Dettagli Recensione

 
Il senso del dolore. L’inverno del commissario Ricciardi
 
Il senso del dolore. L’inverno del commissario Ricciardi 2017-08-28 07:54:10 Belmi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    28 Agosto, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io vedo il dolore

Forse sono una delle poche che ha fatto il “percorso” inverso..infatti, ho conosciuto De Giovanni con la nuova serie “I Guardiani” e poi incuriosita dal suo stile, sono andata alla “caccia” del Commissario Ricciardi.

Siamo a Napoli durante il periodo fascista e quando molti cercano di dimostrare che “Nulla per la gente, soprattutto nulla per la stampa: la città fascista è pulita e sana, non conosce brutture. L'immagine del regime è granitica, il cittadino non deve avere nulla da temere; noi siamo i custodi della sicurezza”, c'è un uomo che invece vuole vederci chiaro e arrivare alla verità anche se questo può far storcere molti nasi.

Il caso che Ricciardi si trova fa le mani è molto importante, riguarda l'assassinio del famoso tenore Vezzi, un uomo stimato da Mussolini ma odiato da tantissimi altri. Come sempre il Commissario per risolvere il caso segue la sua prassi: “le sue indagini non avevano requie: una volta cominciate, finivano solo con la soluzione del caso. Né notte, né giorno, e neppure domenica, fino a quando il colpevole non era in galera. Come se, ogni volta, la vittima fosse un suo parente; come se l'avesse conosciuta personalmente”.

De Giovanni ha creato un personaggio davvero originale, un uomo che pur essendo nobile e ricco mette la sua vita al servizio della giustizia, con un carattere singolare, che pur essendo scorbutico ed evasivo, entra subito nelle simpatie del lettore, o almeno nella mie, soprattutto con i suoi “dialoghi” con Enrica e la tata e il suo amore per le sfogliatelle. Anche il suo vice e il medico legale Modo sono due personaggi davvero interessanti che fa piacere incontrare nella lettura.

Ho trovato un De Giovanni ovviamente più acerbo rispetto alla nuova serie (i dieci anni l'hanno fatto maturare) però ho ritrovato la sua passione anche qui per il soprannaturale. Nella nuova serie lo usa con troppa abbondanza, qui invece mi ha fatto un po' rivivere il film “Il sesto senso”:

“Io vedo il dolore. Vedo il rimpianto, la sofferenza. Sento l'eco dell'amore che scompare, gli artigli che si spezzano nell'ansia di trattenere l'ultimo lembo della vita che se ne va. Sento l'urlo che accompagna la caduta nell'abisso. Quello che sento è l'ultimo pezzo della vita, non il primo della morte. Dovresti saperlo”.

Un'ultima cosa, ho letto la versione Einaudi che include anche “Incontro con Ricciardi”, un bellissimo scambio di battute fra il protagonista e l'autore, davvero imperdibile.

Mi dedicherò anche agli altri libri della serie.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
A me piace la serie dei Bastardi di Pizzofalcone.
In risposta ad un precedente commento
Belmi
28 Agosto, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Non la conosco, appena finisco questa mi dedico anche ai Bastardi di Pizzofalcone.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri