Dettagli Recensione

 
Niente, tranne la pioggia
 
Niente, tranne la pioggia 2011-08-01 07:37:03 Stefp
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Stefp Opinione inserita da Stefp    01 Agosto, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Niente, tranne la pioggia

Dalla Moldavia all'Italia del Nord, Bergamo. Allettate dalla promessa, dalla prospettiva di un lavoro, di una vita vera, normale, speranzose di fuggire la miseria che da sempre è la loro compagna, si ritrovano rapite, violentate, costrette a prostituirsi, in strada. Se sono brave, dopo qualche tempo possono ambire ad una posizione più elevata; escort. Una parola che da noi ha acquisito un sapore esotico, pruriginoso, quasi nobilitata viste le avventure del nostro Presidente del Consiglio. In realtà sono schiave. La moderna tratta delle schiave produce soldi, una montagna di soldi e una scia nauseante di crimini in una joint venture a delinquere formata da criminali moldavi, mafia slava e italiana. Vasco Lubrano, sovrintendente capo della Polizia Giudiziaria di Bergamo deve indagare sulla morte di una ragazza, trovata a pezzi in un sacco della spazzatura, prostituta moldava. Il suo senso estremo della giustizia gli impone di indagare a fondo, anche se per molti la vita di una prostituta clandestina moldava non è poi così importante. In un crescendo di violenza, sarà assassinata un'altra prostituta moldava e un libraio. Gli omicidi sembrano collegati fra loro....
Un noir.... nerissimo, crudo, non risparmia nessun orrore al lettore. Coinvolgente, è vivere un incubo intraprendere il viaggio dalla Moldavia a Bergamo insieme alle ragazze rapite, nella parte iniziale del romanzo. Un ritmo lento, riflessivo, con brusche accelerate, con il protagonista, Vasco Lubrano, un personaggio profondo, ben delineato che si sente come il criceto Campbell che corre, corre, dentro la ruota che però non lo porterà mai da nessuna parte. Un ritratto di Bergamo, di un certo nord Italia e di una certa classe politica, che non fa sconti a nessuno, scomodo quanto reale, grigio e... piovoso. Un romanzo condito da una bella colonna sonora, tanti sono i riferimenti a bei pezzi della musica pop e rock.
Occorrerebbe “sentire” nel profondo il disprezzo per l'uso che si fa, in tanti campi, del corpo femminile come merce, come “cosa” sempre ammiccante e pronto all'uso sessuale. Non si sente... niente, tranne la pioggia.


Grazie a Qlibri per avermi dato, attraverso Sergio Paoli, l'autore, l'opportunità di leggere questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri