Dettagli Recensione

 
La giostra degli scambi
 
La giostra degli scambi 2015-09-14 17:43:02 GPC36
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
GPC36 Opinione inserita da GPC36    14 Settembre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un meccanismo collaudato

Inizia male il più recente romanzo dedicato al commissario Montalbano: un primo capitolo in cui il beneamato poliziotto si trova infilato in situazioni poco credibili e comunque poco lusinghiere per la sua professionalità: una sequenza di piccoli episodi che ci si rende conto che hanno solo la funzione di giustificare il titolo del libro. Poi il romanzo riparte con il consueto cast di attori: Fazio, Mimì Augello, Catarella, il questore e, sempre più defilata ed evanescente, Livia. Lo stile riprende vigorosamente il lessico siculo – italiano, copyright di Camilleri, accentuando la componente siciliana che in alcuni recenti romanzi sembrava più sfumata.
Montalbano teme di perdere colpi, di sentire il peso degli anni, ma poi il suo scatto intuitivo arriva, anche se un po’ in ritardo e come al solito vince la sua ennesima battaglia.
L’impianto è così collaudato da non creare apprensioni: come sottolineava Camilleri in una recente intervista i suoi romanzi con Montalbano hanno un numero di capitoli (da 17 a 19) e un numero di pagine (250-260) pressoché fissi.
Capisco chi lo critica perché trova ripetitivo lo schema o non digerisce il suo linguaggio, ma per chi lo ama Camilleri è come una rada che offre un approdo sicuro e tranquillo. Un suo nuovo romanzo è l’attesa occasione per mettersi in poltrona, con la sicurezza di trovare qualche ora di distensione; così come per la versione televisiva che si vede e si rivede e ogni volta ci si accorge che i nervi si rilassano.
Qualche cenno sulla trama? No, è un poliziesco e non sarebbe corretto. Poi stasera c’è Montalbano in televisione e non voglio fare tardi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ai tifosi di Camilleri e Montalbano. A chi non li ha ancora letti
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Bel commento, anche se io sono fra quelli che non reggono il linguaggio di Camilleri.
In risposta ad un precedente commento
GPC36
16 Settembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio, credo che su Camilleri sia difficile la via di mezzo: o lo si ama, pur ammettendone alcuni limiti, o il linguaggio genera idiosincrasia
SARY
16 Settembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi è proprio piaciuto questo commento! Vero, Camilleri è un porto sicuro.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Indipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri