Dettagli Recensione

 
Il complotto Toscanini
 
Il complotto Toscanini 2018-04-01 08:17:19 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    01 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il segreto di Arturo Toscanini

Filippo Iannarone pubblica Il complotto Toscanini, i cui ingredienti base sono:

“L’omicidio di un luminare della medicina in epoca fascista. Un processo farsa che cela la verità. L’ombra di un incredibile sospetto su Arturo Toscanini.”.

Un giallo sofisticato, ispirato proprio alla vita e alle vicende realmente vissute dallo zio dell’autore, il generale Michele Iannarone, che fu responsabile dell’intelligence del Fronte Militare Clandestino di Liberazione e Comandante del Primo Raggruppamento, a fianco del colonnello Lanza di Montezemolo. L’autore possiede alcuni documenti storici originali, i cui dettagli e risvolti hanno acceso l’ispirazione che ha condotto alla costituzione di questo libro.

Nel 1949 il Presidente della Repubblica Luigi Einaudi propose di fare senatore a vita il maestro Arturo Toscanini, non immaginando che così facendo la vita di costui potesse celare un enigmatico e mai risolto mistero. Era un qualcosa, emerso nell’occasione, che costrinse il Presidente a domandare una indagine privata segreta, atta a fornire delucidazioni specifiche. Un’indagine compiuta da persone fidate che scavando nel passato diventa la chiave di volta per individuare il subdolo concatenarsi di un complotto fascista che si conclude con un efferato delitto del ventennio e la diabolica architettura di un processo artefatto e durato per anni. La cronistoria narra che, nel 1931, Toscanini dovette annullare la sua partecipazione alla stagione a causa di una dolorosa borsite a braccio e spalla destra, tanto che fu costretto a dirigere i concerti con il solo braccio sinistro. Tutte le arti mediche di specialisti e luminari, sia americani che europei, non fecero alcun miglioramento. Quando scoprì l’esistenza del dottor Alberto Rinaldi e della sua miracolosa cura, nonostante pochi mesi prima fosse stato schiaffeggiato da squadristi inferociti davanti al Comunale di Bologna, perché rifiutatosi di far suonare Giovinezza, Toscanini fa ritorno in Italia. Rinaldi era un medico e ricercatore, che ottenne discreti risultati nelle cure delle infiammazioni ossee, richiamando personalità di spicco da qualsiasi parte del mondo. In pochi anni, Piazze, paese dove operava, si era trasformata in una località assai frequentata. Toscanini arrivò a Piazze, si sottopose al trattamento del dottore, e ne trasse un immediato beneficio, e soddisfatto dei risultati, ritornò negli anni successivi per mettere in atto una terapia di mantenimento. Divenne quasi di casa. E soprattutto divenne amico del dottore, con il quale si recava in allegre scampagnate in automobile, con il quale condividere anche la comune avversione per il regime. Durante la notte del 27 settembre 1935 la serena quiete del piccolo paesino fu infranta da un grido: il dottor Rinaldi era stato barbaramente colpito a bastonate nel giardino della sua villa, che era anche la clinica in cui lavorava. Morì poco dopo senza mai riprendere conoscenza. Ma con lui spariva anche ogni traccia circa le sue miracolose cure. Il maestro quel giorno si trovava a Piazze e rimase esterrefatto. Ma c’era qualcosa che poteva far collegare il grande direttore alla tragica morte del suo medico? Perché a casa del medico fu trovata una grande somma di denaro? A cosa mai poteva servire? Chi poteva volere la morte del dottore?

L’autore nella sua brillante ricostruzione, tra fantasia e verità, affida le indagini ad un riservato Luigi Mari,

“ufficiale di vasta esperienza. Due missioni a Berlino, in Albania, svolto attività di intelligence, in collegamento con il comando anglo-americano. 45 anni, un’intelligenza vivace, (…) un uomo responsabile e generoso”.

Le indagini sull’omicidio e il processo saranno una farsa abilmente congegnata su cui è determinante far luce.

Intrigante è la vicenda narrata. Un quadro colto e preciso di Arturo Toscanini, di cui si evidenzia la grande semplicità e la discrezionalità, descrivendolo come:

“Schivo da ogni accaparramento di onorificenze, titoli accademici e decorazioni, “

Una lettura colta e raffinata per un giallo storico preciso e puntuale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri