Dettagli Recensione

 
Teorema
 
Teorema 2015-01-05 05:50:24 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    05 Gennaio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ipotesi, tesi e corollari

Pier Paolo Pasolini dimostra un inquietante “Teorema” in quest’opera (anche cinematografica) che nel 1968 fu considerata oscena.

L’equilibrio di una famiglia della piccola borghesia (“Si tratta di una famiglia piccolo borghese: piccolo borghese in senso ideologico, non in senso economico… persone molto ricche, che abitano a Milano”) viene minato dalla presenza di un ospite: un affascinante giovane, che seduce i quattro componenti della famiglia – il padre Paolo, la madre Lucia, il figlio Pietro e la figlia Odetta – e la collaboratrice domestica, Emilia. Con ciascuno di loro (“Benché nascondano un segreto non condiviso, gli sguardi che Lucia, Pietro e l’Emilia non hanno che per l’ospite, sono pieni di trepidazione e di purezza”) l’ospite ha un accondiscendente rapporto di complicità, comprensione e protezione, quasi paterno (“Come se fosse tornato, no, non nel grembo della madre, ma nel grembo del padre”).
Quando il giovane riparte, ciascun individuo ha reazioni eclatanti e amplificate, attraverso le quali manifesta la sofferenza dell’abbandono e l’insofferenza per il precedente, fragile sistema di vita.

L’analisi-dimostrazione di Pasolini penetra gli schemi esistenziali (“Non mi piacciono gli uomini, è detta con protervia ed elegante umorismo… nasconde una verità”), fisici (“la camera… è arredata, cioè, col gusto che le madri attribuiscono ai propri figli”) e psico-sociali (“il pudore e la vergogna – che la sua classe sociale vive in lei…”) della famiglia borghese.
Particolarmente tragica la crisi che investe il padre (“Infatti, come un padre, il deserto lo guardava da ogni punto del suo orizzonte sconfinatamente aperto”), fulcro di un patriarcato che crolla nell’impalcatura: “Così quando il sole rinasceva in un punto dell’orizzonte non contrassegnato da nulla, ecco che, come se nulla di reale fosse accaduto, il deserto era intorno, col disegno e la luce del giorno prima, e con l’ardore terribile del sole che si tornava a identificare col pericolo e con la morte”.

L’opera è un misto di prosa e poesia. Nell’appendice alla parte prima, ciascun protagonista declina in versi il proprio dramma (il fratello “Sete di morte”, la sorella “Identificazione dell’incesto con la realtà”, Lucia “La perdita dell’esistenza”, Paolo “La distruzione dell’idea di sé”. Soltanto il dramma di Emilia viene articolato dall’ospite in “Complicità tra sottoproletariato e Dio”, a significare una visione classista della storica contrapposizione proletariato-borghesia).
Nella poesia “Sì, certo, cosa fanno i giovani…”, si rintracciano passaggi che consacrano Pasolini come indiscusso protagonista intellettuale e originale interprete dei movimenti culturali dell’epoca:
“Di cosa parlano i giovani del 1968 – coi capelli
barbarici e i vestiti edoardiani, di gusto
vagamente militare, e che coprono membri infelici come il mio,
se non di letteratura e di pittura? E questo
che cosa significa se non evocare dal fondo
più oscuro della piccola borghesia il Dio
sterminatore, che la colpisca ancora una volta
per colpe ancora maggiori di quelle maturate nel ’38?”

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bellissima analisi, non mi sono mai avvicinato a Pasolini e non so bene perché, ma la tua recensione mi da "coraggio".
Complimenti e grazie
interessante presentazione, Bruno!
non mi sono mai avvicinata alle opere di Pasolini
siti
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Bruno, anche io purtroppo ho letto poco di Pasolini, tanto tempo fa "Ragazzi di vita", lo ricordo come una lettura impegnativa e triste. Vedo che anche qui la piacevolezza è venuta a mancare.
Testo che non mi sembra semplicissimo. A parte Ragazzi di vita preferisco il Pasolini poeta, che trovo stupendo. Di Teorema ricordo il film che suscitò un mare di polemiche. Tu l'hai visto? Ottima analisi la tua, Bruno
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti ho letto con piacere e ti sentito molto affascinato da questa lettura...o sbaglio?
Ciao, Pia
Bruno Elpis
05 Gennaio, 2015
Ultimo aggiornamento:
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Riccardo e Silvia: a due commentatori fini e sensibili come voi Pasolini non può mancare... tanto più se vi piacciono le sfide :-)

@ Laura: ho letto questo testo a ridosso del Natale: un'opera per niente natalizia, che mina l'icona della famiglia... Mi ha inquietato, turbato, e ciò giustifica la valutazione di piacevolezza... :-)

@ Anna Maria: no, il film non l'ho visto! Ho amato così tanto il Pasolini del Vangelo secondo Matteo... idem il PPP della trilogia erotica... sarebbe bello che tu ti diffondessi - sotto questo mio commento - con un'opinione critica sul film (sai che ti leggo sempre con interesse e stima, amica mia) :-)

@ Pia: sì carissima, PPP mi affascina per la sua versatilità, per il suo occhio artistico, per la sua radicalità critica.. Grande poeta, narratore maledetto, regista eccelso che ha spaziato dalla laicità mistica del Vangelo all'ambiguità terrena delle ultime opere... :-)
Grazie Bruno per la fiducia. Il film devo rivederlo per darne un giudizio ora. Sai che a volte le impressioni mutano! Mi riprometto però di farlo perché certamente ne vale la pena. Quando sarò pronta te lo farò sapere. Un caro abbraccio.
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Mare di pietra
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Chiudi gli occhi, Nina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio