Dettagli Recensione

 
Acciaio
 
Acciaio 2015-12-13 14:27:13 Jo_March
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Jo_March Opinione inserita da Jo_March    13 Dicembre, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stereotipi d'acciaio

La verità (non quella assoluta, ma la mia, relativa) è che la Avallone aveva un gran potenziale tra le mani, ma che non ha saputo ben gestire. Il romanzo è composto da diverse storie e personaggi: vari fili che, al termine, la Avallone non riesce a gestire e che perde strada facendo. Non ci dice cosa succede, ad esempio, ad una serie di sventurati che popolano questa storia; li lascia così: appesi in una bolla che potrebbe essere tutto o niente.
Ho visto invece - non so perché - un po' della scrittura cannibale di Ammaniti, soprattutto nelle ultime pagine, anche se a questo modello l'Avallone ha aggiunto particolari truci che poteva anche evitare (ho finito di leggere il libro a notte inoltrata e mi sono un po' suggestionata, ad esser sincera). Non mi è piaciuto questo finale perché - da romantica quale sono - mi aspettavo qualcos'altro: magari il lieto fine o una redenzione, ma tant'è che lei ci ha riservato tutt'altro.
Per quanto riguarda le due amiche inseparabili, alla fine la scrittrice ci lascia intendere, supporre. Anche qui, però, aveva tra le mani due personaggi che avrebbe potuto gestire meglio; dando loro maggior spessore, invece si riducono ad essere delle macchiette, degli stereotipi. In realtà, è la sorte che tocca un po' a tutti i personaggi del romanzo.
Non so, penso che il tutto poteva esser gestito in maniera differente, magari con una conclusione con salto temporale e che ci mostrasse la vita a Piombino una decina, o meglio ancora, una ventina d'anni dopo.
Mi aspettavo molto da questo romanzo - vincitore del premio Campiello per l'Opera Prima - ma le aspettative sono state, quasi completamente, deluse. Inizialmente si faceva leggere di corsa, poi, mano a mano, il tutto diventava una corsa in un labirinto: stancante ed inutile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Come dicevo nella mia recensione, lo consiglio a chi ama Ammaniti. Però questo libro mi ha ricordato altri romanzi sul disagio giovanile, passando dal celebre "Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino" al più recente "Il rumore dei tuoi passi".
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri