Perdersi Perdersi

Perdersi

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Alice dopo anni di studio, di notti in bianco e libri di psicologia, ha coronato il suo sogno, è una scienziata di grido, insegna a Harvard e viene chiamata dalle più prestigiose università per tenere conferenze. E poi c’è il suo più grande orgoglio, la famiglia: il marito John e i loro figli, Anna, Tom e Lydia. All’improvviso, però, tutto cambia. All’inizio sono solo piccole dimenticanze. E poi un giorno, dopo il giro di jogging quotidiano, Alice si ritrova in una piazza che è sicura di conoscere ma che non sa dove si trovi. Quando le viene diagnosticata una forma presenile di Alzheimer, tutto ciò in cui Alice ha sempre creduto pare sgretolarsi. E anche la sua famiglia, che l’aveva sempre considerata un pilastro indistruttibile, perde ogni certezza e fatica ad accettare la nuova Alice.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.3  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Perdersi 2017-07-10 10:27:24 Fabiana_R99
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Fabiana_R99 Opinione inserita da Fabiana_R99    10 Luglio, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PERDERSI... NELLO STILE

All'inizio il libro mi coinvolgeva di più perché era scritto bene, poi è andato a perdere stile.
Ho apprezzato che la parola "Alzheimer" sia venuta fuori solo verso la pagina 70, a me non piacciono gli svolgimenti frettolosi. "La storia parla di una malattia, quindi gliela diagnostico subito", no.
Ho apprezzato l'evoluzione di Alice.
Siccome, però, questa storia era inventata, non mi ha trasmesso molto la sofferenza di Alice, l'autrice si è concentrata principalmente sul narrare, ma in un libro del genere, a mio parere, bisognerebbe fare un passo in più e trattare anche l'interiorità. Anche perché, da un punto di vista, la personalità di Alice alla fine risulta un po' contraddittoria.
Mi sarebbe piaciuto che venissero presi un po' più in considerazione i suoi figli o suo marito, sarebbe stato bello un capitolo narrato da loro su "cosa penso di mia madre/moglie"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Perdersi 2017-04-24 07:37:53 Elena72
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Elena72 Opinione inserita da Elena72    24 Aprile, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perdersi nella malattia, ritrovarsi nell'amore

“Le piaceva avere qualcosa che le rammentasse le farfalle. Si ricordava di quella volta, aveva sei o sette anni, che in giardino si era messa a piangere per la sorte delle farfalle dopo aver scoperto che vivevano solo per pochi giorni. Sua madre l'aveva consolata spiegandole che per le farfalle non era triste e che solo perché la loro vita era breve non significava che fosse tragica. Guardandole svolazzare sotto il sole caldo tra le margherite del giardino, sua madre le aveva detto: "Vedi, hanno una vita meravigliosa". Ad Alice faceva piacere ricordarlo.” (p.118)
Alice ha 50 anni, un matrimonio felice, tre figli, è una docente e ricercatrice universitaria ad Harvard: viaggia, studia, si occupa dei figli e trova anche il tempo per fare jogging. Ma un giorno, proprio durante la sua corsa quotidiana, si accorge di non sapere più in quale punto di una piazza girare per poter tornare a casa. Alice inizia così a "perdersi". Gli scherzi della memoria si fanno sempre più frequenti, sempre più inquietanti: stress? Depressione? No, purtroppo. Le visite e i controlli medici escludono tutte le altre cause e arrivano a confermare una triste condanna: forma presenile di Alzheimer. "Avrebbe preferito morire che perdere il controllo della sua mente" eppure è proprio ciò che la vita ha in serbo per lei: Alice e la sua famiglia da questo momento dovranno imparare a convivere con una progressiva demenza. Alice è cosciente di ciò che le sta accadendo, ne soffre molto, ma non rinuncia a lottare per tentare almeno di rallentare i processi degenerativi della malattia e accetta di sottoporsi ad una terapia sperimentale che, purtroppo, si rivelerà inutile. Alice sa che le resta poco tempo prima di spegnersi, eppure continua a praticare jogging, esercita la sua mente con letture e film, arriva anche a fondare una comunità di mutuo aiuto per persone come lei affette da questo morbo. Ma soprattutto Alice vuole dare e ricevere amore: chiede, anzi quasi pretende, che il marito le stia vicino, affianca con tutto il suo affetto i figli nelle loro scelte di vita e testimonia con coraggio la sua esperienza durante un convegno per sostenere i malati di Alzheimer e i loro familiari. Il discorso tenuto da Alice durante la conferenza annuale dell’Alzheimer’s Association rappresenta il messaggio che l’autrice, con il suo romanzo, ha voluto lasciare: “Sentirsi diagnosticare l'Alzheimer è come essere marchiati con una lettera scarlatta. È quello che sono adesso, una persona affetta da demenza. E il modo in cui, per un certo periodo, mi definirò io, e poi continueranno a definirmi gli altri. Ma io non sono quello che dico o quello che faccio o quello che ricordo. In realtà sono molto di più. [...]
Per favore, non limitatevi a guardare la nostra lettera scarlatta e a cancellarci dalla vostra vita. Guardateci negli occhi e parlate con noi. Non spaventatevi e non prendetela come un'offesa personale quando faremo degli errori, perché li faremo. Ripeteremo le stesse cose, cambieremo posto alle cose e ci perderemo. Ci dimenticheremo come vi chiamate e cosa avete detto due minuti prima. Faremo anche del nostro meglio per compensare e nascondere le nostre lacune cognitive. [...]
I miei ieri stanno scomparendo, i miei domani sono incerti, e allora per cosa vivo? Vivo giorno per giorno. Vivo nel presente. Uno di questi domani dimenticherò di essere stata qui davanti a voi a tenere questo discorso. Ma solo perché presto me ne dimenticherò non vuol dire che l'oggi non conta.” (p. 252)
Anche se la malattia porta via tutto con sé, la capacità di percepire l’amore rimane intatta, così come la possibilità di donarlo: questo, dunque, il grande messaggio che ci lascia l'autrice.

Lisa Genova, neuropsichiatra americana, ha saputo sapientemente inserire in questo romanzo spiegazioni scientifiche e vicende umane: in maniera struggente ed emozionante, dà voce ai pensieri confusi di Alice e trascina il lettore nel dramma della malattia. Attraverso la lettura si percepisce l'angoscia della protagonista e la sensazione di impotenza che ne deriva. La scrittura della Genova è precisa, lucida, impietosa sulle caratteristiche di questo morbo, ma anche molto coinvolgente, scorrevole, a tratti commovente. L'autrice descrive la storia sia dal punto di vista della protagonista, sia facendoci percepire lo smarrimento dei familiari e il difficile percorso di accettazione che essi devono affrontare perché, oltre ad assisterla, devono imparare a convivere con una donna molto diversa da quella di un tempo: non è più la madre forte, la moglie determinata, ma è ormai una donna fragile, insicura, incapace di far fronte anche ai bisogni più elementari dell’esistenza.

Coinvolta, come familiare, dal dramma di questo terribile morbo, ho trovato questa lettura di grande impatto emotivo, ma estremamente utile, "terapeutica". Mi ha fatto riflettere e versare lacrime, ma soprattutto mi ha aiutata a rielaborare una perdita: perché a perdersi, in questa malattia, non è soltanto chi ne è direttamente colpito, ma anche chi vi assiste, giorno dopo giorno, impotente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Oliver Sacks
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Perdersi 2013-08-04 13:38:02 Gardenia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Gardenia    04 Agosto, 2013

L'amore soprattutto

Stupendo! Ho conosciuto una realtà di cui oggi si sente spesso parlare, ma il concetto di Alzahimer restava un termine nebuloso che definiva un'altrettanto nebulosa malattia che distrugge la memoria e pensi un semplice "mi dispiace", qui invece si entra nel vivo del processo di una mente che si spegne, nella consapevolezza di spegnersi, ed è terribile perchè si è portati a pensare che proprio perchè perdono la memoria queste persone non si rendono conto di quello che succede, invece la scrittrice medico neurologo e ricercatrice nell'ambito delle malattie neurovegetative, ha reso superbamente i pensieri e le emozioni di chi subisce la malattia, segno che lei non è solo un medico che diagnostica prescrive medicine e ne osserva il decorso, ma lo vive con le persone che cura. Ammirevole la sua sensibilità come medico donna e scrittrice per come ci fa partecipare alla vicenda, e ci insegna che chi vive questa malattia non perde comunque mai la capacità di amare. Consigliatissimo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Perdersi 2012-02-29 12:33:48 Ally79
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    29 Febbraio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'oblio

E’la quinta volta che inizio a scrivere questa recensione.
Scrivo e cancello.
Perché non è semplice parlare di una storia sul morbo di Alzheimer.
Perché se non l’hai vissuto non riesci davvero a capirlo.
Immaginate di amare qualcuno.Tanto.Tantissimo.
Immaginate di avere milioni di ricordi insieme a questo qualcuno.
Immaginate che a un certo punto questo qualcuno vi veda e vi chieda:”Tu chi sei?Come ti chiami?”
Immaginate che il vostro cuore si rompa un po’ di più ogni volta che vi viene posta questa domanda.
Immaginate il dolore che provate nel sapere che questo qualcuno vive in un mondo di estranei.
Nessun viso gli scalda il cuore.
Senza amore.Senza ricordi.Senza consapevolezze.Senza autonomia.
Ecco è questo che vi racconta la bravissima Lisa Genova.
Con rispetto profondo vi porta nel luogo della non memoria.Un posto amaro,drammatico,spaventoso ma dipinto in maniera reale,senza la voglia di tragicizzare ad ogni costo.
Piena di delicatezza e amore ci narra la storia di Alice,50enne,professoressa di psicologia ad Harvard a cui improvvisamente viene messa tra le mani una diagnosi che fa lo stesso rumore di una bomba ad orologeria:Alzheimer presenile.
Intorno a lei un marito,tre figli e le dinamiche psicologiche e familiari che si installano prima,durante e dopo lo scoppio della bomba.
E’un romanzo,è vero,ma potrebbe tranquillamente essere una storia vera.
Leggetelo per capire meglio questa malattia senza cura.
Leggetelo perché è un romanzo bellissimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri