Dettagli Recensione

 
Nome d'arte Doris Brilli
 
Nome d'arte Doris Brilli 2018-04-04 08:12:46 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    04 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Maresciallo Ernesto Maccadò

Bellano, 1924. Il Maresciallo Ernesto Maccadò, calabro e accompagnato nel trasferimento al nord dalla moglie Maristella che come lui fortemente risente del cambiamento di clima e in particolare di questo cielo scuro, nuvoloso e quasi sempre privo di raggi di sole, è subito chiamato a dimostrare il suo acume investigativo. Tre i binari paralleli: da un lato abbiamo una tabaccheria, tramandata di famiglia in famiglia, smarrita e nuovamente individuata e che potrebbe tranquillamente essere la protagonista di una nuova storia di Vitali (chissà), dall’altro abbiamo Desolina Berilli, in arte Doris Brilli, ripudiata dai genitori, padre Quirico e madre Pagnotta, perché cantante e ballerina dei teatri milanesi e dunque perché disonorante l’onore e la buona facciata degli stessi e da cui viene ospitata per il massimo tempo di dieci giorni con la scusa di dover ricevere cure mediche in attesa del trasferimento in un presunto sanatorio fiorentino (perché l’immagine di facciata va sempre tutelata!), e, da un altro ancora, un terzo nucleo di personaggi determinato da un ingegnere locale che cerca di piazzare a marito la seconda componente, ovvero la figlia di fatto affetta da una presunta asma, e infine dalla sorella, Velata, zitella per costrizione e subdolo raggiro del fratello.
Il tutto si dipana con il classico stile vitaliano che imbastisce e tira le fila per poi sorprenderci con un finale del tutto inaspettato. Le tre storie procedono su quelli che sono binari paralleli per poi andare contro le leggi della matematica e confluire in quello che è un sentiero comune. La lettura si presenta piacevole e ben strutturata tanto per trama quanto per avvenimenti, a tratti però risulta essere un poco prolissa. Sino a ben oltre la metà dell’opera si fatica a capire dove l’autore voglia portare il conoscitore, si fatica a percepire quale sia il vero oggetto del racconto. Questo rallenta il proseguire delle vicende e rischia di far perdere di curiosità e di pathos l’avventuriero.
Nel complesso una buona prova, forse non la migliore, ma comunque adatta a chi cerca un romanzo di evasione non particolarmente impegnativo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
A me Andrea Vitali piace moltissimo, fu una scoperta fulminante di qualche anno fa!
Alla fine, i suoi romanzi offrono pura evasione e in alcun di essi ci sono persino intrecci narrativi degni di un grande scrittore. Terrò presente anche questo titolo, grazie Maria! :)
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri