Dettagli Recensione

 
Tutto chiede salvezza
 
Tutto chiede salvezza 2020-06-19 19:37:41 Lady Brett Ashley
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lady Brett Ashley Opinione inserita da Lady Brett Ashley    19 Giugno, 2020
  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Si può essere troppo vivi per vivere?"

Non so se sia possibile instaurare una relazione empatica con i libri tuttavia,credo che a me con tale romanzo sia accaduto qualcosa di affine.La prima volta che mi sono imbattuta in esso,in tutta franchezza,ho cercato di eluderlo a motivo della trama,a mio avviso troppo impegnativa sotto il profilo emotivo;pur non di meno,ai miei occhi pavidi eppure affascinati,non ne è sfuggito il titolo:”Tutto chiede salvezza”.( salvezza che in tal caso recupera il duplice significato di "Salvezza" ma anche di Salute", in
ottemperanza al vocabolo latino "salus")Pensai che tali parole non ammettessero replica,alcuna ma,al contrario si stagliassero perentorie,icastiche conturbanti,forti di un’autorevolezza propria soltanto alle parole che sanno di Vero, sicché mi balenò il fatidico pensiero che per tutto quel tempo avevo rigettato nella sfera dell’inconscio:Chi non chiede salvezza?Possibile che,in un angolo del mio essere,così recondito da sembrare inesistente,possa anch’io chiedere salvezza?Il romanzo prende avvio con una tormentosa giaculatoria, un mantra salvifico con valore quasi apotropaico configuratasi per lo più come un lento stillicidio,una querula ed inascoltata preghiera collettiva,quasi un rivolgersi dell’ uomo alla sua stessa natura in cerca di pace:O Maria ho perso l’anima,aiutami Madonna mia!Tali parole scandendo il ritmo del romanzo,sopraggiungono con l’ineluttabilità di una condanna incombente.Il protagonista ed io narrante è Daniele Mencarelli,un ventenne ultrasensibile e sin troppo empatico con il mondo circostante e con le sofferenze altrui,nelle quali si compenetra tanto da viverle come proprie.Egli è uno spirito inquieto, costantemente in preda a ciò che Antonia Pozzi definirebbe saggiamente "febbre del sentire",ansimante fra un’irresistibile vocazione alla vita e,l’immanente incapacità di tollerare il peso della stessa, come scrive Lee Masters:E’una barca che anela al mare eppure lo teme.Ma si può essere troppo vivi per vivere? Si può amarla ed odiarla nel contempo? V' è una frustrazione maggiore del vedere la propria naturale inclinazione alla Grandezza, alla Meraviglia alla Bellezza appiattirsi dinanzi a convenzioni, autoinganni e mediocrità?Leggendo tali righe,viene da domandarsi se, un giovane uomo,riluttante ai canoni di produttività dell’utilitaristica società moderna,possa ritenersi colpevole di una precocee disillusa consapevolezza,ci si domanda se sia vero quanto scritto da Proust:Larga parte dei problemi delle persone intelligenti derivano proprio dalla loro intelligenza?Può definirsi colpa obbedire al richiamo del proprio müssen? Riaffiorano alla mente le parole
del Dottor Faust Goethiano "“Non v’è nulla di più triste a vedersi della tensione spontanea all’ incondizionato in un mondo che è tutto contingente”.Daniele avverte un senso di incompiutezza,rintracciabile forse,nel ricordo di quel Prima,del Paradiso,di Dio,una nostalgia(termine significante proprio dolore per il ritorno)affine al concetto di anamnesi platonica e cagionata dalla consapevolezza di una dicotomia,quasi romantica,fra tensione all'assoluto e meschinità della vita concreta. Ritengo che il disagio esistenziale vissuto dal protagonista sia non solo legittimo ma anche necessario, ineluttabile, un uomo bramoso di vita come può non indignarsi dinanzi alla caducità talora crudele dell' esistere?Come si può rassegnare alla tirannia del tempo incessantemente esercitata a dispetto di ciò che per lui dovrebbe durare per sempre? Comprendo il diffusissimo ricorso al quieto vivere, talvolta inevitabile ma penso che sia possibile, audace e bellissimo che qualcuno non ce la faccia , vi si opponga strenuamente; giacché, come scrive ancora il caro Lee Masters "Cercare un senso alla vita può condurre alla follia, ma una vita senza senso questa è la vera tortura"Tale contraddizione è resa mediante la saggia alternanza di vernacolo romano con intermezzi riflessivi,quasi lirici,i che ne fanno un innovativo prosimetro nel quale le parole ermetiche valicano i confini del non detto,anche grazie alla provvida presenza di spazi bianchi.D’altronde che risposta c’è al dolore?Tutto ciò dà vita ad un romanzo che non dà tregua, ma che al contrario,si configura come un’aporia,nella quale l’unica possibilità è accettare la natura ambivalente di una vita dominata dal caso,le contraddizioni insite nella polarità della giustizia,in un dipanarsi di eventi ove,mai come in tal caso la fortuna è una vox media.Spero tanto che vinca il Premio Strega, sarebbe una piccola grande rioluzione, un peana alla Bellezza della Verità, alla potenza delll' esperienza concreta, carnale, all' audacia di chi narra l'indicibile trasfigurandolo in poesia.Sebbene abbia deciso di recensire questo libro, tengo a precisare come questa scelta sia dettata essenzialmente dalla necessità di estrinsecare e condividere, molto volentieri anche in chiave problematica le riflessioni suscitatemi; detto ciò le parole sono del tutto insufficienti a decodificare il fluido informe della vita, tanto più se essa si rileva in una veste lirica.Io "Io temo tanto la parola degli uomini.
Dicono sempre tutto così chiaro:
questo si chiama cane e quello casa,
e qui è l’inizio e là è la fine!
E mi spaura il modo, lo schernire per gioco,
che sappian tutto ciò che fu e che sarà;
non c’è montagna che li meravigli;
le loro terre e giardini confinano con Dio!
Vorrei ammonirli, fermarli; state lontani!
A Me piace sentire le cose cantare!
Voi le toccate diventano rigide e mute!
Voi mi uccidete le cose!
R.M. Rilke

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello"
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Eccellente recensione, Maria Teresa, empatica e coinvolgente. Siccome è, mi sembra, la tua prima recensione su QLibri, mi auguro di leggerne in futuro molte altre di pari livello. Buone letture!
Sì, in effetti è il mio primo contributo. Grazie per le belle e generosissime parole spese nei miei riguardi, quando leggo un buon libro ritengo sempre doveroso, quando me ne riconosco capace, restituire secondo le mie possibilità, ciò che Lui( qui è proprio il caso di personificare)ha dato a me. Buone letture anche a te!
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri