Dettagli Recensione

 
L'addio
 
L'addio 2016-06-03 03:03:49 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    03 Giugno, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perché cantate, tremate e piangete?

Antonio Moresco pronuncia “L’addio” in una storia tetra e martellante tanto nello stile narrativo enumerante azioni quanto nell’incalzare degli interrogativi pseudo-filosofici.

La città della morte e la città della vita sono in contatto tra di loro, non si sa bene quale sia il prius, quale il post.
Le scene iniziali si svolgono nella città dei morti: l’oltretomba assomiglia tanto al nostro mondo, ma è afflitta da una litania straziante (“Tutta la citta dei morti era percorsa da un coro verticale di voci di bambini morti”) che induce D’Arco, poliziotto trapassato nell’affrontare il caso dei serial killer nubendi (!), a tornare nella contigua città dei vivi per estirpare l’origine del male (“Perché cantate e intanto tremate e piangete?”).
Con lo sguardo atono (“Perché lei ha gli occhi bianchi”) e un aspetto niente affatto rappresentativo (“Il mio corpo pieno di ferite cicatrizzate ricevute durante le azioni condotte nella città dei vivi”), pilotato da un bimbo che non parla ma scrive (“Ti porto io sono qui per questo”) e conosce i luoghi ove si annidano i persecutori, il vendicatore dei bambini ingaggia una vana missione punitiva, compie una strage di persone malvage dedite ad abusi ed espianti d’organi, passa da scannatoi alla reggia della luce (“Nella terza notte è avvenuto il combattimento con l’Uomo di luce e con le sue legioni”)…

Il clima è angoscioso (“Stava già camminando sui suoi alti trampoli”), le descrizioni metropolitane sono asfissianti (“Siamo entrati in un anfiteatro che si apriva in mezzo a un cerchio di torri ancora di nudo cemento e ferro”), il lettore s’interroga (ma chi li sceglie questi finalisti dello Strega?) e chiede tregua a un autore che si sente investito – anche lui come D’Arco – di una missione tanto salvifica nelle intenzioni (“Non voglio inorridire nessuno, non voglio scandalizzare nessuno”) quanto inane nell’esito.

Peccato, in passato avevo apprezzato la poesia inquietante de La lucina!

Giudizio finale: finalista?, lugubre, ipossico

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Moresco non è per tutti. Questo romanzo ti dà una vaga idea di come possono essere gli increati, con un ritmo di scrittura martellante, ipnotico con ripetizioni di frasi e di espressioni ossessive che danno al romanzo il ritmo di un cantico. Forse ti potrebbe piacere fiaba d'amore, è più tipo la lucina, un po' più narrativo e ossessivo più d'amore che di morte.
Riprendo la tua domanda: ma chi li sceglie questi finalisti dello Strega?
Bruno, dalle tue ultime letture vedo una soddisfazione dietro l'altra...
:-)
Tieni duro
un vero peccato, confidavo almeno in Moresco....
se le migliori letture dell'anno sono rappresentate dai finalisti dello Strega, mi viene da dire che in Italia "il piatto piange"
@ Mario: sì, in questo libro non è per me... :-)

@ Cri: ping pong, ping pong, rispondi tu, rispondo io, ahahahah :-)

@ CUB: per compensazione, ti devo aggiornare sui gatti selvatici. Sulla riva tre fiocchi, rosa, azzurri, chi lo sa... abbiam capito che il maschio alfa ci porta una cucciolata di questi tempi... :-)

@ Silvia: urge tuo parere!!! Io e Mario abbiamo bisogno dell'auf eben per dirla con Hegel :-)

Ciaooo
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
04 Giugno, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Rispondo io: forse i finalisti dello Strega non vengono scelti in base a criteri meritocratici, forse... :-)
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri