Dettagli Recensione

 
La storia
 
La storia 2020-04-22 10:57:19 Mian88
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    22 Aprile, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Voci, anime, volti della Storia

Ida Ramundo, vedova Mancuso, nasce nel 1903 sotto il segno del Capricorno, che inclina all’industria, alle arti e alla profezia nonché, in alcuni casi, alla follia e alla stoltezza, e quando incontra il suo aguzzino di origine tedesca e di professione elettricista in terra germanica e soldato affamato dei bisogni del corpo in terra italiaca, ha quasi trentotto anni, un lavoro da maestra con i bambini nelle scuole e un marito venuto a mancare che le ha lasciato in eredità un figlio, Nino. Anche il tedesco non manca di lasciarle un dono, un dono che Ida non preventiva ma che amerà con tutto il suo cuore, Useppe.
Ida è una donna sola, con tante paure, superstizioni e timori radicati nelle sue origini contadine, è una donna che si troverà a dover affrontare la guerra, la perdita, la privazione di beni materiali, di affetti e di legami, è una donna che sarà chiamata a far fronte alle più dure avversità della vita e che anche quando si troverà senza più niente cercherà di andare avanti per quelle due anime che nel suo piccolo cerca di proteggere. Passano gli anni, scorre il conflitto. Assistiamo al suo susseguirsi, assistiamo al cambiamento della quotidianità di uomini e donne che nelle condizioni più estreme sopravvivono e vanno avanti, osserviamo come cambia la realtà per gli ebrei (di cui Ida ha terrore essendo una parte del suo sangue “giudio”), osserviamo il rapporto con la terra, con la natura e con gli animali, respiriamo la lotta partigiana, tocchiamo con mano la povertà. Perché la guerra finisce ma il suo lascito non giunge al termine. Essa continua con il suo fantasma ad esistere negli echi del cuore e della mente di ogni salvato. Di ogni risparmiato. Di ogni anima agonizzante che per sempre si porterà quella ferita lacerante dentro. E purtroppo non sempre una rinascita è una rinascita per tutti. Ci sono casi, ci sono esistenze all’interno delle quali non c’è possibilità di un riscatto, di una seconda occasione. Perché quella malvagia sorte è sempre pronta ad attendere, a flagellare con inarrestabili frusti, interminabili colpi, dolori lancinanti da cui scaturisce un flusso inarrestabile di lacrime miste a sangue. Perché così è la vita, perché così è scritto, perché così è la sorte, perché così è la stella.
Una stella che cessa di brillare, una stella che perde la sua luce. Ma si sa, La Storia, va avanti. Si ripete in fasi cicliche, si rinnova e si ripropone con tutta la sua forza. Ma va avanti. È un tempo continuo, un tempo ininterrotto. Un tempo che ci lascia nel cuore donne, uomini, ragazzi, bambini, gatte rosse (Rossella), cagnolini (Blitz e Bella), sopravvissuti ai Lager, sopravvissuti ai bombardamenti, sopravvissuti e anche morti. Morti fisiche di persone scomparse, di persone venute a mancare, morti nel cuore e nella mente perché quel nefasto destino si è scatenato in quell’ultima inarrestabile sferza.
Un libro che si divora, un libro con tanti personaggi che si imprimono, un libro da cui è impossibile separarsi, un libro che resta. Un libro che commuove, che scuote, che fa riflettere, che tocca le corde più intime dell’anima, un libro che si ama. Un libro che è.

«Il fatto è che questi paesi sono fatti di calce, tutta roba di calce che si può spaccare e sbriciolare da un momento all’altro. Lei stessa è un pezzo di calce, e rischia di cascare in frantumi e venire spazzata via prima d’arrivare a casa. Nessuno per accompagnarla e sorreggerla, nessuno a cui chiedere aiuto. A ogni modo, chi sa mai come, ce l’ha fatta. È arrivata a Via Bodoni, è salita fino all’uscio, è dentro casa. Qui finalmente, almeno per un poco, può buttarsi giù, lasciarsi cadere in polvere.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Bello bello e bravissima lei!
Lo rileggerei anche domani!
Uno dei libri più belli che mi sia mai capitato di leggere. Con "La ciociara" di Moravia, "La ragazza di Bube" di Cassola, "Il partigiano Jhonny" di Fenoglio, "Uomini e no" di Vittorini e "Lettere di condannati a morte della Resistenza" di Gramsci dice tutto, o quasi, quello che c'è da sapere sull'ultimo conflitto mondiale, almeno per quel che ci riguarda direttamente come italiani. L'amaro in bocca, è lo stesso per tutti, comunque, uguale. Bella recensione, Maria, complimenti, sintetica e esauriente, con stile elegante, il tuo d'abitudine.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
22 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Libro indimenticabile. La Morante ha fatto un lavoro pazzesco.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
22 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Anche io Laura, un libro che mi ha lasciata orfana.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
22 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Letti anch'io, amo questo periodo storico. Ho amato tutti gli scritti da te citati, in primis "La Ciociara". Bellissimi. Grazie Bruno.
"Un libro che è". E non ci sono tanti libri, che sono, in fondo. Quindi da leggere sicuramente, superando quel certo timore che ammetto avere.
Grazie come sempre, Manu
In risposta ad un precedente commento
Mian88
23 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Manu, grazie a te. Se hai modo, te lo consiglio. Col cuore :) :*
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri