Dettagli Recensione

 
Io e te
 
Io e te 2019-11-27 21:51:34 siti
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
siti Opinione inserita da siti    27 Novembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In soffitta o in cantina?

Romanzo breve, anche troppo, veloce tanto da sembrare incompiuto; blando e sbiadito, un’idea in nuce, non sviluppata abbastanza. Non so quali siano stati i motivi che hanno dirottato questo scritto, ma tale appare , quasi un mezzo aborto.
Un adolescente problematico, forse solo irrisolto e in cerca di se stesso, risente a tal punto delle proiezioni materne e dei patemi paterni da trovarsi ingabbiato in una grande fandonia che, nata quasi inconsapevolmente, lo obbliga ad una scelta drastica: rinchiudersi nella cantina della propria casa per una settimana al fine di giustificare l’assenza per un viaggio con ipotetici amici che non lo hanno mai invitato anche perché non lo vedono nemmeno.
L’isolamento forzato è spesso interrotto dalle telefonate della madre che vuole accertarsi che tutto vada bene e dalla riapparizione inaspettata della sorella, figlia di primo matrimonio del padre, una tossicodipendente che lo costringere a una forzata resa dei conti con se stesso e con gli altri.
Ritratti psicologici appena abbozzati, una certa prevedibilità degli eventi, una prosa piana finiscono col facilitare una lettura veloce, di poche ore, che si spegne come un fuoco d’artificio acceso il tempo giusto per vedere il triste tramonto di se stesso senza toccare cielo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
sì: per una lettura passatempo
no: se si esige spessore
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Letto anche io qualche tempo fa, Laura, mi fu regalato assieme a Seta di Baricco dal mio ragazzo, ma eravamo all'inizio, ora mi regala Bernhard, Cortzar e Vasilj Grossmann (da non confondere con il David ahaha). Non mi era particolarmente piaciuto e concordo con te, con più spessore e approfondimento psicologico e sociale avrebbe potuto essere un bel romanzo, magari non Infinite Jest di Wallace, considerate le tematiche, ma comunque un buon libro attuale perché lo vediamo in tv e attorno a noi il problema della dipendenza soprattutto nei giovani, a volte anche letale.
Leggo, Laura, e vedo scarso gradimento e scarsa considerazione qualitativa.
Per me è un 'no' : ammazzare il tempo mi pare un delitto!
In risposta ad un precedente commento
siti
28 Novembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Non sono le mie letture ma visto che ci sono capitata ne lascio una mia impressione; Io non ho paura è stata una piacevole sorpresa, questo meno, mi è sembrato proprio il contrario di un buon lavoro letterario.
In risposta ad un precedente commento
siti
28 Novembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Emilio, passare il tempo non significa necessariamente ammazzarlo: ci sono molte persone che approcciano i libri in questo modo, il mio consiglio andava a loro; gli altri si astengano, ma sai non è mio costume dire no per nessun libro: ciò che non piace a me , interessa altri.
DanySanny
28 Novembre, 2019
Ultimo aggiornamento:
28 Novembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella questa tua ricognizione su Ammaniti! Io ho letto di lui "Io non ho paura", anche se ero abbastanza piccolo, però mi rimase impresso perché feci un sogno-incubo molto simile ;) e anche "Fango", una raccolta di racconti molto vari, dal comico allo splatter, che mi era parsa riuscita. Ma ecco, anni e anni fa...
In risposta ad un precedente commento
siti
29 Novembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Daniele, grazie, io lo approccio, come mio solito, dopo anni di distanza dal rumore prodotto dal successo editoriale, lo valuto in tutta tranquillità e il passare tempo, a mio avviso, può segnare la qualità: se il libro si imprime ancora, allora ha qualche speranza...non è il caso di questo.
SARY
02 Dicembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Hai provato "come dio comanda"? Graffiante e crudo. Merita secondo me.
In risposta ad un precedente commento
siti
02 Dicembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
no, ci proverò!
Abbiamo pareri abbastanza opposti riguardo questo romanzo: sarà forse perché lo avevo letto nel periodo adolescenziale, ma non mi è sembrato assolutamente di poco spessore. Anzi, avevo trovato del talento da parte dell'autore nel riuscire a sintetizzare così grandi temi (adolescenza appunto, ma anche tossicodipendenza) in così poche pagine. Ti ho messo comunque "mi piace", il mondo è bello perché vario e la tua opinione vale quanto la mia, ciao!
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri