Dettagli Recensione

 
Io e te
 
Io e te 2014-01-09 06:15:05 diogneto
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
diogneto Opinione inserita da diogneto    09 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

tre metri sotto terra

Io e te [EINAUDI 2010] è un po’ come quelle pillole che usano gli astronauti nello spazio per mangiare. Portano via poco spazio e tempo, non riempiono la pancia ma sono piene di sostanza che non si sente ma che è necessaria al metabolismo.

Il libro si “apre” una volta finito di leggerlo. Non so come spiegarlo ma avete in mente quei piccoli cubi con cui si giocava da bambini che avevano un bottone su di un lato e, una volta schiacciato, si aprivano mostrando dentro un mare di colori? Non mi dite che me lo sono sognato…. comunque lo vedo così questo libro! Infatti, a mio avviso, tutte le realtà toccate da Ammaniti, alla fine, sembrano avere una “funzione” che è aldilà del loro “posto” nel romanzo:

la mimetizzazione sociale, il perbenismo, la cantina buia, l’abbandono, la droga, i guardiani, il conformismo, il pregiudizio… potrebbero essere capitoli di un trattato di neuropsichiatria infantile ma qui, nella potenza della realtà, vengono dipanati nella loro forma più chiara e disinvolta attraverso una storia che lascia il segno e anche se, in alcuni passaggi la voglia di prenderlo, chiuderlo e dimenticarlo c’è vince la convinzione di trovare un finaleche, anche se non è a sorpresa, apre, e non chiude, il libro.

Qui ci vorrebbe una digressione proprio sulla funzione sociale di questo[i] libri… ma non è il momento!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Be', però questa digressione l'attendiamo! :-)
Sono d'accordo con Bruno e vorrei anche un'immagine del cubo col bottone ahah :)
Bravo Alessandro!

Valentina
In risposta ad un precedente commento
diogneto
09 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
guarda stamani ci pensavo! ma non solo su Lorenzo... anche su Marco (Branchie), Pietro (ti prendo e ti porto via) e Fiorenzo(esche vive)... e, naturalmente, sulle "questioni" che li circondano! Lavoro nel campo del disagio sociale, in particolare disabilità, e leggere questi testi mi porta a pensare come, nella testa di questi scrittori, ci sia una realtà più densa della realtà che vive chi ci governa, in grande e in piccolo!

Grazie per lo stimolo!
SARY
09 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Bravo!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri