Dettagli Recensione

 
Sogni di sangue
 
Sogni di sangue 2013-08-31 13:06:12 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    31 Agosto, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tre palpebre per una donna-coccodrillo

Enoch è un ragazzino di tredici anni e ha un problema di deambulazione: “Avrebbe preferito che gliele avessero tagliate, quelle gambe, piuttosto che costringerlo a camminare come Frankenstein dentro a tutori di metallo, rigidi, freddi, scomodissimi. Wall-e, lo chiamano così a scuola … come il robot di un film della Pixar…”
Scopriremo poi che soffre di “artrite idiopatica giovanile” che causa “un’infiammazione cronica e persistente alle articolazioni.”
Il suo problema fisico lo costringe a subire i soprusi dei compagni (“una spinta … lo fa barcollare come una marionetta fallata”), verso i quali nutre sentimenti di paura e astio (“Nel cuore di Enoch c’è un mare in tumulto, ora. E un odio sincero che gli germoglia in petto come un papavero nero”).
Poi il capo dei bulli, Alex, scompare…
Tutti i tasselli (be’, non proprio tutti!) si ricompongono secondo il lume della ragione in questa vicenda che nasce tra descrizioni horror: l’ambiente è un vecchio stabilimento abbandonato, ove abbondano scarafaggi, topi e rettili (“Sarebbe il regno perfetto per serpi d’acqua, ratti e blatte…”) che spesso rendono visita a Enoch, di notte, nei suoi sogni tormentati.
La vicenda assume poi toni esoterici (“Psicostasia significa pesatura delle anime…”), grazie a un ciondolo che reca impressa l’immagine del dio coccodrillo degli antichi egizi, attraverso un passaggio segreto nella casa di Enoch e mediante i poteri occulti di Dorotea, la mamma (già, una madre che decide di chiamare Enoch il proprio figlio…), che sembra avere “tre palpebre rettili, proprio come i coccodrilli”. Ma anche per questa dimensione più misteriosa Lorenza Ghinelli cala il suo asso nella manica: Rebecca (“Sono una consulente, esperta di cultura e tradizioni gitane… Religioni antiche, rituali satanici, tradizioni pagane…”), che saprà ricondurre tutto (be’, ancora una volta, non proprio tutto!) a ragione.
Un romanzo tanto breve quanto divertente, nel quale Lorenza Ghinelli riconferma la propria vocazione nel coniugare effetti spettacolari della narrazione e indagine psicologica (qui soltanto accennata, considerata la brevità del testo) sui più giovani, agglutinando intrattenimento e spunti di riflessione con un interessante affondo in una cultura tra le più antiche: quella dei faraoni e delle loro divinità zoomorfe.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... "La colpa" della stessa autrice
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Bellissimo commento, complimenti Bruno...
caspita, leggendoti mi pento di non averlo acquistato domenica scorsa quando mi è capitato tra le mani...
Lorenza è mia conterranea e mi fa piacere che dia prova di scrivere bene......
personalmente La colpa mi ha lasciato un ottimo ricordo
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri