Narrativa straniera Romanzi La tela di ragno
 

La tela di ragno La tela di ragno

La tela di ragno

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il romanzo "La tela di ragno" uscì a puntate dal 7 ottobre al 6 novembre 1923 sul quotidiano socialista viennese "Arbeiterzeitung". Soltanto due giorni dopo la sua interruzione Adolf Hitler tentava il suo primo, fallito colpo di stato, e questo può spiegare il quadro storico da cui scaturisce la figura del protagonista di questa straordinaria narrazione, Theodor Lhose, un mediocre ufficiale tedesco della grande guerra assetato di potere che percorre tutte le tappe dell'abiezione personale e politica. Accanto a lui sfilano uomini devastati dalla loro stessa pochezza umana, frutti famelici di un'epoca che sta sempre più sprofondando nella violenza cieca. Un romanzo davvero impressionante per lucidità e intensità, e - insieme un'agghiacciante preconizzazione degli orrori del nazismo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.3  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La tela di ragno 2023-01-15 14:14:58 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    15 Gennaio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una testa piena di fumo

Aveva notato le mosse di un ragno : "i brevi attimi dell'agguato (...), che era un avventarsi, un saltare e un cadere al tempo stesso".

Quanto vento gelido sulla giovane repubblica tedesca fin dai primi anni '20!
J. Roth ce ne offre una rappresentazione da brividi in questo libro del 1923.
Protagonista è Theodor, un giovane taciturno, in una Germania in cui l'antisemitismo si diffonde quasi come contrappeso dell'evidenza con cui esponenti ebrei eccellono nelle varie carriere.
Lui doveva constatarlo ogni giorno alle dipendenze del ricco gioielliere Efrussi in qualità di precettore del dotatissimo figlio.
Tutto gli era poco chiaro. Brancolava nel buio. A volte si sentiva una nullità. Era impellente il suo bisogno di riscatto, del riconoscimento da parte degli altri. Bramava autorità e fama.
Diventa membro di un'associazione segreta, in quel marasma sociale in cui si confondevano rivoluzionari e spie, opposti estremismi, approfittatori e doppiogiochisti.

Romanzo terribilmente premonitore per il futuro della Germania e non solo.
Il protagonista, inquieto e inquietante, può risultare figura emblematica di quel torbido periodo. In confronto, Bel-Ami di Maupassant potrebbe sembrare quasi rassicurante; il che è tutto dire.
Qui si traffica col delitto!

Un breve romanzo interessante, in cui analisi psicologica e condizione storica formano un tutt'uno.
la prosa asciutta, scattante è in continua tensione.
Ciò che però mi è mancato è stato il piacere della lettura.
Nelle scene particolarmente cruenti si nota una specie di enfasi per eccesso di dettagli raccapriccianti.
L'autore imparerà presto che il troppo non giova alla qualità letteraria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...

letteratura mitteleuropea
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La tela di ragno 2018-06-04 20:26:56 siti
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
siti Opinione inserita da siti    04 Giugno, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

RAPSODIA ANTICIPATORIA

L’ex sottotenente Theodor Lohse terminata la grande guerra torna ai ranghi: è ora uno studente di legge e un precettore inadeguato presso la ricca famiglia ebrea Efrussi. Fuori dalle gerarchie militari perde la sua identità, non c’è una regola cui riferirsi e la disciplina è un derivato della miseria di chi non può ambire a posizioni migliori. L’anonimato lo schiaccia e si nutre di sogni grandiosi di rivalsa. La stessa che anima chi non può soggiacere ai trattati di Versailles, la stessa che non può veder soccombere l’impero, la stessa che agogna la Repubblica, la stessa che vorrebbe la rivoluzione, la stessa che imputa ogni scacco agli ebrei. Odia e diventa violento. Si insinua negli ambienti che cospirano e tramano, cospira, trama, sospetta, tradisce e supera qualsiasi ideologia, fa sue certe posizioni, le impara perfino a memoria, con esse attira le folle ma lui lavora solo per se stesso. E l’odio cresce, si autoalimenta, straripa. Lui vuole la gloria, il suo nome sui giornali, il nazionalsocialismo è d’altronde solo un’idea, lui vuole il denaro, lui vuole essere come l’ebreo e comprarsi perfino uno come lui. Lui vuole il potere…
Tremendo affresco rapsodico di una scalata individuale alla ricerca di un ordine nuovo, terribilmente individualista e senza morale.
Romanzo storico-politico del 1923, tratteggia un’epoca, tutta vissuta da Roth, in una Berlino ben rappresentata, e anticipa un altro sogno tramutatosi in tragedia. Incompiuto, lascia il lettore in un crescendo di intrighi, complotti, attentati, fughe, invischiato e intrappolato come un insetto in attesa del ragno. Lui Roth, presentendo il fallimento della Repubblica di Weimer, vide lungo lasciando Berlino per Parigi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
La tela di ragno 2013-11-11 21:25:15 paola melegari
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
paola melegari Opinione inserita da paola melegari    11 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

theodor lohose, il piccolo uomo

La tela di ragno. Mi scuso, ma a causa mia è stato inserito un titolo non propriamente esatto ( di ragno e non del)

La tela di ragno, uno dei primi romanzi di Roth, pubblicato a puntate sul quotidiano del partito socialista austriaco, ci offre una lucida analisi della formazione dell’ideologia e del gerarca nazista.

Theodor , studente di legge, e precettore per una ricchissima famiglia ebrea, non è soddisfatto , ma soprattutto gli rode che fin dai tempi della scuola i primi della classe erano sempre ebrei, sempre, sul suo percorso lo superavano, li invidiava.
Persino la bellissima moglie di Efrussi, madre dei suoi studenti, era il suo ideale di donna, irraggiungibile.

Inizia così il cammino di Theodor, che passo passo migliora la sua posizione sociale alimentando l’ arrivismo, soprassedendo ad ogni regola morale , diventando assassino , spia, degradandosi sempre più
per la carriera, per emergere e far parlare di se’

La sua figura meschina ci rende l’idea di chi fossero effettivamente le SS e gli altri corpi militari nazisti.
Emblematica la fine, che ci insinua nella mente come dovesse essere vivere spiando e denunciando, rendendosi conto che chi spiava e denunciavo era lui stesso oggetto delle stesse azioni .

Pazzi in preda a follia collettiva , questo erano i nazisti, e il loro leader ne era la prova .

Lo consiglio per chi desidera approfondire la nascita del nazismo , in particolare lo consiglio a nadia.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
e vuole conoscere sulla formazione dei gerarchi nazisti
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage