Dettagli Recensione

 
Dimmi che credi al destino
 
Dimmi che credi al destino 2015-05-27 19:48:05 ALI77
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    27 Mag, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A QUALE DESTINO DOVREMMO CREDERE?

“Il destino è quella porta socchiusa da cui ogni tanto puoi sbirciare. E allora vedi che nulla avviene per caso e che tutto ha un senso, anche quando sembra non averlo”.
Anch’io mi sono sforzata, e non poco,a cercare di dare un senso alla storia che avevo appena terminato di leggere ma non l’ho ancora trovato.
Siamo a Londra, dove troviamo Ornella una donna di mezza età che lavora in una libreria chiamata “Italian Bookshop” e che ha avuto una vita alquanto burrascosa e complicata ma che è sempre riuscita a rialzarsi.
Arriva in Gran Bretagna vent’anni prima per dimenticare e lasciarsi alle spalle la vita che aveva e anche suo marito.
Sembra interessante, mi sono detta, ma in questo libro ho trovato veramente poche cosa da salvare, forse solamente la copertina che è indubbiamente molto carina.
Sicuramente l’autore scrive molto bene quindi anche se di per sé la storia non mi è piaciuta sono riuscita o meglio mi sono trascinata fino alla fine. Non si è creata nessuna empatia ne con la protagonista ne con nessuno dei personaggi secondari.
La Patti l’amica milanese o più che altro una sorella per Ornella, sembra aver in tasca la soluzione dei problemi ma secondo me non ha idea di cosa fare per aiutare la donna. In più dovrebbe risollevare l’amica, darle forza invece è sommersa dal pensare ai suoi problemi.
Diego, ragioniere napoletano da poco a Londra, viene assunto per risollevare la libreria ma l’autore tende a sottolineare molte volte la sua bellezza e la sua simpatia, che io tra l’altro non ho ritrovato nella pagine, le sue battute non facevano ridere.
Clara, la collega di Ornella ha da sempre dell’astio nei confronti della donna, si sente ormai più inglese che italiana e ha abbandonato il caffè per il tè. Un personaggio non rilevato.
Bernard, il vicino di casa di Ornella un uomo che non ho capito, ne ho ancora decifrato.
Mr George, un anziano signore che si ritrova da anni nella stessa panchina di Ornella e che ascolta e consiglia la donna nell’affrontare al meglio le sue disavventure. Ama Calvino e ama la lettura, forse l’unica persona credibile della storia.
Ho odiato il fatto che Ornella si sia inventata un’intolleranza alimentare all’origano, originale direte, io penso solo che sia patetico.
Ornella e la Patti ma quanto bevono queste donne?Per tutto il libro sembra ripercorrere il ritornello del “beviamo qualcosa”?
Ma dalla trama sembrava che fosse importante risollevare le sorti della libreria, però questo fatto è del tutto marginale rispetto al raccontare la vita di Ornella e dei personaggi a lei legati.
I temi che si sviluppano sono anche interessanti, ricostruire la propria vita, darsi una seconda possibilità, il passato difficile da dimenticare e da affrontare, l’amicizia e l’amore.
Ma sembra che in questo libro si parte con una storia e poi al capitolo successivo ne inizi un’altra del tutto diversa, non legata per niente alla precedente.
Non c’è un inizio e una fine sembrano dei pezzi buttati là e messi insieme, dove troviamo in tutto il libro una serie di clichè riguardo gli italiani che potevano essere risparmiati.
Mi dispiace molto dire queste cose anche perché ho letto nei ringraziamenti finali che è una storia vera, ma non sono riuscita ad entrare in quello che l’autore ha raccontato e ad affezionarmi ai personaggi, lo avrei voluto fare ma Luca secondo me non è riuscito a coinvolgermi, sebbene ci fossero tutte le premesse possibili.
I personaggi che lui ha creato sono spenti, senza sale, senza qualcosa da scoprire, il lettore non ha stimoli a continuare a leggere e alla fine mi sono chiesta a che destino dovrei credere?
Essendo il primo libro che leggo di questo autore mi sono informata molto su di lui, ammetto la mia ignoranza nei suoi confronti.
Non so effettivamente quale sia il suo stile, che nella quarta di copertina leggo che sia inconfondibile ma che non sembra essere quello che c’è in questo romanzo. Non ho trovato uno stile frizzante o ironico mi sembrava solamente piatto.
Ornella è una donna che ha sofferto molto però non sono riuscita a capirla, a inquadrarla, almeno fino a quando non rivede suo marito. E’ un personaggio che non mi ha lasciato emozioni sebbene avesse avuto una vita veramente difficile,lontano dalla sua famiglia, in un paese straniero ma che ha scelto di cambiare per poter ricominciare.
Una cosa mi ha colpito che la vera Ornella ha detto che la libreria l’ha salvata e quindi doveva salvarla, solo che purtroppo l’attenzione del libro e del lettore andava più verso altre cose, tralasciando l’imminente chiusura della libreria.
Luca Bianchini non è riuscito a creare una storia che ti rimane nel cuore e alla fine del romanzo non ti resta nulla solo che un gran senso di vuoto e spaesamento.
Spero di ricredermi su questo autore e che questo sia stato solamente un libro che io non sono riuscita a capire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Meglio leggere qualche altro libro di Luca Bianchini......
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
L'ho preso ieri anche se non ero particolarmente convita.. Nutrivo le tue stesse perplessità.. Comunque bella analisi, brava!
In risposta ad un precedente commento
ALI77
30 Mag, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Dimmi quando lo finisci come ti è sembrato.
Ciao
Alice

20 Febbraio, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho appena finito di leggere questo libro che ho trovato in una biblioteca a Londra. L'ho letto solo ora perché il libro era nella sezione italiana e mi sono detta " Proviamo!". Vivo a Londra da 20 anni, conosco Ornella e la libreria italiana ma pur andando alla presentazione del libro non lo avevo acquistato perché non volevo rimanere delusa. Confesso che all'inizio il libro non mi ha molto entusiasmato, io avevo giá letto altri libri dello stesso autore che mi erano piaciuti di piú. Ho voluto continuare a leggerlo, cercando di mettere da parte le banalitá e gli stereopiti presenti e concentrandomi sulla storia. Il libro mi é piaciuto quando sono arrivata alla metá cioé quando Ornella parte per l'Italia che ho sentito come la parte piú vera del libro e dove mi sono interessata alla storia della protagonista. Come hai scritto tu, é difficile voler bene a questo libro. I personaggi descritti non sono approfonditi, alcuni sono assurdi. La descrizione di una Londra dove che non esiste mi ha a volte irritato visto che conosco bene gli inglesi e ne ho sposato anche uno ma mai dire mai quindi potrebbe succedere di instaurare un rapporto di amicizia con un signore anziano che incontri ogni giorno al parco, infatti solo una persona anziana potrebbe iniziare a parlare con una perfetta sconosciuta e nemmeno tutti, gli inglesi e soprattutto i londinesi si sa che sono molto riservati. Il vicino che si innamora di Ornella, sí potrebbe accadere, infatti ci sono storie vere di persone che si sono incontrate ed innamorate a Londra cosí ma il personaggio di Clara é inutile e francamente da idioti avere un gatto immaginario a meno che non si hanno dei problemi ma seri peró. Posso solo giustificare il personaggio di Clara come un omaggio dello scrittore ad una donna che nella realtá ha davvero lavorato con Ornella nella libreria come si legge nella lunga lista dei ringraziamenti che conferma uno dei motivi per cui vado raramente in quella libreria in quanto lí sono accolti solo gli amici della casta che sono quelli dei ringraziamenti. La libreria si é poi salvata cambiando quartiere e purtroppo ridimensionandosi ma sopravvive. In conclusione il libro mi é piaciuto piú di quanto mi aspettassi perché ho riconosciuto la stessa sensazione di smarrimento che ha provato Diego quando si é stabilito a Londra ma non ho decisamente apprezzato gli stereopiti sugli italiani in generale, sui napoletani in particolare anche se fatti a fin di bene. Libro carino ma da prendere in prestito in biblioteca e riportarlo con grande serenitá perché non mi ha cambiato la vita ma ha confermato i miei timori quando il libro é uscito anni fa. Mi scuso per questo lungo commento ma mi é piaciuto quello che hai scritto e mi ha dato la possibilitá di commentare e spero confrontare i pareri su questo libro.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri