Narrativa italiana Romanzi Il viaggiatore notturno
 

Il viaggiatore notturno Il viaggiatore notturno

Il viaggiatore notturno

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Uno specialista di migrazioni animali siede su una vetta nel cuore del deserto sahariano: attende il passaggio delle rondini. In quell'attesa, in quel deserto, si lascia contaminare dalla fiera saggezza del popolo dei tagil, fa sua la sapienza della sua guida Jibril, consuma amore mercenario con la berbera Jasmina, ascolta il dimah Tighrizt, poeta itinerante. Da lì, viaggiatore della notte, l'irundologo misura la distanza dal mondo che altrove continua a collassare nel disordine della guerra e racconta a Jibril altre storie di erranze e migrazioni: dell'orsa Amapola sorpresa nelle foreste della Carnia, dell'armeno Zingirian incontrato nel suo cammino, del principe polacco Potocki, e della Perfetta, la donna che va lungo le strade del mondo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
2.9
Stile 
 
3.2  (5)
Contenuto 
 
2.6  (5)
Piacevolezza 
 
2.8  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il viaggiatore notturno 2015-12-24 11:28:56 Bookaholic
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bookaholic Opinione inserita da Bookaholic    24 Dicembre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il buco del c*** del mondo

Una narrazione stilisticamente affascinante quella di Maggiani in questo romanzo narrato dalla cima del mondo, o meglio il buco del c*** del mondo come dice l'autore.

Un flusso di coscienza che ripercorre la vita di un etologo che si ritrova a percorrere il mondo in lungo e largo all'inseguimento di rondini e orsi, un testo capace di portare il lettore in mezzo alle bombe in Bosnia e nel silenzio del deserto dell'Hoggar. Un racconto che tocca le corde di ricordi che toccano l'anima e non si possono lavare via, mai.

Maurizio Maggiani regala al lettore la delicata esperienza di un dialogo a tu per tu con un personaggio che ha conosciuto l'amore e la guerra e ne ha tratto una grande pace.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il viaggiatore notturno 2012-12-01 05:12:03 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    01 Dicembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Il viaggiatore notturno” di M. Maggiani - Comment

Dall’autore de “Il coraggio del pettirosso” (Premio Campiello 1995) un romanzo complesso, che mi ha lasciato molti dubbi.
La parte iniziale mi ha affascinato. Per le descrizioni dell’Hoggar (“Questo è il cielo notturno dell’Hoggar: un pozzo di acqua stellata profondo un infinito”), del deserto (“Qui … la Terra ha prolassato il suo cuore.” “… Il centro dell’Universo è un rigurgito della Terra rappreso in purissimo cristallo. L’Hoggar. Semplicità.”) e della bellezza locale (“Era talmente bella che bastava la luce di una lampada a cherosene per dar fuoco a tutta la sua bellezza”). E soprattutto per l’idea che dovrebbe reggere la storia: un irundologo, specializzato in migrazioni animali (in passato ha studiato le peregrinazioni di Amapola, un’orsa disorientata dalla guerra nelle foreste della Carnia), attende il passaggio delle rondini (“… Le rondini arriveranno fin qui, e le sto aspettando”).
In questa attesa l’etologo incontra e conosce personaggi del luogo (la guida Jibril, il poeta Tighrizt, la prostituta Jasmina) e racconta altre storie di esili, cammini ed erranze. Nella penisola Balcanica. Nel Caucaso. “Sono Amapola e Zingiran, e tutti gli altri spiriti che mi hanno incontrato, che pensano a me”.
Le mie perplessità riguardano proprio questa parte della narrazione: quando leggo un libro, raramente mi accade di smarrirmi e di non penetrarne i messaggi, ovviamente in modo del tutto soggettivo. Con questa storia è accaduto: mi sono perso, non ho colto contenuti e coerenza. Pur apprezzando i riferimenti, disseminati nel romanzo, al pensiero e alla vita di Père Foucauld, al quale è dedicata anche la finale “nota dell’autore”.
E pensare che ero partito dalle migliori intenzioni. Le rondini mi hanno evocato un particolare della mia infanzia. Un nido che le rondini avevano fabbricato nell’androne al primo piano della casa dei miei nonni paterni. Ricordo l’ammirazione e il rispetto che nutrivamo per la “casetta” installata nell’angolo tra parete e soffitto. La consideravamo un portento della natura, ben augurale per tutti noi. “Le rondini sono testardamente fedeli ai loro nidi.” In qualche modo, anche noi lo eravamo: fedeli ai loro nidi. “Le rondini hanno un volo veloce e un atterraggio velocissimo e nevrastenico; atterrano con una picchiata fa vertigine, derapando nell’ultima frazione di secondo”. Io, bambino, mi affacciavo alla ringhiera dell’androne, osservavo giochi e intrecci di volo. E fantasticavo. “Le rondini sono talmente abitudinarie che si possono fissare dei buoni appuntamenti; sono migratrici con l’ossessione della puntualità”. Ben lo sa …

… Bruno Elpis,

che delle rondini aspettava (e forse ancora aspetta) il ritorno. Con questi precedenti personali, consiglio la lettura del romanzo. A chi potrà capirlo meglio di quanto io abbia potuto fare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato con le avvertenze formulate nell'ultima parte del commento
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il viaggiatore notturno 2012-07-24 11:42:11 p.luperini
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
p.luperini Opinione inserita da p.luperini    24 Luglio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

INTROSPEZIONE RIFLESSIVA

Racconto particolare che Maggiani ha scritto narrando eventi in ordine sparso come gli sono affiorati alla mente. I temi trattati sono forti a volte, come l'eccidio di Tuzla ma sono confusi e i personaggi si intrecciano in maniera disordinata. E' difficile da seguire e ogni volta che abbandoni il libro bisogna riprendere da qualche pagina prima per ritrovarsi e ricordarsi. Si parla di tutto convulsamente ed è troppo per me.
Qualche spunto comunque è bello e sicuramente d'impatto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il viaggiatore notturno 2011-11-21 07:02:40 Pelizzari
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    21 Novembre, 2011
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Riflessioni in solitudine

Questo non è un romanzo “normale”, è invece un lungo racconto, fatto di tanti racconti. C'è una cornice che raccorda abilmente il tutto e che si insinua continuamente in ciò che il libro racchiude: è un intreccio di racconti che narrano un viaggio nelle montagne del Sahara, fatto da uno specialista di migrazioni animali, che studia le rondini e le aspetta, su una vetta nel cuore del deserto sahariano, tra i nomadi tagil, popolo dalla fiera saggezza. In questo intreccio scattano sottostorie, percorsi secondari, personaggi minori, ma nitidi e affascinanti ed il finale chiude, come in una bottiglia infrangibile, il vortice delle storie. La pluralità dei racconti, dei luoghi, dei personaggi, delle storie, la loro stessa distanza temporale e soprattutto geografica, sono la sostanza stessa di questo libro, fatto tutto di movimenti e linee che si intersecano e si allontanano, unite e animate dalla voglia di capire l'uomo e il suo destino, la sua ferocia e la sua bontà. La scrittura è semplice, limpida, elegante, suggestiva, a tratti un po’ misteriosa ed anche poetica. Lo stile di questo intreccio narrativo è però di un po’ difficile lettura, è come se lo scrittore avesse voluto mettere più libri in un solo libro e il risultato è senza dubbio impegnativo e faticoso, si rischia un po’ di perdersi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il viaggiatore notturno 2011-10-10 17:06:09 lucabettin
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lucabettin Opinione inserita da lucabettin    10 Ottobre, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il viaggiatore notturno

Per apprezzare fino in fondo questo libro è necessario leggerlo in un contesto adeguato con lo stato d'animo giusto.
E' un libro che non corre ma cammina.
E' un libro che alla fine,però, arriva.

Il protagonista è un esperto di migrazioni animali che attende, seduto sopra un'altura nel cuore del deserto sahariano, il passaggio delle rondini.
Quell'attesa è il viatico per legare un numero imprecisato di storie, personaggi e sensazioni diverse tra loro.
Il modo di vivere del popolo Tagil, la lungimiranza della guida Jibril, i versi del poeta viaggiatore Tighritz, la figura della PERFETTA, la donna che si può incontrare in ogni istante in una qualsiasi strada del mondo. Questi sono solo alcuni degli spunti.
Sullo sfondo aleggia la presenza del monaco Charles de Foucauld che ha vissuto tanti anni in quei luoghi. Un'esistenza fatta di studi e meditazione, riflessioni che sembrano essere ancora imprigionate in quei posti anche dopo la sua morte: nella sabbia, nelle pietre, come un'eredità trasmessa a chi si dimostrava capace di comprenderne il significato.

La capacità narrativa di Maggiani è, secondo me, straordinaria. Le parole sono ricercate ed oltre al loro significato evocano suoni, ritmo, armonia.
L’autore riesce a legare poco alla volta storie molto diverse che inizialmente sembra impossibile possano convivere. Col passare dei capitoli tutto sembra assumere un ruolo diverso e le domande e le perplessità iniziali svaniscono.
E' un libro lento ma efficace, che si può apprezzare meglio se ci si sforza di guardare dietro il significato immediato delle differenti storie.
Se si trova il filo lo si afferra e non lo si lascia più.
Questo libro bisogna leggerlo mettendo in gioco tutti i sensi, si percepiscono i colori, gli odori, i sapori. Si apprezzano le sfumature. Di tanto in tanti è utile chiudere gli occhi.
Questo libro è un viaggio, anche se il protagonista non si muove dal luogo dove attende il passaggio degli uccelli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri