Dettagli Recensione

 
Il nuovo venuto
 
Il nuovo venuto 2013-09-07 04:25:06 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    07 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per chi parteggiare?

Romanzo che ha vinto il premio Fedeli nel 2004, è ambientato – come gli altri che hanno per protagonista il commissario Bordelli – nella Firenze degli anni sessanta. Per la precisione, qui siamo nel dicembre del 1965.
Con un paio di forbici conficcate nella nuca, viene ritrovato ucciso Totuccio Badalamenti. Nella sua vita, la vittima non è certo stata uno stinco di santo: praticava infatti uno dei più ignobili “mestieri”, era uno … strozzino! E veniva chiamato dalla gente "il nuovo venuto". Durante le indagini emerge che in molti vivono la morte dell’usuraio con soddisfazione, quasi a dire: “Ben ti sta!”. Lo stesso Bordelli conduce le investigazioni con sentimento contrastato: il desiderio di individuare il responsabile di un omicidio, per consegnarlo alla giustizia, confligge con il disprezzo per un individuo che in vita è stato vile e ha approfittato delle disgrazie altrui per arricchirsi. Al punto che, a tratti, l’inquirente sembra quasi parteggiare per l’omicida: il superego del commissario deve calmierare la naturale simpatia verso chi probabilmente ha commesso un reato perché era in preda alla disperazione.
Nella prima fase l’indagine ristagna in un’impasse dalla quale sembra impossibile uscire. Poi con l'autopsia il medico legale Diotivede offre il primo spunto utile e Bordelli si aggrappa all’indizio con tutte le forze della razionalità analitica…

Questo è stato il primo romanzo di Vichi che ho letto. Con esso ho conosciuto l’inquieto e malinconico commissario che – memore del passato di partigiano, che spesso rivive nella narrazione dei ricordi di guerra – si impegna a far rispettare la legge e a difendere i più deboli, ma interpreta questo ruolo con complessità psicologica e in modo informale, frequentando anche persone che per necessità vivono ai confini del lecito.
I romanzi di Vichi hanno il pregio di intrecciare vicende “poliziesche” ben costruite a descrizioni di eventi storici e di episodi di cronaca nera, che ridipingono in chiave romanzata quadri della società e del capoluogo toscano degli anni sessanta.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... Morte a Firenze dello stesso autore
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
C.U.B.
07 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Impeccabile. Molto utile.
E ora puoi quasi, dico quasi andare in vacanza.
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
07 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì, ma non ti libererai così facilmente di me! :-)
In risposta ad un precedente commento
gracy
07 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Mai letto Vichi...sto li x li...e poi scelgo altro...
torna eh...Bruno, ricreato e riposato :)))
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri