Dettagli Recensione

 
Se ti abbraccio non aver paura
 
Se ti abbraccio non aver paura 2012-08-31 09:43:01 Viola03
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Viola03 Opinione inserita da Viola03    31 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se ti abbraccio non aver paura

Una fiaba, inusuale forse, ma pur sempre una fiaba è “Se ti abbraccio non aver paura”.
Protagonisti assoluti papà Franco e suo figlio Andrea, a cui un giorno lontano un dottore ha diagnosticato l’autismo. Da quel momento quel bimbo sorridente si è trasformato in un groviglio inestricabile, ogni tranquillità persa, ogni equilibrio saltato.

Ed oggi, come due eroi strampalati, Franco e Andrea affrontano un viaggio in moto, loro due e il vento nel viso.
Loro due e paesaggi meravigliosi che tolgono il fiato.
Loro due e una malattia che è una costante compagna di vita, che sembra poter essere spazzata via da un sorriso di Andrea, da una parola scritta, ma che in realtà è sempre lì aggrappata e mai molla la presa.
Dagli USA all’America del Sud, padre e figlio percorrono chilometri e si scoprono, si avvicinano lottando contro il muro eretto dall’incapacità di comunicare di Andrea.
E lungo la strada incontrano spezzoni di vite altrui, che li arricchiscono, li riempiono, li rendono forse meno fragili e più consapevoli.

Un scrittura che posa colori sul bianco dei fogli, che crea immagini dal vuoto della carta.
Una penna lieve, delicata che trasforma in fiaba il racconto di un uomo, che tramuta il suo dolore in gocce di pioggia.
Non c’è falsità tra le pagine, non c’è il lieto fine delle fiabe: al ritorno dal viaggio la vita di Franco e Andrea continuerà con i soliti rituali, le stesse paure, la identica sofferenza.
Non ci sono però picchi drammatici e non perché la malattia non ne riservi, ma perché l’intento è far emergere l’amore e la gioia per ogni piccola conquista, a discapito delle molto più numerose sconfitte.
Ervas riesce a trasportare sulle pagine tutto l’amore di questo padre per un figlio che non giocherà mai a calcio con lui, con cui non potrà mai commentare una bella ragazza, che sicuramente non gli darà mai un nipotino e che sarà sempre e costantemente aggrappato a lui.
E’ questo sentimento smisurato che traspira durante tutta la lettura.
E il titolo, “Se ti abbraccio non aver paura” riprende la scritta stampata sulle magliette di Andrea, abituato a toccare la pancia delle persone, ad abbracciarle per poterle conoscere, ma è anche la richiesta che Franco fa a suo figlio, lasciati abbracciare, lasciami entrare in questo tuo mondo alieno, estraneo, colorato con altri colori, lasciami un piccolo spiraglio di luce.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
181
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Ecco le contraddizioni: questo libro parla di una storia vera...questo libro parla di una fiaba... Mettetevi d'accordo perché o è una fiaba o è una storia vera! Lo scrittore stesso cade in contraddizione dicendo l'una e l'altra cosa. La realtà è per forza una sola, ed è che del poco di vero che c'è in questa storia c'è molto di romanzato. Può piacere oppure no è un'altro discorso, ma ci sono molti lettori che credono di sapere cos'è l'autismo, ora che lo hanno letto. E credono che la comunicazione facilitata sia una realtà piacevole e auspicabile. Se si vuole sognare leggendo una fiaba è un conto, ma spacciarla per storia vera io la chiamo TRUFFA, o come minimo veicolo di DISINFORMAZIONE e il tempo mi darà ragione.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
31 Agosto, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Non credo questo romanzo voglia essere un trattato medico sull'autismo. Dal quel che ho capito vuole essere un romanzo, che e' pure molto apprezzato a quanto vedo. Perche' non concedere licenza poetica a questo autore ? Che male c'e' , io non capisco...
Utente MARCELLO ma perché sta votando tutte le recensioni a pollice in giù???
Qui ognuno può dire ciò che pensa riguardo i libri!
In risposta ad un precedente commento
Viola03
31 Agosto, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao,
tenterò di mettermi d'accordo con me stessa, ok.
Questa per me è una storia vera, che più vera non si può, raccontata con i toni di una fiaba, arrotondando tanti spigoli con il solo scopo di mandare un messaggio: l'amore appunto che nonostante tutto un padre può volere a suo figlio, anche se la malattia ti rosicchia l'esistenza.
Ora, concordo con Cub che NON è un trattato sull'autismo e personalmente non mi sento di saperne di più su questa malattia. Mi sembra solo di essermi arricchita con una bella storia VERA che sembra una FIABA perché parla di amore, nonostante un lieto fine che non c'è.
Se poi ci pensi, c'è tanta amarezza nascosta tra le righe, come ti ho scritto a commento della tua recensione, per tante cose che però non vengono enfatizzate con fare melodrammatico.
Poi ovviamente tu puoi pensarla diversamente!
Un'ultima cosa soltanto, quando in fondo c'è scritto di votare una recensione, ti chiede se la trovi utile o meno, non se la condividi. Giusto per informazione visto che hai votato negativamente tutte le opinioni che apprezzano questo romanzo.
Detto questo, un saluto e buon proseguimento!
In risposta ad un precedente commento
Sabbana
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ma perché, forse che gli altri non abbiamo votato giù a chi ha osato esprimere opinioni diverse dalle loro?
Ognuno può dire quello che vuole tranne criticare un libro che avete deciso di osannare e guai a chi ne parla male? State tranquilli, ora vi restituisco tutti i voti positivi, a me i vostri negativi danno solo onore al merito di non essere una pecora nel gregge!
In risposta ad un precedente commento
Viola03
03 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao di nuovo,
innanzi tutto stiamo pur sempre parlando di un libro, che non si prefigge di parlare di una malattia in modo esaustivo, ma di raccontare una storia, vera ma comunque romanzata. Non ci vedo nulla di male.
Secondo ognuno ha certo diritto di avere la tua opinione, a te non è piaciuto mica è un dramma, io mi tengo la mia opinione tu la tua. Esprimersi cortesemente come mi sembra di aver fatto non credo che debba generare tutto ciò. Anche perché tu stai dando del gregge di pecore ad un gruppo di persone che semplicemente ha amato un libro, che a te non è piaciuto. Sarà ma mi sembra un po' offensivo. Anche perché in questo sito si esprimono opinioni anche differenti non per questo bisogna venire meno alla gentilezza.
L'averti detto dei voti è solo per spiegare il funzionamento del sito. Un voto positivo o meno non va dato al contenuto di una recensione, ma in base a come questa è scritta, se è ben costruita, se è completa, ecc ecc. In base a questo si mette utile o non utile, poi se non si è d'accordo con quanto espresso si può tranquillamente mettere una nota. Ma questo non lo dico io, né gli altri ragazzi che te lo hanno scritto, è semplicemente il funzionamento del sito, non c'è nulla di male a non saperlo.
Ora, spero di averti chiarito il mio punto di vista.
Ciao e buona giornata
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri