Dettagli Recensione

 
Il viaggiatore notturno
 
Il viaggiatore notturno 2011-11-21 07:02:40 Pelizzari
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    21 Novembre, 2011
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Riflessioni in solitudine

Questo non è un romanzo “normale”, è invece un lungo racconto, fatto di tanti racconti. C'è una cornice che raccorda abilmente il tutto e che si insinua continuamente in ciò che il libro racchiude: è un intreccio di racconti che narrano un viaggio nelle montagne del Sahara, fatto da uno specialista di migrazioni animali, che studia le rondini e le aspetta, su una vetta nel cuore del deserto sahariano, tra i nomadi tagil, popolo dalla fiera saggezza. In questo intreccio scattano sottostorie, percorsi secondari, personaggi minori, ma nitidi e affascinanti ed il finale chiude, come in una bottiglia infrangibile, il vortice delle storie. La pluralità dei racconti, dei luoghi, dei personaggi, delle storie, la loro stessa distanza temporale e soprattutto geografica, sono la sostanza stessa di questo libro, fatto tutto di movimenti e linee che si intersecano e si allontanano, unite e animate dalla voglia di capire l'uomo e il suo destino, la sua ferocia e la sua bontà. La scrittura è semplice, limpida, elegante, suggestiva, a tratti un po’ misteriosa ed anche poetica. Lo stile di questo intreccio narrativo è però di un po’ difficile lettura, è come se lo scrittore avesse voluto mettere più libri in un solo libro e il risultato è senza dubbio impegnativo e faticoso, si rischia un po’ di perdersi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 

21 Novembre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao, a me questo libro invece è piaciuto molto. Concordo con te che non è un libro "immediato" e può, in alcuni passaggi, portare a perdersi o risultare pesante. Secondo me è difficile dare un giudizio "oggettivo", essendo un romanzo molto "soggettivo". E' fondamentale quando lo si legge lo stato d'animo e la propensione personale del momento ad immergersi in quel contesto, come se fosse parte integrante dell'opera stessa.
La tua recensione, a mio avviso, anche se porta ad un giudizio finale differente dal mio, è davvero utile e molto bella. Complimenti.
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io sono il castigo
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Eredità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come un respiro
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Predatori e prede
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri