Dettagli Recensione

 
Il postale
 
Il postale 2014-04-09 08:28:00 Acherontia Atropos
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Acherontia Atropos Opinione inserita da Acherontia Atropos    09 Aprile, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un vero viaggio nel tempo

Giudicato da alcuni come uno dei più grandi scrittori italiani viventi, Pardini scrive un libro ambientato a fine '800 ed ha come protagonista un vetturino (o meglio un "procaccia") e il suo cavallo ("Balio" come il nome del cavallo di Achille).
La cosa che molto mi ha colpito è lo stile di scrittura: il linguaggio è prezioso e molto ricercato per immergere (riuscendovi, nel mio caso) il lettore nel detto periodo storico. Linguaggio specialistico si intreccia con il linguaggio desueto (quindi doppiamente prezioso) spaziando dalle "martinicche" alla "brusca" per poi arrivare a "rampare" e "frangere" (seppure questo verbo, in luogo di "mangiare" riferito al cavallo, diventi a volte decisamente abusato). Tutto questo per riutilizzare termini ottocenteschi (presenti sia in Pascoli che Carducci) che creano la parte migliore del libro; quella traslazione temporale che avvicina all'onirico.
Per quel che riguarda le cose che meno mi sono piaciute ho avvertito talvolta, nello stile, un compiacimento abbastanza marcato tanto che il linguaggio, a volte, stucca. La descrizione dei luoghi della valle del Serchio (luogo in cui l'autore vive da tutta la vita) sono molto belli, un po' lirici a volte (per me se non sei Proust o Flaubert, puoi abbandonare il lirismo), ma comunque belli e, soprattutto, si sente l'amore profondo per ogni strada e scorcio; ogni monte, ogni fiume e strada ha in sé un carattere, una storia.
Le apparizioni dei Personaggi storici realmente esistiti sono, a mio parere, inutili e, invece di apparire come tocchi di colore, a me sono parsi come sbavature. La parte della guerra è parte a sé. L'invettiva di fondo antifuturista (e, ovviamente, antifascista) prende il sopravvento sulla storia di Liberio e Balio e, seppure giustificata da un contrasto antico/moderno-padre/figlio (tra l'altro molto bello), devìa dal soggetto, a mio giudizio più originale e interessante, del contesto storico ottocentesco e dalle sue antiche figure (il postale, ad esempio). La peggiore nota negativa di questo libro sta nello spessore di alcuni personaggi; benché Amilcare, Liberio e Balio siano sufficientemente ben realizzati, il personaggio di Altea (su tutti) è a dir poco grottesco. I suoi "poteri" non convincono nessuno e il suo carattere rasenta il ridicolo. In tutto il libro poi, l'alone di mistero convince assai poco.
Ciò detto ne consiglio assolutamente la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Cara pace
L'assemblea degli animali
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti
Padri
Quaderno proibito
Lei che non tocca mai terra
Il gioco delle passioni
Morsi
Il quinto evangelio