Dettagli Recensione

 
Il pendolo di Foucault
 
Il pendolo di Foucault 2019-05-15 22:15:23 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    16 Mag, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il complotto inesistente

Quando si parla e si discetta sui templari, il dialogo, o il discorso con contraddittorio, assume iperboli e deviazioni non facilmente controllabili; ciò è dovuto al fatto che sui templari e compagnia sono stati scritti fiumi di volumi, una miriade di articoli e parecchie ambientazioni in film e documentari.

Le congetture su tale ordine monastico/guerriero si perdono nei meandri della storia intrecciata alla leggenda e al sistema del complotto mondiale che si tramanda, ormai, da secoli. Il romanzo di Eco ha come base d’avvio, come granitiche fondamenta, una trama che scava in profondità nell’occulto elaborando imperscrutabili rompicapo, grovigli magistrali, magie semantiche, tutte mescolate con estrema abilità di linguaggio a un’erudizione fuori dal comune.

Un libro costituito da innumerevoli altri libri, che spazia in altrettante molteplici discipline variegate e intense. Le leggi della fisica, la cabala, la cosmologia, l’occultismo, la teologia, la storia, il simbolismo, sono alcune delle scienze, o pseudo scienze, che il Nostro narra, divulga, intreccia, cammina a ritroso e inventa qualsivoglia altro stratagemma indirizzato a un famigerato “complotto” ordito da chissà quali forze, società segrete, sette, poteri deviati ecc., per il dominio (sic) e controllo di tutti i fatti e le vicissitudini umane.

Non è stato facile, almeno per il sottoscritto, seguirne l’intricata e super complessa trama; i tre protagonisti principali, tra cui L”io narrante”, e gli altri personaggi secondari ma al tempo stesso necessari per lo sviluppo narrativo, sì dilettano e contemporaneamente si disperano nel cercare qualcosa...un qualcosa di misterioso i cui confini rasentano ciò che non è direttamente percepibile dalle nostre visioni terrestri; l’orizzonte della nostra immaginazione viene spesso messo a dura prova.

In estrema sintesi, un romanzo affascinante ma nel contempo prolisso, pesante, ampolloso, barocco, con necessità di ricorrere spesso al dizionario al fine di poterne carpire in maniera superficiale l’astratta e a volte inattingibile erudizione che la trama emana, paragonandosi a una fragranza sconosciuta, inebriante ma della quale non ci è dato sapere né la sostanza basica né da quale fonte proviene.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
Ciao Ferruccio.
Trovo interessante la tua recensione. Il libro, pero, io l'ho mollato prima di giungere a metà .
Mi era piaciuto così tanto "Il nome della rosa" che le aspettative erano alte. Invece qui ho trovato noia e forse presunzione dell'autore.
Ciao Emilio; concordo con quanto scrivi. "Il nome della rosa" ha un fascino storico ed è inoltre un thriller particolareggiato che trascina il lettore malgrado un linguaggio spesso forbito; al contrario, come già scritto nella mia recensione, "Il pendolo di Focault" mira, non so se di proposito, a un lettore molto preparato, che ha pazienza e riesce a soffermarsi sulle varie spigolature ordite nella trama. Insomma, un ottimo romanzo/saggio al segno del famigerato complotto mondiale per il dominio che arriva dai secoli bui, ma pesante e faticoso appunto per l'eccessiva erudizione e lessico.
Concordo quasi appieno sulla recensione. "Il Pendolo" è almeno un paio di gradini al di sotto de "Il nome della rosa" e, purtroppo, da lì è cominciata la parabola discendente di Eco romanziere.
All'epoca in cui lo lessi (poco dopo la sua prima uscita) ero ancora galvanizzato dal romanzo d'esordio e avevo grandi aspettative anche per questo nuovo libro, che si è rivelato, invece, una mezza delusione. Solo mezza, perché in effetti ci sono pagine molto belle, ma tutto mi parve un po' slegato. Tra l'altro non sono riuscito a togliermi dalla testa che, per parte delle rievocazioni storiche, il prof. Eco si sia pesantemente giovato delle tesi dei suoi studenti. Probabilmente (spero) questa è solo una mia malignità, ma notai all'epoca una qual difformità di stili e, anche per questo, il libro mi risultò prolisso.

Poi sul "Pendolo" grava un peccato originale imperdonabile: diede legittimità e dignità a tutti gli epigoni che sproloquiarono in seguito su Templari e Rosacroce...
Ciao FrancoAntonio, infatti è per buona parte dei motivi che adduci la mia valutazione non proprio brillante sull'opera. Certo potrebbe affascinare in circostanze di lettura elise da sovrastrutture storiche e di sotterranei complotti, e dalle labirintiche elucubrazioni su sette segrete, templari, rosacroce, illuminati, cabale, numerologie.
Piacere di rileggerti Ferruccio. :)
Grazie, ciao!
Dinanzi al nostro compianto semiologo chino il capo.
Questo romanzo non l'ho letto ancora e dalla tua recensione mi sembra di capire che ho fatto bene a leggere gli altri suoi libri che non sono sembrati così prolissi: il nome della rosa, il cimitero di Praga...Baudolino ricordo invece di averlo abbandonato per non riprenderlo.
Se non sbaglio, gli ho preferito LE CONFESSIONI DI UN ITALIANO di Nievo...penso di aver detto tutto.
Ciao Marianna; sono generi diversi ancorché eruditi entrambi. M, secondo me, mentre "Il nome della rosa" si legge più piacevolmente in quanto meno prolisso e colmo di thriller, "Il pendolo" è una miniera di parole e frasi ridondanti, pesanti, eccessivamente prolisse. Certo ha il suo fascino, ma che fatica!!
In risposta ad un precedente commento
Matelda
20 Mag, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono completamente d'accordo
Baudolino! Brrr! Credo che sia stato uno dei punti più bassi raggiunti dalla prosa di Eco! A mio modestissimo giudizio solo "L'isola del giorno dopo" si è rivelato peggiore, perché non aveva neppure quella dissacrante ironia presente in Baudolino che, ogni tanto, ti strappava una risata.
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri