Dettagli Recensione

 
Le luci nelle case degli altri
 
Le luci nelle case degli altri 2012-04-06 08:40:31 C l a r a
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
C l a r a Opinione inserita da C l a r a    06 Aprile, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Luci (e ombre) nelle case di tutti.

A chi non è mai capitato di camminare di sera per strada guardando le finestre illuminate, chiedendosi chi animi le stanze dietro quei vetri chiusi, quali segreti si nascondono dietro quelle tendine accostate e magari immaginarsi di fare una piccola intrusione, di mettersi in un angolino a guardare il film della vita quotidiana di questi sconosciuti.
A me capita frequentemente, così quando sullo scaffale della libreria ho scorto, per puro caso, "Le luci nelle case degli altri" in 0.30 secondi mi sono ritrovata alla cassa, innamorata del titolo.
Piena di aspettative comincio la lettura: le prime pagine scorrono a rilento, del resto prima di tutto bisogna entrare in ogni casa, osservarne i protagonisti, comprenderne le abitudini, analizzare il loro rapporto e sbirciare nel loro passato. Le parole camminano lungo le scale di un condominio di cinque piani, più un ex-lavatoio al sesto.
La protagonista del racconto è Mandorla, una bambina curiosa e vivace, figlia di Maria una ragazza madre piena di fantasia, amministratrice del condominio di via Grotta Perfetta 315.
Ma un triste giorno Maria muore all’improvviso, in un incidente stradale.

“Maria era morta come si muore a metà dicembre, come si muore di martedì, come si muore sempre, se proprio non te l’aspetti e un attimo prima di volare dal motorini a terra, rimbalzando su una macchina parcheggiata in seconda fila, stavi pensando: domani, diciassette e quarantacinque, andare dal dentista.”

Rimane sua figlia, una bambina di sei anni: e rimane una lettera.
Una lettera che sconvolge le vite dei condomini: cinque famiglie, le cui esistenze sono apparentemente brillanti, le cui case sono piene di luci. In quella lettera Maria, adorata da tutti in quel condominio per la sua freschezza e gioia di vivere, rivela che la piccola Mandorla è stata concepita una sera di marzo nell’ex lavatoio del sesto piano del palazzo di cui lei è amministratrice, proprio con uno dei condomini.

"Vorrei che tuo papà fosse un astronauta che cammina sulla luna e pensa sempre a noi, e non un uomo come tanti che abita a via Grotta Perfetta 315 e una sera di marzo, forse per noia, forse per curiosità, nell’ex lavatoio del sesto piano, ha fatto l’amore con me.”

Chi è, dunque, il padre di Mandorla?
Chi, in quel palazzo, intratteneva con Maria una relazione profonda e segreta?
Gli uomini del condominio sono tutti sospettati: uno di loro deve confessare. Ma con l’appoggio delle loro famiglie, dopo una lunga discussione, in un patto tanto scellerato quanto giudizioso, decidono di non volersi sottoporre al test del DNA: e stabiliscono di crescere la bambina tutti assieme.
E così Mandorla s’infila nelle case degli altri, tra le stanze delle loro vite. È questo il fatale presupposto di una commedia umana che, con l’alibi del paradosso, in realtà chiama in causa tutti.
Perché attraverso lo sguardo smarrito, ora allegro, ora dolcemente disperato, di Mandorla, che da bambina si fa adolescente, accendiamo le luci e scopriamo le ombre delle case di un condominio dove, inevitabilemente da osservatrice passiva mi sono trasformata in una dei personaggi anch' io.
Ho sofferto per la solitudine della tanto buona Tina Polidoro, mi sono arrabbiata con Samuele Grò e il suo continuo fantasticare, ho partecipato al gay pride con Paolo e Michelangelo, ho frequentato Candy Candy l’amico trans che di nome fa Alfredo, sono stata stimolata dalla vena artistrica di Lidia e Lorenzo e mi sono sentita a casa mia con la Famiglia Barilla, che non ha nulla da invidiare a quella della Mulino Bianco.
Il libro fruga nei sentimenti della gente e lo fa dalla prospettiva innocente di una ragazzina, a cui tutto è permesso.

Chiara Gamberale utilizza uno stile fresco, colloquiale; con dolcezza l’autrice ci conduce in questa favola moderna, che non è solo di Mandorla, ma anche di tutti i condomini di via Grotta Perfetta 315, ma soprattuto è un po' mia e di tutte le persone che entreranno a contatto con questo libro.
Sì, perchè le vite di cui l’autrice ci parla sono uno spunto per riflettere sulla famiglia che è toccata a ciascuno di noi e per concludere che, pur avendo tanti, forse troppo difetti, non si può prescindere dalle proprie origini, né si può fare a meno di avvertire sempre (a 5, 20, 80 anni) quel filo invisibile e indissolubile che ci riporta a "casa".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Vai, dai su. Comprato adesso.
Non mi sapevo decidere con questo titolo, benche' mi ispirasse parecchio.
Detto fatto. Sei stata decisiva !
Bella la tua recensione!mi è piaciuto molto questo libro!
Hai letto "La zona cieca"? della Gamberale?
E' la storia di Lidia e Lorenzo, prima ovviamente di "Le luci nelle case degli altri"!
In risposta ad un precedente commento
C l a r a
06 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ahahahah! Spero ti piaccia Cub! :)
In risposta ad un precedente commento
C l a r a
06 Aprile, 2012
Ultimo aggiornamento:
06 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Viola no, non lo conoscevo!
Grazie mille, lo metto subito in wl!
In risposta ad un precedente commento
Viola03
06 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Avevo letto prima quello che "Le luci nelle case degli altri" ed è stato curioso ritrovarmi Lidia e Lorenzo lì...spero ti piaccia! Ciao! :)
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
07 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Io della stessa autrice ho letto solo L'amore quando c'era.
Ma questa rece è veramente ispirante!!! :))
Ero andato alla Feltrinelli ed ero indeciso tra tre libri, "Il mondo di Sofia, "L'enigma del solitario" (entrambi di Jostein Gaarder) e "Le luci nelle case degli altri". Optai per il secondo, ma oggi, a distanza di un mese, ho acquistato il romanzo della Gamberale, grazie anche alla tua recensione! Spero di aver fatto bene!
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri