Dettagli Recensione

 
Trappola per volpi
 
Trappola per volpi 2019-04-28 07:49:18 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    28 Aprile, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pietro Bensi e Vitaliano Draghi, il fagiano

Fabrizio Silei ha lavorato per anni come sociologo, occupandosi soprattutto di tematiche legate alla identità e alla memoria. Ha raccolto testimonianze di chi ha vissuto la guerra e i lager nazifascisti, memorie del mondo contadino, storie e leggende della tradizione toscana: esperienze confluite in questo suo esordio nel giallo, primo di una serie con protagonisti Pietro Bensi e Vitaliano Draghi. Questo suo libro si intitola Trappola per volpi,ed è edito dalla casa editrice Giunti.
Il testo è una bella storia di azione e di indagine,che torna indietro nel tempo,con protagonisti due investigatori di eccezione: un contadino, intellettuale e sapiente, e un vicecommissario alle prime armi, perspicace e sagace.
Siamo nel 1936 a Firenze, e un omicidio d’eccellenza scuote gli animi. La moglie di un importante senatore, Bistacchi, molto vicino e legato al Duce, viene trovata morta, uccisa brutalmente ed abbandonata, con spregio ed indecenza, vicino ad un vespasiano. Le indagini sono affidate al vicecommissario Vitaliano Draghi:
“… gli piaceva quel ragazzo, perché, oltre a essere molto intelligente, aveva un buon cuore.”
Un uomo, Draghi, amante della letteratura, che non si trova del tutto a suo agio nel ruolo che ricopre. Non dimentichiamo che sono tempi particolari: vige il fascismo e le sue regole ferree quanto astruse. Un omicidio sconvolge la retorica del regime, è qualcosa da insabbiare presto, per non macchiare i tempi. E’ una onta da dimenticare in fretta. Purtroppo la vittima è persona di riguardo e al senatore si devono risposte e in tempi veloci. Lui:
“Il senatore aveva come un’ombra nello sguardo, che Pietro conosceva bene. In qualche modo i suoi occhi avevano la stessa luce da tempo…”
A Vitaliano, pressato dalle contingenze, non resta che rivolgersi a Pietro Bensi, un contadino un po’ sui generis, a servizio del Conte nella fattoria del Chianti, dove il vice commissario ha trascorso l’infanzia. Pietro è:
“Era un uomo di cinquanta anni con cinque figli, tre maschi e due femmine, una nipote del primo figlio e una moglie perbene come tante, conosciuta a messa o alla fiera e poi un giorno sposata per mettere su famiglia. (…) L’indole sua, però, sotto la cenere, era ancora quella focosa del giovane di un tempo, orgogliosa e consapevole del proprio valore.”
Pietro è un uomo importante per la crescita di Vitaliano. Infatti:
“E’ stato proprio lui, che ha letto tutti i libri della biblioteca del conte e si diletta a costruire complicati marchingegni, a far nascere in Vitaliano la passione per gli enigmi e le trappole. Perché se vuoi catturare una volpe, devi pensare come una volpe, gli ripete sempre Pietro.”
Destreggiarsi in un mondo omertoso, difficile e falso, com’è quello in cui si trovano a vivere i due protagonisti, è una sfida da vincere ad ogni costo e con ogni mezzo.
Un libro che si divora, intrigante ed avvincente. Una inedita coppia di investigatori che si spera abbia altre avventure da vivere, destinata a colpire i lettori di genere. Un romanzo che ricorda un po’ quelli scritti da Loriano Macchiavelli e Francesco Guccini, che si distingue, tuttavia, per la precisione delle atmosfere e dei luoghi descritti, del tempo e delle caratteristiche intrinseche al narrato. Un giallo di grande atmosfera, e dal sapore retrò, curioso e preciso. Un giallo vecchia maniera, che risponde bene alle caratteristiche classiche dell’investigazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha amato i gialli di Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli, tipo Questo sangue che impasta la terra, Macaronì, Malastagione e La pioggia fa sul serio.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Bell'abissina
Intrighi e morte sull'Adda
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Chi si ferma è perduto
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio