Dettagli Recensione

 
Nelle mani giuste
 
Nelle mani giuste 2015-11-22 22:23:17 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    23 Novembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In cerca di un padrone

“La zona grigia ha questo di bello, pensava Stalin Rossetti: quando ci sei dentro, sei al centro del mondo, e nulla di ciò che di veramente interessante, di potenzialmente conveniente accade, nulla può sfuggirti. Ma basta un piccolo momento di distrazione ed ecco che sei fuori. E allora la Storia ti passa accanto, ti inquadra con i suoi occhietti maligni e in men che non si dica ti scarta.”

La banda della Magliana non c'è più... è già un fatto passato, storia minore: tutti morti (come il Dandi e il Libanese) o ectoplasmi incapaci di ricostruire un sodalizio criminale che possa tenere in pugno la città.
A Roma è di nuovo il caos. In tutta Italia il caos è ancora una volta protagonista. Come in una congiunzione astrale, dove tanti episodi si incrociano, per dar vita ad una nuova era. Nel mondo, la caduta del comunismo. In Italia, i giudici. Sono loro, inconsapevoli, a scoperchiare il vaso dei mali, a creare il vuoto che deve essere necessariamente riempito, nella lotta impari tra uno Stato messo male e le molteplici trame occulte. Personaggi di tutti i generi – politici di opposte fazioni, agenti dei servizi, mafiosi di vecchia e nuova generazione – cospirano affinché l'Italia, al termine di questo intermezzo di anarchia, finisca “Nelle mani giuste”. Ed ognuno ha una sua opinione su quali siano quelle giuste...

Questo volume, datato, 2007 dovrebbe rappresentare l'ideale sequel di “Romanzo criminale”. Inizia esattamente dove finisce il primo (cioè agli albori degli anni '90), ha tra i protagonisti un protagonista del precedente romanzo (il poliziotto Nicola Scialoja), è scritto con lo stesso stile.
In realtà, a fronte di un precedente così importante, “Nelle mani giuste” fallisce miserevolmente.
Lo stile asciutto, rapido, guizzante di De Cataldo è perfetto per raccontare una concatenazione continua di fatti, che danno contenuto immediato e progressivo ad una storia; quando si prova ad applicare lo stesso stile a sequenze di supposizioni, ragionamenti, teorie che convivono con i fatti e spesso li sostituiscono, l'architettura del racconto è la prima a crollare. La lettura diventa davvero faticosa.
In secondo luogo, la prosecuzione della vicenda di Scialoja rovina il bel ricordo che di questo personaggio ci si era costruiti con “Romanzo criminale”. In verità già nel finale di quel volume si aveva l'impressione di un'accelerata evoluzione (in realtà, involuzione) della figura del poliziotto; una evoluzione che in questo libro si completa, facendo “cappottare” il personaggio su se stesso (fino ad evocare lo strano caso del Dr. Jekyll e di Mr. Hyde, che però aveva tutt'altro intento). E' un peccato: la figura di Scialoja, così complessa nel precedente romanzo, diventa adesso inverosimile.
In definitiva, De Cataldo avrebbe voluto rendere la sensazione del vuoto di potere di anni bui attraverso il racconto di personaggi del “sottobosco”, mantenendo costantemente a vista la storia d'Italia che culminerà con la “discesa in campo” di Silvio Berlusconi (eccole, le mani giuste). Invece realizza un volume sfilacciato, senza mordente, continuamente diviso tra Storia e storie, in un andamento schizofrenico e deludente.
Alla luce di quanto fatto vedere in “Romanzo criminale”, senza dubbio un libro sbagliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Secondo me De Cataldo é un incompiuto.
In risposta ad un precedente commento
Rollo Tommasi
23 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Lo definirei ondivago. Ma forse vogliamo dire la stessa cosa. Grazie del commento
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Chiudi gli occhi, Nina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio