Dettagli Recensione

 
La Lupa
 
La Lupa 2019-02-13 08:46:01 ornella donna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    13 Febbraio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una donna mafiosa

Piernicola Silvis, alto dirigente della Polizia di Stato, è stato questore di Foggia. Dopo aver pubblicato con la casa editrice Sem nel 2017, Formicae, torna in libreria con La lupa, una vicenda di mafia, cruda e molto violenta.
Narra la storia nera e brutta di Sonia Di Gennaro, della “La lupa”, moglie de “Lo Zar”, Antonio Granatiero, cinquantatrenne, una donna cinica, priva di qualunque scrupolo, che non esita davanti a nulla. Gode di un particolare potere:
“Non è facile essere la moglie di un latitante: devi rinunciare alle uscite, alle amicizie, ma anche ai tablet, ai cellulari e ai computer, perché gli sbirri seguirebbero le tue tracce e tuo marito finirebbe in carcere. Per colpa tua. La tua esistenza si riassume in una sola parola: potere. E quando ha iniziato questa vita, Sonia sapeva a cosa sarebbe andata incontro. Al “potere”. Il potere di dare ordini. Di decidere se qualcuno dovrà vivere o morire. Di scegliere se investire i soldi delle estorsioni e del traffico di droga in locali pubblici o in ristoranti. Il potere di incutere terrore a chi ti sta davanti. E’ provocante, il potere. Devi rinunciare a molte cose, è vero, ma l’eccitazione quasi erotica che procura può farti sentire vicino a Dio.”
E il potere lo esercita in tutti modi. Per esempio ordina il sequestro di un ragazzo, che ha l’unica colpa di aver testimoniato contro un affiliato del clan, per poi ucciderlo e smembrare il suo corpo, senza pietà, filmando con crudezza il tutto. Questo che serva ad esempio per tutti, per difendere Diego Pastore, detto il Killer dei bambini, detto “zio Teddy”. Lui ora è in coma dopo aver confessato i suoi efferati delitti, si è sparato. Ma si risveglia e chiede di parlare con Gianlorenzo Bruni, che dirige la seconda divisione dello SCO a Roma. Dopo di che una specie di commando super organizzato fa irruzione in ospedale, e nel silenzio e nell’omertà più assoluta porta via Diego Pastore. La mente pensante ed organizzatrice di una fuga così rocambolesca non può che essere lei, la Lupa. Da qui si apre una caccia serrata al killer e al mandante mafioso condotta con abilità e precisione da Bruni.
Una storia scritta con grande perizia di metodo, dove emerge con evidenza la stessa esperienza di vita e lavorativa dello stesso autore. Di ottima precisione è la narrazione che racconta delle differenze tra la mafia del Gargano e la ‘ndrangheta, per cui:
“La mafia garganica e la Società Foggiana utilizzano le gerarchie della ‘Ndrangheta. Un tempo hanno avuto dei rapporti con i calabresi, e da loro hanno preso parte degli schemi organizzativi. Ma non hanno ereditato i riti di iniziazione per cui sono famosi i padrini calabresi: un cerimonia di quel tipo rende un mafioso troppo riconoscibile. Quindi meglio evitare le affiliazioni esoteriche, i foggiani sono pratici. Solo AK47 pronti a sparare.”
Un romanzo forte, duro. Moltissimi gli argomenti trattati con rara abilità: dalla sete di potere, alla spietatezza e al cinismo dei comportamenti delinquenziali, dal dolore, dalla brutalità di persone prive di qualunque scrupolo. Un romanzo potente, dalla prosa vivace e serrata, dove si respira appieno un’aria di minaccia costante che non abbandona mai il lettore. Un testo ad alto tasso adrenalinico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato per chi vuole approfondire l'argomento è Domenico Seccia, La mafia innominabile. La lettura di questo testo è consigliata anche a chi voglia saperne di più sull'argomento mafia, sotto forma di romanzo e non di saggio.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri