Dettagli Recensione

 
L'altro capo del filo
 
L'altro capo del filo 2016-08-28 18:32:30 lapis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    28 Agosto, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sbirro e Uomo

E’ un romanzo pieno di umanità quest’ultimo lavoro di Andrea Camilleri, quell’umanità che da sempre costituisce la forza e la bellezza del mondo in cui si muove il commissario Montalbano.

Innanzitutto l’umanità dei migranti che approdano sulle spiagge della Sicilia con il loro bagaglio di sofferenze e di paure. Ancora una volta Camilleri dimostra il suo impegno sociale dedicando alcune pagine a un tema di grande attualità. Negli occhi di una ragazzina violentata, di un bambino annegato, di un famoso flautista costretto ad abbandonare la propria arte fa vivere per noi la disperazione di chi è obbligato a rischiare la vita, lasciare il proprio mondo e attraversare il mare verso l’ignoto perché il proprio paese lo ha privato di ogni speranza. E con gli occhi assonnati di Fazio e con quelli velati dalle lacrime del sensibile Catarella ci racconta le difficoltà di chi è lasciato solo e senza strumenti a ricevere ogni notte una nuova ondata di miseria. Con poche vivide immagini e straordinaria empatia riesce a fare forse più di tante pagine di cronaca, facendo riflettere il grande pubblico su un tema così difficile e delicato.

Poi l’umanità della bella e gioiosa sarta Elena, chiamata a tagliare un abito per il nostro commissario e ritrovata poi ferocemente assassinata a colpi di forbice nel suo stesso laboratorio. Elena è una di quelle figure femminili dal fascino misterioso che Camilleri è tanto abile a tratteggiare, sebbene debba ammettere che la trama investigativa tradizionale sia a mio avviso proprio l’elemento più debole del romanzo, che si sviluppa senza la solida costruzione narrativa di indizi e incastri cui l’autore ci aveva abituato.

Infine l’umanità di Montalbano, la sua disciplina di sbirro, che lo porta a fare il proprio lavoro con immutato senso del dovere, contrapposta alla sua anima di uomo, incapace di guardare il corpo martoriato della sarta che aveva suscitato la sua immediata simpatia, stanco di affrontare la tragedia umana che ogni notte si presenta uguale ai suoi occhi, consapevole delle troppe brutalità incontrate nel corso del tempo. Per fortuna c’è ancora la semplice quotidianità a regalare a lui e a noi un sorriso: l’efficienza di Fazio, l’ingenuità di Catarella, la superficiale simpatia di Mimì, un pranzo saporito gustato in silenzio, la chiacchierata col granchio che ogni giorno lo aspetta al molo al termine dell’abituale passeggiata digestiva. E un buon libro: Montalbano legge Rocco Schiavone e noi leggiamo Montalbano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Camilleri per me rappresenta un caso curioso. Finora ho letto molto poco di lui, considerando la vastità della sua produzione, eppure per una serie di motivi lo considero tra i miei scrittori preferiti. Sarà perchè i pochi suoi romanzi letti mi hanno subito conquistato, sarà per la simpatia, la sicilianità (altra terra che adoro per tanti motivi e dove mi ostino a non andare), l'omaggio a Vazquez Montalban (nel nome e nell'appetito del protagonista) le interviste, la carriere in RAI, soprattutto con Maigret (ho guardato tutte le cassette che sono riuscito a trovare), oltre che naturlamente il Montalbano televisivo. Tutta questa rassicurante familiiarità mi togie uno dei motivi fondamentali della lettura, che è il gusto della scoperta. Stessa cosa potrei dire per Simenon, altro scrittore che amo ma di cui ho letto una quota irrisoria della sua sterminata produzione.
In risposta ad un precedente commento
lapis
29 Agosto, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Pierpaolo. Grazie mille per il tuo commento!
Sinceramente ho letto anch'io troppo poco di questo autore, soprattutto nella produzione non legata al commissario Montalbano, ma l'ho sempre apprezzato molto per il suo modo leggero e allo stesso tempo profondo di raccontare la Sicilia e, più in generale, i caratteri umani, anche in un giallo. Mi riprometto invece sempre di leggere Simenon, che conosco davvero pochissimo, ma poi rimando. Che sia questa la volta buona?
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri