Dettagli Recensione

 
La pazienza del diavolo
 
La pazienza del diavolo 2021-10-27 09:50:57 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    27 Ottobre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il giustiziere della notte

Roberto Cimpanelli, regista e produttore, esordisce nel campo della narrativa con un libro giallo molto coinvolgente. Scritto con una prosa fresca, precisa, dal taglio veloce e minuziosa, narra di una vicenda che sin dalle prime pagine incuriosisce, con perizia e precisione narrativa. Il libro si intitola La pazienza del diavolo ed è edito da Marsilio.
Personaggio indiscusso è Ermanno, un ex poliziotto, con qualche ferita di troppo, che si stordisce usando il sesso come atto liberatorio e compulsivo. Divenuto libraio sui generis, fa:
“Sesso compulsivo , quando serve anche a pagamento: è così che Ermanno combatte orrore, dolore e solitudine. Ottundere la memoria, stordirsi e sperare che i demoni non si risveglino per venirlo a trovare, a notte fonda. Subito dopo i fatti terribili che gli hanno spezzato la vita, Ermanno si è costretto a reprimere ogni desiderio, infliggendosi scientemente una giusta punizione e una sofferenza dovuta. Da un po’ di tempo- per cercare di convincere se stesso e gli altri che il periodo più buio è ormai superato- si è rituffato nell’usuale, smodata attività, e nell’appartamentino a due passi dalla libreria il viavai di signore e signorine è sempre vivace. “
Non sempre riesce ad alleviare la sua sofferenza, e i demoni lo tormentano, rendendogli la vita impossibile:
“Apre gli occhi, il cuore che batte a mille, le mani scosse da un tremito irrefrenabile e una lama gelida gli trafigge stomaco e cervello.”
Un giorno un suo vecchio collega, Walter Conzio torna a chiedere il suo aiuto. Qualcuno sta commettendo omicidi efferati con una fiocina da sub. E ciò che più colpisce è che le vittime sono tutte persone che da loro stessi sono state condotte in carcere per reati gravi che vanno dal femminicidio alla pedofilia. Chi è lo strano giustiziere? Tornare ad indagare significa per Ermanno confrontarsi di nuovo con il commissario Gaetano Brugliasco, con cui ha ancora un conto in sospeso. Ci riuscirà? Il buio sta tornando e
“Brutte storie , brutte vite. Una consistente parte della tua vita, l’hai spesa proprio legato a doppio filo a quelle laide e feroci di questa gente qua. Nel hai assorbito troppo, di quel buio.”
Un romanzo di genere molto coinvolgente. Per gli amanti del genere giallo, ma anche della letteratura, di cui si parla molto nel libro. Condito da qualche scena di sesso e di violenza che non guasta, il romanzo racconta una vicenda che mescola passato e presente con notevole abilità linguistica. Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri