Libere Libere

Libere

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Angela ha un seno bellissimo, un didietro che fa perdere la testa e un’eccellente educazione. Annabella è una scultura che cammina conquistando gli sguardi. Prima di incontrarsi per diventare le Thelma e Louise più seducenti di sempre, faranno ognuna molta strada, senza temere niente. Per arrivare in cima Angela dovrà fare a pezzi suo marito, un pianista celebre e troppo ingombrante. Annabella intuisce che il suo fascino può rendere molto, ma prima di tutto dovrà abbandonare casa e famiglia per evitare l’intossicazione mentale. Un assassinio, un’inchiesta, due fughe, un colpo di scena finale, ma soprattutto l’incontro tra due ragazze che insieme, amandosi perdutamente, dimostrano come il femminismo può (o forse deve) passare anche dalla più totale libertà sessuale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
2.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Libere 2020-03-29 23:32:55 Giulia
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Giulia    30 Marzo, 2020

Un titolo mancato

Nel qual caso con libro femminista si intendesse uno scritto con protagoniste forti e indipendenti allora si, forse questo libro è un libro femminista, ma, e qui c’è un grande ma, perché Annabella e Angela sono due personaggi aridi, due stereotipi, che solo superficialmente si possono considerare personaggi femminili di una certa entità.
Annabella che si prostituisce, non per disperazione, ma perché non si fa alcuno scrupolo ad usare la sua bellezza , il suo fascino e ogni orifizio del suo corpo per ottenere ciò che vuole, dai soldi al potere. A vederla così, alta, bella, coi capelli rasati, con appena vent’anni e con quest’intelligenza sorprendente, a chiunque verrebbe voglia di innamorarsi di lei, peccato che questo è tutto. Di lei non si sa più nulla, cosa le piaccia, cosa pensa davvero, di lei si vede solo questo abito cucitole addosso. In più, mai e poi mai, si capisce cosa ci trovi in Angela, cosa l’attiri a lei, perché proprio lei, perché l’ama.
Annabella è un involucro bello, accattivante e sensuale, ma un involucro vuoto, che fino alla fine si cerca qualcosa con cui riempirla, ma questo qualcosa non si trova mai.
Con Angela va un po’ meglio, lei è un po’ più approfondita, delineata, ma fino alla fine non si capisce dove l’autrice voglia arrivare con lei... una donna spietata, capace di tutto pur di soddisfare le proprie esigenze, a tal punto da diventare un assassina senza battere ciglio, ma perché? Angela è una bella donna, glaciale e stoica, con una sfrenabile passione per lo shopping, ma decisamente una fallita. Non riesce nell’insegnamento e non riesce nella scrittura. L’unica passione che le notiamo è quella passione che la prende per Annabella, quell’amore folle che la pervade e le permette di trovare un qualcosa di nuovo a cui dedicarsi, per sentirsi un po’ meno fallita forse. E dico forse, perché anche qui i sentimenti sono lasciati fuori, non c’è spazio per l’introspezione, per un analisi che vada al di là del piacere fisico o di questo accenno di amore, che passa comunque attraverso il corpo.
È un libro che non si analizza, che rimane sempre e solo in superficie. I personaggi sono superficiali e i loro rapporti sono quelli che ne risentono di più, che risultano vaghi e quasi senza senso.
Il libro manca di coerenza, molte scene sembrano messe lì solo per il piacere di raccontarle, ma senza avere un collegamento tra loro. C’è sempre una domanda che aleggia lì, questo “perché?“, che ci si chiede continuamente, disorientati dalle scende a volte insensate.
Ed è un peccato, perché la trama è forse un po’ un cliché, ma incuriosisce e attrae e la scrittura prende, non è perfetta ma fa il suo dovere, coinvolgendo e a volte riportando frasi notevoli. Le parti scritte meglio sono le descrizioni, soprattutto quelle erotiche. L’autrice usa questi elenchi di parole, verbi, sostantivi e, ovviamente, aggettivi, che descrivono alcune scene. In alcuni casi, questa trovata le è riuscita, affascinando pure, ma in altre mi è quasi sembrato di leggere una lista della spesa, certo, una lista della spesa con parole altisonanti, ma pur sempre una lista della spesa.
È un libro che definirei pieno di potenzialità, una lettura resa piacevole inconsapevolmente, perché io mi sono trovata a sorridere e a volte proprio a ridere davanti alle scene più surreali, ma non era questo quello che l’autrice cercava, immagino. Ed è qui il problema più grande, che l’autrice prefissa un obiettivo, te lo mostra, ma non solo non lo raggiunge, non lo sfiora neanche.
Scrivere un libro non è semplice, e spesso bisogna passare su molti cadaveri di libri prima di arrivare ad un opera ben fatta.
So di non aver scritto una recensione positiva, ma in questo libro si può vedere il miraggio di uno nuovo, magari meglio scritto e con personaggi meglio caratterizzati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Libere 2015-05-05 09:35:45 Bookaholic
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bookaholic Opinione inserita da Bookaholic    05 Mag, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un thriller tutto al femminile

Helena Marienske ha scritto un libro dove sono le donne ad avere il potere del bene e del male. Il libro racconta la storia di due donne che per gran parte del libro non si conoscono e vivono due vite parallele, maestra di scuola una, escort di successo l'altra.
Dietro a due vite apparentemente così lontane si nascondono due donne che sanno perfettamente ciò che vogliono e fanno di tutto per ottenerlo. Non si tratta di amore e famiglia, una volta tanto, ma di potere, il potere di essere libere e forti a scapito di tutto il resto.
Così la maestra si scopre essere un'assassina a sangue freddo a cui piacciono le donne, una donna in particolare. E la escort ci mostra tutti i vantaggi di una vita in cui il piacere puro e ripetuto viene pagato fior di soldi. Non la storia di una povera ragazza costretta a fare del suo corpo moneta di scambio ma una donna che consapevolmente decide di legare il piacere del sesso al piacere dei soldi.
Lo stile è fluido e la narrazione è immediata, senza fronzoli, la storia arriva dritta al punto senza soffermarsi su noiose descrizioni. C'è qualche scena spinta che ben si lega alla narrazione e alla storia in generale. A lasciarmi perplessa è stata la superficialità del racconto che non entra a fondo nella psiche dei personaggi, fa dei ritratti, racconta una storia grottesca e a tratti divertente ma non riesce a far entrare nel cuore le due donne di cui racconta. Nonostante questo lo consiglio per la particolarità del contenuto e dello stile di scrittura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri