Dettagli Recensione

 
Perdutamente
 
Perdutamente 2013-12-17 21:40:35 ant
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    17 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La voglia e la passione di aiutare, ma...

Un libro molto particolare, l'autore con delicatezza d'animo soprattutto, coadiuvata da sensibilità, amore assoluto verso la madre, un pizzico di teatralità(il libro è ambientato a Napoli) e tanta passione, ci narra le vicissitudini di una donna(sua mamma) che scopre di essere affetta dal morbo di Alzheimer e tutte le vicissitudini varie che affrontano sia lei che i suoi familiari.
La trama: come dicevo in apertura la storia si sviluppa a Napoli, l'io narrante riceve una telefonata da un suo amico che le dice di aver visto sua mamma alla stazione in stato confusionale. Inizia così il calvario di questa donna e dei suoi familiari, ottimamente descritti i componenti della famiglia della malata, non solo da un punto di vista fisico e comportamentale, ma soprattutto vengono ben delineate le peculiarità e le caratteristiche del linguaggio e del target sociale che rappresentano(c'è il ragazzo 18enne, figlio dell'io narrante che è un giornalista, iper tecnologico e campione sportivo, fidanzato con un'adolescente spagnola ipersensibile; c'è la donna del Nord Italia, moglie del protagonista, molto pratica e determinata; c'è Rinaldo, fratello del protagonista, apparentemente un sognatore, freddo e distaccato e altri personaggi ancora) .
Si spazia in diverse stati d'animo in queste pagine, passando dal tragico al grottesco e quello che mi ha colpito di più in questo romanzo è l'analisi meditata e pensata della malattia, vissuta con l'animo di chi si sente straziato e impotente nei confronti di persone care che vorrebbe aiutare e che invece deve vedere peggiorare gradualmente.
Ho estrapolato qualche riga, che a mio avviso, testimonia quello che dico sopra:
"...Non ci riconosceva...pur inchiodata sulla sua poltrona, lei viaggiava nello spaziotempo, aprendolo e chiudendolo come una fisarmonica. Sprofondava nel passato, stravolgeva il presente intrappolandolo in un gioco di specchi deformanti, poi volava fra i presagi del futuro .Una tempesta di passioni e tormenti si abbatteva su di noi, mentre come una medium mia madre cercava disperatamente di evocare i morti, inconsapevole di essere lei stessa lo spirito in pena, incapace di comunicare. Viva e morta, nello stesso istante.."(pag 37)
Da sottolineare, per concludere, tutta una gamma di attività e situazioni fantasiose attuate dal protagonista e dai suoi familiari per cercar di tenere viva la coscienza e la mente della malata, autodefinendo come caregivers estremi tutta l'equipe di sostegno alla donna sofferente.
Particolare

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri che affrontano tematiche sociali profonde
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Grazie per la recensione. Lo leggerò :-)
In risposta ad un precedente commento
ant
25 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
è particolare, ciao
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Ali d'argento
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Io sono il castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eredità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una lettera per Sara
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Come un respiro
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Predatori e prede
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri