Dettagli Recensione

 
Io sono l'abisso
 
Io sono l'abisso 2020-12-08 15:55:12 ornella donna
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    08 Dicembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il lago nero, abisso della mente umana

Donato Carrisi, dopo La casa delle voci edito lo scorso anni, torna in libreria con un nuovo romanzo destinato ad avere un ottimo successo. Si intitola Io sono l’abisso, e colpisce nel profondo il lettore.
Nel suo genere è parecchio innovativo ed avvincente anche se parecchio inquietante e sconvolgente. E lo diventa ancor di più tenendo presente il messaggio finale dell’autore , in cui si afferma che è tratto da una storia vera.
Protagonista in parallelo con la vicenda e i personaggi è sicuramente il lago, metafora del vivere e del sentire degli stessi personaggi. Lago prodromo a
“La quiete dell’abisso. L’immensa calma del fondo del lago”.
Che cosa è l’abisso? Chi lo impersona meglio? E’ forse l’uomo che puliva? Lui :
“Era timido. Micky era espansivo. Lui non era capace di comunicare con la gente. Micky parlava con le frasi che lui aveva sentito per anni dai mosconi che ronzavano intorno a Vera. Micky gli dava qualcosa che altrimenti non avrebbe mai avuto: una vita.”
O è l’invisibile? Ovvero la ragazzina dal ciuffo viola, proveniente da una ricca famiglia del luogo, stolckerizzata da alcuni compagni di scuola, che si getta nelle gelide acque, ma viene salvata da colui che non si immagina mai. O è la cacciatrice di mosche, colei che,
“non aveva paura di invecchiare, né delle rughe, né di ingrassare. Un tempo era stata anche piacente, ma quell’epoca era passata e lei non ne sentiva la mancanza. Per praticità portava i capelli corti. Del trucco, neanche a parlarne. E comprava solo vestiti comodi.”
Quest’ultima, con il proposito di vita di individuare chi è colpevole della violenza contro le donne, che ha in realtà un segreto nel passato da cui non riesce ad emergere, è forse la figura emblematica dell’incedere narrativo. E allora? Come fermare questa escalation di violenze, che vede la sparizione nel nulla di nove donne? Non è forse vero che è sufficiente
“ovunque andrai , ti basterà dipingere una porta di verde ed io verrò da te.”
Un viaggio , profondo e speciale, nei meandri più bui non solo della mente umana, ma anche nei sentimenti e nel vivere umano. Una caduta profonda nel male che trascina il lettore attraverso una prosa precisa, priva di fronzoli, che incute timore ed esprime bene il senso del male e dell’orrido. Particolarmente adatto a chi ama le storie adrenaliniche, nere, ansiose, che incutono timore ed inquietano. Un po’ meno consigliato a chi ama i noir di genere classico, con investigazione e scoperta del colpevole. Qui siamo tutti colpevoli, in varie misure e modi, e tutti innocenti. O no?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ciao Ornella, ho questo libro ad osservarmi dal giorno della sua uscita sullo scaffale della libreria. Mi è stato donato ed è lì che sembra dirmi "cosa aspetti"? Tuttavia, da dopo "La casa delle voci" sono un po' scettica a tornare a Carrisi. Mi hai dato un barlume di speranza con le tue parole. Buone letture.
In risposta ad un precedente commento
ornella donna
09 Dicembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao cara,
mah... bisogna un po' amarlo. non è del tutto comprensibile a una lettura superficiale, ci devi riflettere un po' sù... comunque rispetto a La casa delle voci è migliore. Personalmente preferisco i noir classici, con l'investigazione, il mistero... qui è molto angosciante ed inquietante....
buone letture a te.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
09 Dicembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Anch'io preferisco i noir classici, sono indecisa. Il fatto che sia migliore de "La casa delle voci" mi rasserena (quello l'ho proprio smontato e a metà lettura sono scoppiata a ridere, ti giuro. Alle due di notte ridevo come pochi tanto era inverosimile), magari appena ho smaltito quelli che ho in prestito dalla biblioteca mi decido. Il fatto che sia inquietante mi inquieta. Gioco di parole. Buona serata e buone letture a te :-)
lapis
10 Dicembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Ornella,
anch'io ero un po' indecisa se leggere questo libro, ma se ho capito bene è ambientato sul lago di Como, in un posto molto caro... sono tanti i motivi per cui scegliamo un romanzo, questa volta mi sa che per me sarà l'ambientazione!
Un caro saluto. Grazie,
Manuela

06 Marzo, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Buongiorno,
Ho terminato ieri il libro..non sono riuscita a capire una cosa, se le violenze fatte al bambino, fossero state inflitte dalla mamma dando poi la colpa a “Micky” oppure se è lo stesso bambino ad essersele inflitte, avendo una doppia personalità, vivendo quindi due persone diverse in se’ stesso, come si capisce soprattutto nel finale, quando abbraccia la ragazza dal ciuffo viola e parlando da solo.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il male che gli uomini fanno
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Intrighi e morte sull'Adda
La casa delle luci
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio
Assassinio a Pedra Manna
Morte accidentale di un amministratore di condominio