Dettagli Recensione

 
Chiru
 
Chiru 2016-04-02 14:18:06 Alberto30
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
3.0
Alberto30 Opinione inserita da Alberto30    02 Aprile, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

AMORE INCOMPLETO


Dopo avere letto Accabadora è con curiosità e speranza che mi approccio a “Chirù”.
In questo romanzo Michela Murgia lascia sullo sfondo la sua terra natale, la Sardegna, per concentrarsi sul particolare rapporto tra Eleonora e Chirù. Lei, donna matura ed attrice teatrale di professione. Lui, diciottenne talentuoso violinista. La relazione imbastita sui canoni “maestra - allievo” muta, a tratti quasi morbosamente, in un legame affettivo tanto ambiguo quanto intenso, difettoso solo fisicamente per non essere canonizzato come rapporto amoroso. Ma l’ attrazione emotiva, mentale ed empatica nata e cresciuta tra i due non potrà compensare le differenze di età, sociali e di esperienze. Un amore impossibile che resta tale dinnanzi al mondo. Nato da premesse sbagliate e da un passato doloroso, il sentimento di Eleonora è probabilmente minato ed allo stesso tempo fomentato dalla carenza di affetto della sua vita passata. Traspare un padre brutale, una madre anaffettiva ed un fratello inesistente. Il lavoro, la sua arte, possono compensare solo in parte queste mancanze umane. Per quelle c’è Chirù. Chirù da amare, proteggere, crescere. Chirù che rappresenta tutto, o meglio, tutti coloro che per Eleonora non ci sono stati. Lo pseudo protagonista maschile ha contorni molto definiti solo in parte, bramoso di esperienze e di amore. La Murgia propone semplicemente lo stereotipo tipico del diciottene moderno in chiave artistico-letterario e non riesce a renderlo reale per il lettore. Chirù si perde perciò sia nella trama che tra i pensieri di Eleonora salvo tornare nottetempo per evidenti logiche e necessità di testo.

Buona scrittura ma libro a tratti stucchevole e frettoloso. Non ho ben capito dove volesse parare la scrittrice. Amore, abbandono, opportunismo, rapporti familiari?
Nonostante si legga facilmente, il romanzo della Murgia mi è apparso incompleto. Una storia al servizio della scrittura. Ottimi spunti ridotti però a lampi estemporanei ed una trama costruita apposta per poterli sviscerare ma che non ha saputo fondersi perfettamente per rendere l’ artificio invisibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Commento davvero utile all'utente indeciso sulla lettura di questo libro,completo di pregi e difetti.
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri