Dettagli Recensione

 
Eva dorme
 
Eva dorme 2012-11-27 12:58:22 Fonta
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    27 Novembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Altoatesini o sudtirolesi? Eva svegliaci!

Gerda Huber è una ragazza bellissima, fin da bambina, nelle stupende vallate altoatesine, faceva perdere il senno e la ragione a molti ragazzi.

Gerda Huber è una sudtirolese.

Gerda Huber è la sorella di uno Shutzen, un cacciatore, un combattente contro chi ha imposto a questa piccola provincia austriaca di essere annessa all'Italia fascista che, con la sua politica nazionalista emarginava i tedeschi a favore di "usurpatori" italiani.

Gerda Huber è una ragazza madre, in un' epoca ed in un paesela cui cultura rigida e cattolica la etichettano come Matratze (serva, da materasso).

Gerda Huber è determinata, coriacea ed intelligente. E cresce la sua Eva come meglio non potrebbe.

Vito Anania è un carabiniere, calabrese. Da cinque anni èin servizio per il suo Paese, dapoco presso la stazione di Merano e quella di Bolzano. Un ragazzo all'antica, che riesce a guardare nelcuore di Gerda e a ricolmare il vuoto di un padre sconosciuto per Eva.

Ma anche le belle storie possono finire, gli amori dividere anzichè unire e l'ormai adulta Eva si ritrova a compiere un viaggio interminabile dalle fredde Dolomiti al Mediterraneo più caldo,un viaggio che èuna ricerca personale e storica attraverso sè stessa e attraverso il suo popolo e ed il suo rapporto con l'Italia.

Questa lettura, che non avrebbe attirato mai la mia attenzione in una libreria, mi èstata consigliata dalle mie colleghe e devo dire che ne sono rimasto felicemente colpito.
Il libro non eccelle per velocità e dinamismo ma, la storia è comunque interessante e coinvolgente.

Vivo a una decina di chilometri dall'Alto Adige, o Sud Tirolo e fin da piccolo ho imparato a coesistere ed ividiato i miei compagni di suola biligui ma, addentrarmi, attraverso un romanzo nelle viscere della loro storia è stata una bellissima emozione.

La preparatissa Melandri ci porta alla scoperta di un popolo con una lingua ed una cultura molto legata all'Austria che nel giro di una manciata di giorni è stato annesso, senza alcun consenso popolare, all'Italia, come una mercedi scambio, un pezzo extra, un piccolo "omaggio" al seguito del Trentino che per lingua, tradizioni e scambi commerciali già dal 1200 dipendeva dalla pianura Padana.

Consiglio questo libro a chi, dopo aver superato Bolzano, si chiede come mai, alcuni "barabari" parlino con tanta difficoltà l'italiano,pur essendo l'Alto Adige Provincia d'Italia.

Consiglio questo libro a chi, crede che gli itlaiani sono tutti ugualiun unico popolo da Bolzano a Palermo. Ma non lo consiglio in tono polemico o disfattista, consiglio loro di leggerlo con un punto di vista opposto, non come lettori altoatesinima,sudtirolesi. Noterete allora analogie con i siciliani "liberati" da Garibaldi, con i laziali che non hanno votato alle prime elezioni palamentari perche vietato da Pio IX.
Ma, a differenza di altri vedrete come, il disinteresse e la scarsa attenzione mediatica abbiano dapprima fatto sfociare una rabbia incontenibile ma, in un secondo momento la determinazione e la forza di questo popolo ne hanno fatto diventare il piccolo Paradiso che noi conosciamo ed appreziamo.
Bellissima a tal proposito la figura di Silvius Magnago, rappresentante a Roma dell'SVP, partito di lingua tedesca, descritto magistralmente dalla Melandri.

Un libro da leggere, che vi trasporterà in epoche e posti apparentemente lontani, un viaggio da Bolzano a Reggio Calabria che ci ricorderà il passato travagliato e le difficoltà dell'Italia: una nazione sì ma con diversi popoli, usanze e culture che, possono coesistere tra loro!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

14 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Che bello questo libro... unico nel suo genere!! :)
In risposta ad un precedente commento
gracy
27 Novembre, 2012
Ultimo aggiornamento:
27 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Michele...eppure vedo che a piacevolezza hai messo un così così...
In risposta ad un precedente commento
Fonta
27 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Beh, non è il mio genere, mi ha attirato più la tematica che il libro in sè! Ben scritto ma, non è che mi incollava alle pagine! =)
Per piacermi un libro deve entrarmi in circolo, obbligarmi a rimanere sveglio "ancora 5 minuti" per finire il capitolo..non so se mi spiego..
Ho sempre amato la montagna, e L'Alto Adige in particolare, m'incuriosisce molto! :)
In risposta ad un precedente commento
Fonta
27 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
È un pezzo di storia di uno dei luoghi più belli del nostro paese, forse snobbato! Ma una perla!
In risposta ad un precedente commento
MagicalRobert
27 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
E' vero! Lo apprezzano molto di più i Deutsch, ma io ho visto, sempre, anche molti appassionati italiani! Soprattutto ad Ortisei, San Candido... be', scriverlo a te è come rubare in casa di un ladro! :))
In risposta ad un precedente commento
gracy
27 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Mai stata in montagna! Ho visto la neve solo 4 volte nella mia vita :)
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
27 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella la montagna, io la preferisco al mare!
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
27 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Mare mare ! Io vorrei tanto fare la pensionata e vivere in una catapecchia al mare.
Peccato che debba apettare ancora qualche abbondante manciata di decenni, nella migliore delle ipotesi.
Ahhhhhhhhhhhhh :-(
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
27 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Io vorrei la stessa catapecchia in montagna :-)
14 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri