pagine ho avvertito una trama scontata che mi auguravo decollasse in qualche maniera dopo la metà libro, cosa che purtroppo non è avvenuta. Nonostante il considerevole dispendio di violenza gratuita perpetrata dai personaggi cosiddetti "cattivi", questi non riescono ad elevarsi che a poco più che caricature della bestialità della razza umana. Ed anche la colorita accozzaglia del gruppetto dei "bravi", dove l'unica ad emergere con un minimo di spessore è una prostituta, sembra poco più che la fiera del luogo comune. La narrazione è molto scorrevole, la prosa fluida, tanto che ho divorato le 347 pagine in meno di due giorni, ma ho sentito l'assenza del thrilling, della paura dell'attesa, del colpo di scena. Tutto è velocemente filato verso quell'epilogo che già dopo una trentina di pagine ogni lettore poteva immaginare. Mi dicono che non sia precisamente il libro più bello di Joe R. Lansdale, che per poterlo apprezzare nella sua piena potenzialità andrebbe testato su altri romanzi più coinvolgenti. Ma per il momento avrei bisogno di una forte motivazione per riprendere un suo romanzo

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Lo Hobbitt
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
La foresta 2014-05-21 11:16:00 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    21 Mag, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Poche idee non confuse

Un Lansdale abbastanza monocorde, con ostinato sguardo rivolto ai punti cardine della sua narrativa più disimpegnata. Storia di crescita forzata nel vecchio west in un' epoca di grandi cambiamenti, la tecnologia avanza ma la violenza continua a dilagare.
Il giovane Jack rimasto orfano e defraudato degli unici affetti su cui contare si imbarca in un'impresa impossibile, almeno se affrontata in solitaria. A dargli man forte e accrescere le possibilità di successo una coppia di strampalati border-line, quasi degli Hap & Leonard primordiali, ovvero un nano tanto letale quanto colto e un nero gigantesco accompagnato da un maiale altrettanto mastodontico dall'attitudine canina.
Alla scombinata combriccola si aggiungono uno sceriffo dal viso deturpato e una prostituta gentile, incarnazione della grazia, in un luogo dove sembra possano germogliare solo brutture. Ogni personaggio è ben inserito nell'economia del racconto, per quanto poi la presenza femminile risulti una felice voce fuori dal coro, basilare per la maturazione del protagonista e nello spezzare il succedersi di pestaggi e sparatorie con parentesi tra il romantico e il pruriginoso.
Il gruppo eterogeneo si inoltra nella foresta impenetrabile, sono "buoni" molto sui generis, in quanto tutt'altro che simboli di integrità morale. Il conflitto si scatena con una personificazione del male estrema, una banda di tagliatori di gole della peggior risma, capaci di atti orripilanti.
"La foresta" è romanzo di formazione d'ambientazione western venato dalla tipica e spesso greve ironia dello scrittore texano, con discrete dosi di violenza e qualche momento prolisso di troppo. Discreta la definizione dei personaggi principali, praticamente inesistente quella dei cattivi (e questo è un peccato in quanto le potenzialità si sprecano).
Come fan dell'autore lo ritengo un lavoro apprezzabile, però a mio avviso i romanzi da leggere assolutamente del buon Joe R. sono altri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
La foresta 2014-05-10 12:33:04 catcarlo
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    10 Mag, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La foresta

Il prolifico Lansdale scrive, con ‘La foresta’, un romanzo di formazione - non è un caso che uno dei personaggi legga con insistenza Mark Twain – riprendendo un tema per lui non certo nuovo, ma il libro si fa ricordare in particolar modo per il suo essere un western. Si tratta di una storia di frontiera di certo crepuscolare, perché vi circolano ormai le automobili come ne ‘La ballata di Cable Hogue’, ma anche assai brutta, sporca e cattiva nonché lontanissima dall’iconografia tradizionale. Nulla di nuovo, per carità, ma la narrazione è ravvivata da una grande abilità di scrittura: le esplosioni di violenza da McCarthy incattivito si alternano agli spunti sorridenti o addirittura comici in un mondo in cui la sporcizia domina (qui non si lava mai nessuno e si può solo immaginare la situazione igienica dei personaggi alla fine della vicenda) mentre con le pesanti pistole in dotazione nessuno riesce mai a colpire nessun altro a meno che la distanza sia minima o intervenga il caso. Il tutto ambientato in un Texas raccontato come un postaccio: se all’est si assommano vaiolo e delinquenza, al nord non vivrebbe nessuno sano di mente (anche perché vi circolano dei Comanches da far impallidire Tarantino) e nel centro vi sono paesi che sono il buco del culo del mondo. In queste belle lande, il giovane Jack va alla ricerca della sorella Lula rapita da tre brutti ceffi che più brutti non si può e che fanno fuori anche il nonno predicatore dopo che l’epidemia ha ucciso i genitori: Per farlo arruola un’improbabile compagnia costituita da un nano acculturato (il cui eloquio ricorda un po’ troppo quello del dottor King Schultz in ‘Django unchained’), un nero grande grosso e armato di un fucile che è più che altro un cannone, uno sceriffo bruciacchiato nonché un maiale selvatico addomesticato. Inoltre, visto che di formazione si tratta, il nostro troverà il tempo di dare la morte e incontrare l’amore, quest’ultimo nei panni di una giovanissima prostituta con una precedente clientela sorprendente (specie per Jack). Il bello è che tutto questo viene raccontato in un magistrale primo capoverso eppure il lettore si trova a girare compulsivamente le pagine grazie alla grande capacità di raccontare dello scrittore statunitense unita all’indovinata (ed empatica) definizione dei personaggi grazie a pochi tratti caratteristici. Lansdale conferma così le belle qualità che lo hanno reso famoso consentendo di essere indulgenti con alcuni difetti che, se non inficiano il divertimento complessivo, finiscono per piazzare il romanzo alle spalle dei lavori più riusciti in una virtuale classifica delle sue opere. Ad esempio, la parte centrale dà l’impressione di essere gonfiata in maniera artificiale – con l’aggiunta della deviazione quasi horror delle sofferte peripezie di Winton che durano troppo a lungo – e il finale è davvero troppo buonista, da Hollywood dei tempi d’oro, specie in confronto a tutto quello che l’ha preceduto. Il resto delle trecento e passa pagine compensa però in abbondanza, da tutto quello che riguarda il nonno nei primi capitoli agli ipercattivi da fumetto (ma mille volte meglio dello Skunk di ‘Acqua buia’ grazie soprattutto a quel Fatty che, torturato e ferito, ha la forza di portarsi a spasso gli inseguitori per mezzo Texas macchiandosi nel frattempo di ogni brutalità), dagli intermezzi di alleggerimento, come l’entrata in scena di Spot, alla convulsa, sanguinosa eppure a tratti esilarante sparatoria finale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La foresta 2014-05-03 03:39:57 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    03 Mag, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un’altra “foresta oscura”

Dopo la foresta nella quale Dante si smarrisce e si lascia guidare dal sommo poeta mantovano della latinità, che poi darà il nome a uno dei più celebri motori di ricerca nostrani, l’immagine del bosco oscuro torna con altri toni, nella narrativa impertinente e frizzante di Joe R. Lansdale, a rappresentare il peccato dal quale redimersi.

La storia è piuttosto semplice ed è ambientata in Texas agli inizi del XX secolo. Siamo in pieno far west e il giovane Jack Parker, nipote di un predicatore, fugge con il nonno e la sorella Lula da una pestilenza (il vaiolo) che si è portata via i genitori. La fuga è subito complicata da una zuffa nel traghetto sul fiume; il nonno viene assassinato e Lula rapita. Jack si getta all’inseguimento dei tre malviventi che hanno sequestrato la sorella e scappano lasciando dietro di loro una scia di delitti, come la rapina cruenta a Sylvester. Nell’impresa Jack chiede manforte (“Gli parlai delle taglie che avevano messo sulla testa di Cut Throat, Nigger Pete e Fatty, e cercai di essere eloquente e persuasivo nel mio racconto”) a Shorty, un nano (“Sembrava un re straniero contrariato per essersi improvvisamente rimpicciolito”) dal passato alterno (“Mi aveva venduto al circo, e per pochi spicci”) e dal presente filosofico (“Vedo tutto dal basso. E’ un modo diverso di guardare il mondo”) e al gigante Eustace (“Non regge l’alcol. Anche la noia non gli fa bene. Perde le staffe quando beve”), un nero dal sangue indiano, specializzato – a modo suo - nel seguire le tracce dei fuggiaschi e affezionato al maiale cannibale Hog. Alla combriccola ben presto si uniscono la prostituta Jimmie Sue (“E’ qui a scopi decorativi, e per farsi montare dal ragazzino, una volta ogni tanto”) e lo sceriffo Winton, che in passato è stato vittima delle violenze Comanche. La corte dei miracoli è al completo (“…come mai un negro grande e grosso, un nano, un ragazzino, una puttana e un maiale incazzato se ne stanno fermi davanti a un bordello”) e, dopo mille peripezie e dialoghi effervescenti, affronta la foresta (“era piena fino a traboccare di gente che ne aveva combinate di tutti i colori…”) per lo scontro finale.

Il romanzo con la leggerezza dell’umorismo irriverente descrive mille atrocità (sanguinosissimi combattimenti di galli che si trasformano in duelli umani, mutilazioni, stupri, provocazioni crudeli rivolte a un orso legato, che poi si libera e si vendica…) e si lascia leggere senza troppi patemi. Il lettore rivive così certe atmosfere western, qui stemperate dallo stile incalzante e fluido di Lansdale e, quasi inconsapevolmente, affronta i temi della diversità e del pregiudizio senza moralismi e ipocrisie.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... la Divina Commedia? Consigliato a chi ama i western.
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore
La foresta 2014-02-01 09:56:16 Federico
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Federico    01 Febbraio, 2014

La Foresta... ennesimo capolavoro

Joe, Joe... te l'hjo detto a voce, quando ho avuto la fortuna di incontrarti, lo scrivo anche qui... il tuo stile di scrittura è paragonabile solo a quello di Freddy Mercury nel fare musica.
"La foresta" ne è l'ennesima dimostrazione. Pathos, avventura, scoperta, introspezione. Le pagine scorrono e non vorresti mai smettere. Poi ti accorgi che sta per finire il libro e rallenti il ritmo, per centellinarti il piacere.
E' incredibile come, libro dopo libro, l'autore riesca a ribadire gli stessi concetti senza diventare ripetitivo...
Adoro questi eroi imperfetti: uomini e donne che devono fare i conti con la vita e le difficoltà. Uomini e donne che sovente finiscono per essere sconfitti, e per questo s’incazzano. Ma poi, come gli uomini e le donne vere, sanno ritrovare il sorriso per una birra fresca, il passaggio di una bella ragazza davanti ai loro occhi o per un bacio inatteso.
Ora, non resta che aspettare il prossimo libro di Joe!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
“Io consiglierei a un analfabeta di imparare a leggere solo per poter conoscere Lansdale”, lo ha detto Niccolò Ammaniti, io lo sottoscrivo!
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
La foresta 2013-12-23 21:44:46 Antonio
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Antonio    23 Dicembre, 2013

Lansdale..

Arrivato ormai all'ennesimo libro di Lansdale, speravo che in qualche modo si dimostrasse umano deludendomi in pieno. E invece no, anche questa volta è riuscito a stupirmi. La trama è semplicissima, nonostante questo, attraverso la psicologia dei personaggi e i dialoghi esilaranti, ironici e soprattutto intelligenti, riesce a non annoiare mai. In questo libro, Lansdale si prende delle pause durante questo viaggio alla ricerca di Lula, (la piccola sorella rapita del protagonista) e le utilizza, soprattutto attraverso la voce di Shorty (un nano cacciatore di taglie e colto filosofo) per trattare, sempre in chiave umoristica ma molto intelligente, lo scetticismo che soprattutto nei tempi difficili proviamo verso l'esistenza di Dio e dell'amore. Non mancano tutti gli elementi che comunque caratterizzano i suoi libri, come al solito molto più profondo e significativo di ciò che sembra. Forse in confronto agli altri, più che per la trama lo premierei per il contenuto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri