Dettagli Recensione

 
La rilegatrice di storie perdute
 
La rilegatrice di storie perdute 2018-03-06 14:31:55 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    06 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I libri e la loro infinita potenza

Cristina Caboni, dopo aver scritto Il sentiero dei profumi e La custode del miele e delle api, torna in libreria con La rilegatrice di storie perdute. Un libro sui libri, sulla magia che comunicano e sull’amore per essi, poiché:
“i libri erano possibilità, nuove occasioni. Erano risposte. Custodirli, offrirli a chi li cercava era molto più che un mestiere. La sua era una vocazione.”
E ancora:
“Un libro sogna. Il libro è l’unico oggetto inanimato che possa avere sogni. Lo diceva Ennio Flaiano.”.
Sofia è una giovane donna, sposata con il marito Alberto. Per lui ha perso la propria identità, si è dedicata per tanti anni alla sua cura e alla sua persona, dimenticandosi di sé stessa, dei suoi sogni, dei suoi desideri. Si è completamente auto annullata in lui, e ora si rende conto di aver sbagliato, che intorno a lei c’è solo il vuoto. Cerca di riprendere in mano la propria vita, e un giorno si reca da un libraio, nel quartiere romano di Coppedè, dove risiedono i suoi nonni. Lì rimane affascinata da un vecchio libro, maltenuto, con la copertina rossa lavorata, le pagine ingiallite. Si offre di rilegarlo e il libraio, colpito da tanta determinazione, glielo regala. Quando si accinge a rimetterlo a posto, nel dorso scopre una lunga lettera, in cui una nobildonna del 1800 racconta la propria storia. Si chiama Clarice, è appassionata di storia e di libri, è la prima donna rilegatrice, vissuta ai primi dell’Ottocento, quando alle donne era proibito esercitare quella professione. Il libro, inoltre, è di Christian Philipp Fohr, un autore romantico di discreto successo, e riporta ai margini due tipi diversi di corsivo. Per Sofia è come trovare un tesoro. Si appassiona alla vicenda e incomincia la ricerca per trovare gli altri due volumi mancanti, che lei percepisce come determinanti per la ricostruzione della storia. In questo lavoro incontra un uomo, tanto affascinante quanto enigmatico: Tommaso Leoni, esperto grafologo e cacciatore di libri antichi. I due insieme ricompongono il puzzle intero, iniziando anche una loro personale storia d’amore.
Molto interessante è l’idea di far precedere ogni capitolo da una citazione: Goethe, Dickens, Hemingway, Shelley, Austen. E’ un aspetto ulteriore per esternare l’amore per la lettura,e la volontà di chi scrive per gli appassionati, per chi considera il libro un fine e non un mezzo.
Uno stile di scrittura scorrevole, veloce, articolato, e musicale, mai pesante e ripetitivo. La narrazione è in terza persona, ma la caratteristica personale del libro è la doppia linea temporale sulla quale viaggia il romanzo: da una parte la vicenda di Clarice, ambientata nell’800, in giro per l’Europa: da Vienna a Roma a Londra; dall’altra quella di Sofia ai nostri tempi. Il doppio filone narrativo è rispecchiato negli animi delle due protagoniste. Tutte e due, con coraggio, trovano la salvezza nell’amore per i libri, nell’arte della rilegatura e tutte e due devono affrontare dolore e sofferenza per riuscire a modellare se stesse e trovare una propria indipendenza e sicurezza nel mondo. Due donne che si compenetrano vicendevolmente, per una storia unica bellissima ed intrigante. Su tutto spiccano i libri, e il rapporto con essi, poiché:
“loro ti scelgono”.
I libri sono messaggeri, sono protettori, sono scudi contro il dolore, e armi potenti con cui combattere,
“possiedono qualcosa di speciale. Per loro stessa natura contengono potenzialmente risposte a ogni sorta di domanda. (…) I libri spariscono e riappaiono di continuo. E’ come se vivessero di vita propria.”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Cristina Caboni, Il sentiero dei profumi e La custode del miele e delle api.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Labirinti
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Genitori cercasi
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel che ci tiene vivi
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Max e Flora
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Café Royal
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Freddo nelle ossa
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
Il passeggero
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Città di sogni
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Una brava ragazza è una ragazza morta
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Piero fa la Merica
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Vecchiaccia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Dipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Genitori cercasi
Ragazze perbene
Astenersi principianti
Cuore puro
Quel che ci tiene vivi
Café Royal
Brick for stone
Cose che non si raccontano
Mi limitavo ad amare te
Del nostro meglio
La vita intima
Ombre
Fame d'aria
Sarò breve
La vita in tasca
Tasmania