Dettagli Recensione

 
La notte di Roma
 
La notte di Roma 2016-01-18 23:45:57 f.martinuz
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
f.martinuz Opinione inserita da f.martinuz    19 Gennaio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Roma brucia

Nell’universo criminale-politico creato dal duo Bonini-De Cataldo “La notte di Roma” è l’ideale prosieguo di “Suburra”, salito alle cronache giornalistiche per l’incredibile concomitanza tra il l’uscita del film omonimo di Stefano Sollima, le pressioni su Marino e lo scandalo delle coop rosse e bianche di Roma Capitale. Nonostante contenga personaggi già presenti nel primo romanzo romano “La notte di Roma” può essere tranquillamente letto come un romanzo autonomo e indipendente dai fragili legami che possiede con il precedente.

La storia è terribilmente attuale ed è quasi certamente lo specchio di ciò che accade dietro le quinte delle dinamiche criminali e del potere politico, le quali nefastamente si intrecciano per tutelare e garantirsi interessi comuni. Il perno su cui ruota la vicenda è il Giubileo indetto da Papa Francesco; l’ambientazione, i personaggi, il periodo storico sono tanto vicini a noi da convincerci che i due autori abbiano sfruttato il momento anche “editorialmente”, sicuri di ottenere interesse mediatico e un buon successo. Attorno all’organizzazione dell’evento prendono corpo i feroci interessi della cricca criminale di Sebastiano Laurenti, tormentato successore del Samurai confinato al 41-bis; della giovane e ambiziosa deputata del Pd, Chiara Visone; di Temistocle Malgradi, un uomo per tutte le stagioni. A essi fa da contrappeso la figura integerrima e incorruttibile di Martin Giardino, sindaco di Roma insediatosi come un alieno al Campidoglio e doppione smaccato dell’ex sindaco Ignazio Marino. Da notare peraltro la assonanza palese tra i due nomi. Sono questi i protagonisti nelle cui mani grava il destino di una Roma traballante, fragile, profondamente corrotta, incapace di redimersi.

Ciò che turba e che spaventa è il progressivo insinuarsi dell’idea che ciò che viene raccontato come fiction corrisponde alla realtà. A ciò che non vediamo ma che esiste. L’esistenza di un mondo parallelo nel quale le regole del “viver civile” e dell’onestà vengono calpestate a ogni piè sospinto.
Come anche in “Suburra” e “Romanzo criminale” il cosiddetto Bene rimane sullo sfondo, lontano e impotente di fronte al cieco interesse, al bieco egoismo, alla gratuita violenza, alle cricche indissolubili, ai traffici illeciti, al finto sindacalismo e ai giochi di potere. Bonini e De Cataldo, con uno stile piacevole e semplice, infarcito di gergo romanesco per dare credibilità al racconto, intessono una trama coinvolgente e avvincente che tuttavia non replica l’imponenza del libro che, in questo genere letterario può fregiarsi del titolo di apripista e capostipite, ovvero “Romanzo criminale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzo criminale
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri