Dettagli Recensione

 
La ragazza sbagliata
 
La ragazza sbagliata 2017-07-27 21:30:28 Fr@
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Fr@ Opinione inserita da Fr@    27 Luglio, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E'davvero come sembra?

Estate 1993. Irene viene trovata morta dopo giorni di intense ricerche. Una giovane vita spezzata nei peggiori dei modi. Uccisa, e il suo corpo sembra essere stato vittima di crudeli violenze.
Chi avrebbe potuto compiere tali atrocità? Chi avrebbe potuto voler fare del male a una giovane tanto amata e ben voluta? Bella, intelligente, una vita perfetta davanti.
Ma è davvero così?
“La ragazza sbagliata” è un noir italiano con protagonista Dario Corbo, giornalista divenuto famoso negli anni ’90 per i suoi articoli sulla morte di Irene e che anni dopo si ritrova, per necessità di soldi soprattutto, a scrivere un romanzo sulla ragazza accusata dell’omicidio di Irene.
Nora Beckford, il suo caschetto nero alla Uma Thurman in “Pulp Fiction”, il collarino nero e le Dr. Martens.
Nora Beckford che “non era mai passata del tutto inosservata. Aveva intorno una certa aura di privilegio, si capiva che era diversa […] Quando ti degnava di uno sporadico sguardo, sembrava stesse sempre per dire >”

Tutte le vicende, nel passato e nel presente, avvengono in Versilia, descritta dall’autore del romanzo in una intervista come “un microcosmo che ti permette di passare dall’orizzontale, il mare, al verticale, le montagne, in tre chilometri e la visione del mondo si ribalta”. Tutta la storia viene raccontata in prima persona da Dario Corbo, giornalista caduto in disgrazia, che sotto la guida di una donna magistrato, Lavinia Monforti, indaga anni dopo per capire se Nora ha passato 15 anni in carcere per un errore.
Allora, per prima cosa devo ammettere che ho fatto fatica a concludere la lettura del romanzo. Non perché la storia non sia interessante, al contrario. L’indagine dal punto di vista di un giornalista è una scelta molto particolare. Siamo abituati a seguire i casi di detective, poliziotti… In questo caso abbiamo un giornalista che, desideroso di fare carriera, farebbe di tutto per trovare la “notizia”.
Forse è proprio per questo che ho avuto difficoltà a terminare la lettura. Direi proprio a causa di Dario Corbo. Dalle prime pagine, non solo non mi sono affezionata al personaggio, ma ho proprio sentito una vera repulsione. Non mi capitava da molto per il protagonista di un romanzo.
Non ho mai parteggiato per lui, non ho mai provato pietà per le situazioni in cui si è trovato (l’assenza di soldi, la separazione dalla moglie, il rapporto con il figlio…).
Tra i personaggi, forse ho apprezzato maggiormente nella sua presentazione generale Lavinia Monforti, il magistrato, “una rossa dal cuore nero”. Donna forte e sicura di sé, non esita a mettere in difficoltà Dario Corbi con i suoi discorsi e le sue congetture: “Lo chiami horror vacui – continua – O se vuole anche quell’idea fissa, tipicamente maschile, che un buco esista soltanto per infilarci qualcosa. Ecco, quando le risposte certe non ci sono, arriva la smania di trovarne una purché sia. Anche se infilare la tua verità in quel buco è solo un atto di violenza. E’ così che funziona, mi dia retta”.
A parte il mio scarso amore per il protagonista, conclusa la lettura, posso dire che l’ho apprezzata.
E’ un giallo italiano che si legge volentieri. L’autore Giampaolo Simi ha uno stile piacevole, con numerose frasi che mi hanno costretto a interrompere la lettura per pensare.
Ho avuto solo alcune difficoltà all’inizio per capire i continui salti temporali, dai giorni nostri agli anni ’90. Ma già dopo le prime pagine ci si adatta velocemente allo stile del romanzo.
Quindi, che dire se non “Buona lettura”? :)

“Provo tenerezza per gli oggetti concepiti per non diventare mai antichi, ma solo decrepiti, molto presto. Mi chiedo se le storie che chiamiamo, per semplicità, d’amore, non possano avere un destino simile. Prima sono il futuro, ma quando qualcos’altro ce le fa sembrare obsolete, a che servono? Non resta che liberarsene e dimenticarle il prima possibile”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato agli amanti dei noir e gialli italiani. Potrebbe piacere anche a chi normalmente si interessa alla cronaca nera e ha seguito alcuni dei casi italiani più noti.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri