Dettagli Recensione

 
Fuori da un evidente destino
 
Fuori da un evidente destino 2013-07-24 03:09:36 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    24 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Eterocromia alla David Bowie

Il terzo romanzo di Faletti è, nel titolo e nei fatti, “Fuori da un evidente destino”. Di riuscita. Di continuità rispetto al successo che il pubblico gli ha accordato.
In poche parole, il tema del romanzo può essere riassunto nel non banale principio secondo il quale, talvolta, il passato è il posto più difficile ove ritornare.
Per argomentare questo principio intuitivo, Faletti confeziona un tomo di oltre cinquecento pagine, illudendo il lettore che i misteri narrati possano essere ricondotti alla logica umana.
Jim Mackenzie è pilota di elicotteri: affascinante, caratterizzato da eterocromia (ha un occhio nero e uno verde), è di sangue misto: metà pellerossa, metà caucasico. Le caratteristiche fisiche, di meticcio eterocromatico, sono ovviamente la rappresentazione esteriore di un psicologia divisa e conflittuale (“Ho visto e sofferto la menzogna a sufficienza per non saper riconoscere la verità”).
Jim impara a proprie spese l’elementare verità sul passato quando, dopo parecchi anni, torna nella città (Flagstaff, Arizona) ai margini della riserva Navajo in cui ha trascorso l'adolescenza e da cui ha sempre desiderato fuggire.
Non appena Jim raggiunge il paese natale, si verifica una prima morte misteriosa, alla quale ne seguiranno altre: tutte inspiegabili, apparentemente senza movente, e soprattutto eseguite in modo atroce: i cadaveri hanno le ossa frantumate, particolare che ne rende irriconoscibili i tratti del viso.
Accanto al thriller, scorrono sentimenti e storie dei fantasmi del passato: Jim era partito lasciando alle sue spalle il risentimento della sua ragazza e del suo miglior amico. Alan lo aveva scoperto uscire da un motel con la sua bellissima fidanzata, mentre April, la ragazza di Jim, era incinta.
Dopo dieci anni (“E’ vero, le persone non cambiano, ma possono ritrovarsi”), Jim ritrova Alan, reduce di guerra, alle prese con arti artificiali per aver subito l’amputazione delle gambe; la bella traditrice, Swan, è diventata un’attrice famosa; April è una coraggiosa giornalista …
L’aspetto più interessante del romanzo? A parer mio, il fascino etnico di una civiltà perduta e il tentativo di riscoprire alcune tradizioni indiane.
Al di là di questo nobile esperimento, l’eccessiva e manichea contrapposizione tra buoni e cattivi, ereditata dalla cinematografia western, e il trionfo dell’irrazionale nella soluzione del mistero sono elementi che lasciano il sapore dello scontato e dell’irrisolto. Di fronte a questa constatazione, Faletti sembra pronunciare a se stesso: “Ma il coraggio è anche questo. La consapevolezza che l'insuccesso fosse comunque il frutto di un tentativo. Che talvolta è meglio perdersi sulla strada di un viaggio impossibile che non partire mai.”

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Ciao Bruno, in qualche modo...ammaliato da Faletti?
Pia :))
Bruno, nel mio dialetto, Ci Propi Brév :D
Valentina
La tua recensione non fa una piega, ma io sono prevenuta nei confronti di Faletti, non avrà mai i miei soldi!!!!!! Ciao a presto!
Faletti non mi avrà mai!! Vorrei leggere "Io uccido" chissà....forse ....ma cavoli il titolo che hai dato sull'eterocromia di David...wow!!! Fa di te un eroe :))))
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
24 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Sharma e Gracy: però, dai, ci son le biblioteche se proprio non vogliamo che la nostra pecunia scivoli verso certi autori! Lo so, noi lettori compulsivi siamo anche tanto possessivi... :)

@ Gracy: finito di sollazzarti per Milano? :) Ho seguito la tua epopea attraverso immagini e foto! :)
In risposta ad un precedente commento
gracy
24 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Bruno!! hai visto? ;)) Very important people...purtroppo si...finita la vacanza spassosissima, una Milano da bere e da amare :)
...Hai detto bene possessivi... Il libro ce l'ho nella mia libreria :))
i bookaholic sono esigenti e prevenuti!!
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Morte accidentale di un amministratore di condominio
Appuntamento mortale
Chiedi al portiere
La vita paga il sabato
La Svedese
Scripta manent
Un volo per Sara
Undici morti non bastano
Una stella senza luce
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore